Alife(Ce)- Per riflettere: "Il NATALE é povertà. Cosa faranno i poveri a Natale? Con chi e dove saranno?" (Di Raffaele De SISTO)Gesù cacciò i mercanti dal Tempio       RAR

Roma, parroco filma, blocca e fa arrestare ladro di elemosine

(Il Messaggero del 2 feb. 2014)

Molto tempo addietro, quando frequentavo la Chiesa Madre e servivo la Messa, ero solito soffermarmi con l’arciprete e insieme si andava a rendere visita ad un mio parente mons. Vassallo, arcivescovo e già nunzio apostolico a Berlino.

Era una delle solite domeniche, ma l’arciprete volle soffermarsi in Chiesa, e capii dopo il motivo. Mimetizzati dietro una colonna vedemmo un uomo prostrato nell’inginocchiatoio, sembrava che pregasse.

Fu allora che il sacerdote gli si avvicinò e con molta dolcezza gli chiese: “Perchè prendi le elemosine ? Ti appartengono, non hai bisogno di prenderle di nascosto; sono un dono dei fedeli, destinate a chi ne ha più bisogno, e tu ne hai certamente bisogno”.

Ricordo benissimo che non usò il termine “rubare”, ma solo “prendere di nascosto”.

Così aprì con la chiave lo sportello sovrastante l’inginocchiatoio, prese tutti i soldi  (molti erano biglietti da due lire) e li porse all’uomo, aggiungendo anche  del suo.

Questi piangeva, certamente per la vergogna.

Rivolto  a me  chiese  se  avevo soldi, e ne avevo; era la paghetta settimanale di 10 lire (eravamo alla fine degli anni ‘40 !)   Li prese e li aggiunse a quanto aveva già dato all’uomo.

Questi era in lacrime e chiedeva perdono, ma il bisogno era tanto e non aveva di che comprare il pane.

L’arciprete lo benedisse aggiungendo: “Non ho nulla da perdonarti, Gesù cacciò i mercanti dal Tempio e tu non sei un mercante da cacciare ma un figlio prediletto di Dio; va in pace e torna quando hai bisogno”.

Rosario Amico Roxas