Cane 3Vairano Patenora(Ce)– E’ appena andato via dal bar di mia moglie Grande Lino, sconvolto e arrabbiato, raccontando le lacrime agli occhi di moglie e figli, da poco rientrato dalla caserma dei Carabinieri di Vairano Scalo dove era andato a conferma della denuncia nei confronti di Cantelmo Roberto. Nel pomeriggio avanzato, in località panoramica di Vairano Patenora, nei cui pressi vi è sia l’abitazione di Grande che di Cantelmo, si sono uditi due forti spari di fucile. Poco dopo Grande nota poco lontano il suo cane, un pastore tedesco ma non di razza, morto disteso a terra; pensa che sia stato investito da qualche auto di passaggio. Lo rigira e nota

che la povera bestia aveva due buchi da sparo, ha messo assieme quanto aveva visto poco prima e corre immediatamente dai Carabinieri a querelare Cantelmo. Nel giro di pochi minuti i Carabinieri vanno a casa del Cantelmo, lo traggono in arresto temporaneo, sequestrandogli il fucile e tutte le munizioni. Al confronto in caserma di Vairano Scalo il Cantelmo, anche difronte alla rabbia di Grande, non ha potuto mentire ed ha confessato tutto, dichiarandosi disponibile a indennizzare ogni danno provocato, quindi viene riaccompagnato a casa dai Carabinieri poichè reati per condanne inferiori a tre anni non prevedono la conferma dell’arresto preventivo da parte della Procura. In ogni caso il Cantelmo, adesso, il fucile anche in casa se lo deve dimenticare oltre ai danni materiali e morali su cui la famiglia Grande intenderà avviare il procedimento giudiziario; alcun valore ha infatti la difesa dell’accusato secondo il quale ha sparato perchè il cane aggrediva le sue galline. Di galline nei dintorni ve ne sono tante e mai nessuno si è lamentato. La povera bestia, appunto “ammazzata come un cane”, come si dice nel vecchio motto, dopo il sopralluogo del responsabile veterinario del Distretto Sanitario,dott.Di Caprio, verrà sepolto e distrutto secondo le regole sanitarie.

E’ ASSAI GRAVE QUANTO E’ ACCADUTO. E’ IL SECONDO ASSASSINIO DI POVERI CANI CHE ACCADE NEL COMUNE DI VAIRANO, COME HA DENUNCIATO L’ASSOCIAZIONE ANIMALISTI LOCALI CON UN PUBBLICO MANIFESTO DI QUALCHE GIORNO ADDIETRO.
F.to
Lino Martone
Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-MAtesino & d”