CiroAL DIRIGENTE AD INTERIM PER LE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI
Dott.ssa Daniela Carella
AL DIRETTORE GENERALE PER LE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI
Dott.Filippo Diasco
ALL’ASSESSORE REGIONALE ALL’AGRICOLTURA
On.Daniela Nugnes
AL PRESIDENTE PRO-TEMPORE DEL CON SORZIO DI BONIFICA SANNIO ALIFANO
Prof.Pietro Andrea Cappella
AL COMMISSARIO LIQUIDATORE
DEL SOPPRESSO CONSORZIO DI BONIFICA DELLA VALLE TELESINA
Dott.Giuseppe Catenacci
e p.c. AL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE DELLA REGIONE CAMPANIA
On.Stefano Caldoro
AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA REGIONE CAMPANIA
On.Pietro Foglia
ALLA COORDINATRICE DELL’AVVOCATURA REGIONALE
Avv.Maria D’Elia
A S.E. IL PREFETTO DI BENEVENTO
Dott.ssa Paola GALEONE
AL CAPO DI GABINETTO DEL PREFETTO DI BENEVENTO
Dott.ssa Floriana MATURI
AL CONSIGLIERE REGIONALE
On.Giulia Abbate
AL CONSIGLIERE REGIONALE
On. Alessandrina Lonardo
Oggetto:L.R. 11/2012-Art.3:Ottemperanza.
Il sottoscritto Abitabile Ciro nato a Cerreto Sannita (BN) il 16-02-1956 e residente in San Salvatore Telesino (BN),alla Via S.Andrea,11 dipendente di ruolo del soppresso Consorzio di Bonifica della Valle Telesina
Premesso che:
-La Corte Costituzionale con sentenza n.202/2014,ha dichiarato inammissibile la questione di legittimità costituzionale dell’art. 3 della L.R.. 10-5-2012, n. 11 , sollevata dal Tribunale amministrativo della Regione Campania;
-L’art. 3 della L.R. Campania n. 11/2012 non ha, infatti, rimosso modalità e adempimenti già prescritti in sede amministrativa con le delibere del Consiglio regionale n. 94/6 del 3 aprile 2002 e della Giunta regionale n. 2082 del 17 maggio 2002, ma – presupponendone l’indefettibile osservanza – si è limitato ad imporne l’attuazione, sollecitando il superamento della decennale situazione di stallo;
-la Corte Costituzionale ha rilevato una situazione di inerzia amministrativa, che ha pregiudicato gravemente l’attuazione dell’originario provvedimento (delibera del Consiglio regionale n. 94/6 del 3 aprile 2002, che ha approvato la proposta di Giunta regionale) per quanto riguarda il trasferimento dei dipendenti,a differenza dello scioglimento del Consorzio di bonifica della Valle Telesina e del trasferimento delle attività principali al Consorzio di Bonifica del Sannio Alifano avvenuti in maniera celere;
Considerato che:
-la L.R. 11/2012-Art,3 dispone il trasferimento del personale del soppresso Consorzio di Bonifica della Valle Telesina presso il Consorzio di Bonifica Sannio Alifano (Sentenza 202/2014 della Corte Costituzionale inappellabile a mente dell’articolo 137 della Costituzione Italiana);
L’accoglimento da parte del Tar dell’istanza cautelare tesa a paralizzare l’esecuzione degli atti impugnati dal Consorzio Sannio Alifano sono venuti meno con la sentenza di legittimità della L.R.11/2012-Art.3.
Gli atti impugnati dal Consorzio del Sannio Alifano si riferiscono per la parte introduttiva e per i motivi aggiunti alle nota prot. n. 367256 del 15/05/2012 della Regione Campania,alla nota 515 del 24/05/2012 del Commissario Liquidatore del Soppresso Consorzio di Bonifica della Valle Telesina e alla nota prot. 0535734 del 12/07/2012 a firma del dirigente p.t. dell’A.G.C. Sviluppo Attività Settore Primario della Regione Campania che sollecitavano l’attuazione della delibera del Consiglio Regionale n. 94/6 del 3 aprile 2002, il superamento della decennale situazione di stallo e l’ottemperanza della L.R.11/2012, dichiarata poi legittima dalla Corte
Visto che:
-la norma che prevede la finalizzazione del contributo regionale al personale è espressiva di una precisa scelta del legislatore consistente nell’accordare una protezione particolarmente energica – alla luce delle patologiche modalità temporali che hanno caratterizzato la seconda fase di liquidazione – ad un bene di indubbia pregnanza, fissando una copertura temporanea attraverso una stima di massima degli oneri necessari;
-Il sottoscritto a tutt’oggi non percepisce le retribuzioni da ben venti mesi
CHIEDE ALLE S.S.V.V.
-quali iniziative intendono adottare e/o sono state adottate per ottemperare al trasferimento.
-quali iniziative intendono adottare e/o sono state adottate per il pagamento delle retribuzioni.
San Salvatore Telesino 7 agosto 2014
Distinti Saluti
IL RAPPRESENTANTE SINDACALE PROVINCIALE FILBA-UILA
Ciro Abitabile
E-mail:ciroabitabile@gmail.com

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”