operaio1 licenziato si incatena davanti al comune A Caserta c’è la disperazione. Il vescovo invece la chiama protagonismo. Operaio licenziato s’incatena davanti al comune e chiede aiuto al PAPA

Caserta- Da quattro giorni e’ incatenato davanti al Comune di Caserta per protestare contro il licenziamento deciso dall’azienda per cui lavorava, ovvero l’Ecocar, societa’ che effettua il servizio di rifiuti nel capoluogo e che qualche giorno fa ha ricevuto un’ interdittiva antimafia emessa dalla Prefettura di Caserta. Oggi, Donato Dell’Aquila, sposato con due figli, ha scritto a Papa Francesco – che dopodomani sara’ in visita a Caserta – pregandolo di “interessarsi alla mia situazione visto che nessuno, ad iniziare dal Comune, l’ente che ha affidato il servizio, cosi’ come la Prefettura, si sono al momento mossi. Papa Francesco ha una grandissima umanita’ e comprende l’alto valore del lavoro onesto. Sono sicuro che mi ascoltera’”. Il dipendente ha anche accusato un malore ed e’ stato soccorso dal 118.(Comunicato stampa)

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”