Marco Fusco viene nominato presidente del Microcredito Progress Regione Molise (1)LE DICHIARAZIONI FATTE NELLA COMMISSIONE PARLAMENTARE DAL BOSS CARMINE SCHIAVONE DEVE FAR RIFLETTERE. LA POLITICA MATESINA “COMPLICE” DEL SISTEMA CAMORRISTICO? ECCO COSA SCRIVEVO NEL 2010 ALL’EX MINISTRO MARONI

(DI Marco Fusco )Un passaggio della relazione della Commissione parlamentare sostanziata dalle dichiarazioni spontanee del pentito Carmine Schiavone mi hanno fatto rabbrividire. I sindaci dei comuni della provincia di Caserta decisi dalla Camorra! Sconcertante. Certo, occorre non generalizzare ma chi non si è accorto che in alcuni centri matesini la composizione delle liste quasi venivano decise altrove? Ecco perché oggi ripubblico una mia lettera inviata nel 2010 all’allora Ministro dell’Interno Onorevole Roberto Maroni. Quasi avessi letto in esclusiva, in tempi non sospetti,  le dichiarazioni del pentito Schiavone! Ecco cosa scrivevo allora:

“Onorevole Ministro dell’Interno Roberto MARONI, intervenga Lei. Le scrivo dalla provincia di Caserta, da un piccolissimo paesino, Fontegreca appena 800 anime. Più volte amministratore pubblico, alle ultime elezioni amministrative non ho partecipato per passare nell’associazionismo. In questo momento, tra le tante cariche che ricopro al di fuori della politica, c’è quella di coordinatore della regione Molise dell’Associazione “Fareambiente”. Signor Ministro, giustamente Ella nelle sue tante uscite pubbliche, quando si tratta di parlare di azioni di contrastato alla malavita organizzata, parla di “modello Caserta” che Ella ha voluto fortemente come una costante sinergia di tutte le forze dell’’ordine di un determinato territorio per sconfiggere quei fenomeni di corruzione che minano in tanti luoghi della nostra amata Patria, la solidità dello Stato. Gli ultimi episodi di cronaca e precisamente  la morte del sindaco di Pollica, nel Cilento, e l’atto intimidatorio subito nei giorni scorsi dal sindaco di Castello del Matese, impongono una seria riflessione. Signor Ministro, dopo l’esecuzione ordinata dalla camorra nei confronti del sindaco di Pollica, ho deciso di scriverLe per informarLa che  c’è un’emergenza criminalità in tutta l’area del versante matesino.

Signor Ministro, dalle nostre parti è camorra non vuole aderire alla stazione unica appaltante. Mi consta che lo stesso   Ministero dell’ Interno ha sollecitato, soprattutto per l’area del casertano, l’adesione di tutti gli Enti a questo organismo centrale per combattere la camorra e tutte quelle ditte con prestanome che operano solo apparentemente nella legalità. La stazione unica appaltante è un organismo che espleta le gare d’appalto per tutti i lavori, i servizi e le forniture di interesse comunale, provinciale e degli altri enti che vi aderiscono attraverso la stipula di una convenzione. Aderendo alla stazione si ha la possibilità da parte degli enti, di affidare le spesso complesse procedure d’appalto ad una struttura specializzata che può più efficacemente garantire funzionalità, efficienza e puntuale rispetto della normativa. Signor Ministro, dalle nostre parti è camorra il sistema della gare di appalto che vedono prevalere sempre le stesse ditte “prestanome” quasi che l’espletamento delle stesse gare si trasforma in un rituale formale e dagli esiti scontati.

Signor Ministro, dalle nostre parti è camorra il sistema dei sub-appalti gestito da un elenco di imprese con un’azione capillare su una vasta area dell’alto casertano, come hanno dimostrato le inchieste della Magistratura.

Signor Ministro, dalle nostre parti è camorra appaltare un’opera e poi, a distanza di qualche anno, riappaltarla come è avvenuto per diversi interventi nell’impiantistica sportiva e in opere pubbliche di recupero urbano.

Signor Ministro, dalle nostre parti è camorra il sistema dell’appalto –concorso utilizzato per favorire sempre le stesse imprese-amiche.

Signor Ministro, dalle nostre parti è camorra il monopolio di ditte in tanti comuni; il territorio è ben delineato quasi fossimo dinanzi a quei clan che si contendono vaste zone per avere il predominio assoluto per traffico di droga e per azioni di estorsione.

Signor Ministro,  dalle nostre parti è camorra indire pubblici concorsi con bandi fatti su misura per gli amici degli amici e, addirittura, con l’inserimento di requisiti che non consentono la partecipazione a giovani laureati.

 Signor Ministro, dalle nostre parti è camorra non approvare i piani regolatori e consentire l’abusivismo edilizio e addirittura dare licenze per ricovero mezzi anche per mansarde che poi, con una semplice richiesta di cambiamento di destinazione d’uso diventano appartamenti abitativi…

Signor Ministro, dalle nostre parti è camorra non utilizzare le risorse dell’Unione Europea 2007/2013 e non attivare le innumerevoli “misure” per lo sviluppo del territorio e la creazione di nuovi posti di lavoro.

Signor Ministro, dalle nostre parti è camorra il cattivo utilizzo delle risorse pubbliche come è avvenuto per i fondi europei 2000/2006 che hanno creato solo cattedrali nel deserto senza una seria programmazione con tanti soldi finiti in mille rivoli senza ricadute importanti per lo sviluppo socio-economico della regione Campania.

Signor Ministro, dalla nostre parti è camorra …signor Ministro potei continuare l’elenco ma per il momento mi fermo qui, in attesa di una Sua risposta e, soprattutto, di una maggiore azione di controllo da parte degli organi dello Stato, a cominciare dalla Magistratura che dovrebbe in provincia di Caserta andare a verificare quanto da più parti sostenuto circa gli strani “giochetti” che avvengono per coprire coloro che sono in odore di camorra e che oramai condizionano appalti in tantissimi centri del Matese. Signor Ministro, la gente onesta del Matese vorrebbe essere governata da sindaci e amministratori coraggiosi: come sarebbe bello se anche nel Matese potessimo dire: anche noi abbiamo il sindaco di Pollica….Con cordialità e stima  Prof. Marco Fusco

Articolo correlato: