ginoIL ROMANZO VERITA’ DI GINO IORIO PRIMO ASSOLUTO AL PREMIO INTERNAZIONALE VITTORIO ALFIERI AD ASTI
LA CASA DI TONIA
MANIFESTAZIONE AL PALAZZO DELLA PROVINCIA IL QUATTRO OTTOBRE. PRESENTA VITTORIA BRUNO, PRESIDENTE DELL’ASSOCIAZIONE “LA POESIA SALVA LA VITA”
SERVIZIO di NICOLA DI MONACO
ROMA, 14.09.2014
LA CASA DI TONIA, romanzo di Gino Iorio, eclettico poeta e scrittore di Calvi Risorta, l’antica Cales di Tito Livio, approda e sbanca il Premio Internazionale Vittorio Alfieri. Primo Premio assoluto e vetrina di lusso per l’autore, convertito negli ultimi anni da una intensa e tormentata vita di industriale a una non meno intensa e problematica attività di uomo di cultura. Da amico e riferimento importante in Italia di Raul Gardini e dello stilista Sergio Soldano ad acclamato writer del terzo millennio. Stile semplice ed asciutto, senza fronzoli, d’istinto, aedo di stampo antico, di quelli che era possibile incontrare a Smirne o ad Alessandria, cattiva il lettore e lo incatena alle sue pagine. Canta la vita e l’amore, senza pudore, ma con il garbo e la grazia del poeta e trovatore francese Jaufre Rudel. La Casa di Tonia è l’incontro dello scrittore con il “suicidio” consapevole e accettato come estasi d’amore da Tonia Accardo, madre coraggio, che rinuncia alla propria vita per salvare quella che ha in grembo. Niente chemio, solo l’abbandono ad un destino tracciato più in alto. Le visioni incontro con Tonia hanno come scenario le scoscese balze del Vesuvio, l’orizzonte di Capri e di Punta Campanella, gli stracci di Resina e le ginestre di Torre del Greco, così care agli ultimi giorni di Giacomo Leopardi. I sogni, le attese, la vita di una donna. Amore e morte, eros e thanatos, un unico intreccio. Nessuna agiografia, solo la voce del cuore e il silenzio dei martiri. La cerimonia di premiazione di Gino Iorio avrà luogo ad Asti, nella sala consiliare della provincia sabato quattro ottobre. A tessere i fili della manifestazione sarà Vittoria Bruno, presidente dell’associazione “La poesia salva la vita”, con un parterre che si annuncia ricco di personalità del mondo dell’arte e della cultura.(A cura del giornalista Nicola Di Monaco)
Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”