sindaco borrelli faicchioMatese-SANNIO- Danni e disagi per la popolazione dopo il terremoto che ieri faicchio terremotoha colpito il Matese e si è avvertito anche a Napoli e a Roma. Il sisma infatti ha provocato la rottura di una conduttura del servizio idrico di San Gregorio Matese, in provincia di Caserta, lasciando così circa un migliaio di persone senz’acqua. Sul posto sono presenti autobotti dei vigili del fuoco mentre i tecnici sono al lavoro per riparare il danno e ripristinare il servizio idrico. A Faicchio, comune della provincia di Benevento, si sono registrati i primi danni provocati dalla scossa di terremoto. Dopo un sopralluogo tecnico è stata dichiarata inagibile la chiesa “Santa Maria del Carmelo” al cui interno è crollata parzialmente la volta. Nella chiesa di San Giovanni, invece, sono caduti calcinacci e si sono verificate lesioni. Sempre a Faicchio, in via precauzionale sono state fatte allontanare dalle case popolari sei famiglie. “Da un primo accertamento – dice il sindaco Mario Borrelli – abbiamo riscontrato una lesione importante alle mura della palazzina delle case popolari”. Paura anche a Pietrelcina durante la rappresentazione del Presepe Vivente, con migliaia di persone in fila per visitare la casa di Padre Pio, nel borgo antico di Sant’Agata de’ Goti e a Montesarchio, dove i giovani hanno evitato locali e luoghi chiusi.(C.S)

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”