cfiliceIl trentasettenne originario della provincia di Cosenza guarito dalla Sla a Medjugorie ha partecipato alla veglia di preghiera che si è tenuta nel centro del Savuto. L’uomo, che è arrivato camminando da solo, ha invitato alla preghiera.

E’ arrivato camminado da solo, insieme alla moglie, ed è stato accolto da un applauso, nel corso di una veglia di preghiera a Pianecrati, Cristian Filice, il malato di Sla, guarito a Medjugorie. Molta la commozione tra i fedeli, un centinaio di persone che hanno preso parte all’appuntamento religioso,fissato dal parroco nella villetta antistante la stazione, dove è stata posta la statua della Madonna di Medjugorie. Il luogo si trova poco distante dalla casa in cui medjugorje_R439_thumb400x275abita la famiglia di Cristian. L’uomo che era insieme alla moglie, rosario in mano, ha invitato alla preghiera. L’abitazione del trentasettenne è mèta di curiosi che vogliono parlare e vedere Cristian, conosciuto nella provincia di Cosenza per il suo impegno contro la malattia in quanto referente territoriale dell’ Aisla. Cristian ha recuperato le funzioni fisiche cancellate dalla Sla. Pare si tratti dell’unico caso al mondo di guarigione dalla Sla e si grida la miracolo. (Fonte : Gazzetta del SUD)

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”

Annunci