Alife(Ce)- Venti di guerra siriana. La Lega araba – che a sostenuto la guerra contro la Libia – ha detto di no a un attacco alla Siria. Gran Bretagna, Francia, Canada, e il resto del mondo hanno detto di no a un attacco siriano. Ma gli Stati Uniti sostengono che il governo siriano, ha effettuato il recente attacco su i civili siriani con armi chimiche, queste accuse sono del tutto prive di fondamento. Queste accuse ricordano le accuse che gli americani fecero a l’Iraq di Saddam Hussein..e poi si scopri che non era cosi. L’opinione mondiale è fermamente contro la guerra. Sono soli gli Stati Uniti a volere questa guerra. Ma la Casa Bianca non è stata in grado neanche di “vendere” questa guerra al popolo americano, che sono stanchi della guerra gli americani sono scettici di una guerra con la Siria,e non hanno più la pazienza di sorta per un’altra guerra. Il problema degli Stati Uniti in questo momento è che l’economia non e che vada cosi bene, Il presidente Obama vuole questa guerra come il preludio di una guerra contro l’Iran,Perché l’Iran? il petrolio iraniano!!.. Se questo petrolio iraniano e controllato da amici dell’America il petrolio viene convertito in dollari americani, questo può prevenire il collasso economico degli Stati Uniti per un po’ quanto le economia mette con spalle al muro un governo,questi sono straordinariamente pericolosi, mi chiedo solo quello che il presidente Obama è davvero disposto a fare per andare avanti con questa guerra. Questo e un crocevia pericoloso una guerra alla Siria, potrebbe essere il preludio ad uno scenario da terza guerra mondiale, Cina e Russia sono fermamente contrarie all’azione militare. Il presidente degli Stati Uniti Obama e disposto a rischiare una guerra globale? Distinti saluti. “De Sisto Raffaele

Articolo correlato: Che cosa rischia l’Italia con la guerra in Siria

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”