Maxi sequestro banconote false nel Casertano, 17 mln di euroCapua, 24 Settembre 2014 Maxi sequestro di banconote contraffate a Marcianise Lopes (Economia monetaria): Il nuovo fenomeno è l’accumulo di denaro contante effettuato da diverse attività commerciali

«Il sommerso, nell’accezione più ampia del termine, si nutre dell’utilizzo del contante proprio per evitare qualsiasi forma di tracciabilità». Così Antonio Lopes, ordinario di Economia politica e docente di Economia monetaria al Dipartimento di Economia della Seconda Università degli Studi di Napoli, commenta il sequestro effettuato dalla Guardia di Finanza a Marcianise di 17 milioni di euro in banconote abilmente contraffatte.
Le banconote sottoposte a sequestro riproducevano con ottima fattura le originali in virtù della buona imitazione della filigrana, del filo di sicurezza e degli ologrammi. Gli inquirenti sono al lavoro per cercare di risalire ai canali attraverso i quali i biglietti illecitamente fabbricati sarebbero stati immessi in circolazione. Le banconote, tutte del taglio di 50 euro, erano destinate al mercato nazionale e probabilmente a quello comunitario.
«Che ci siano attività criminali in una provincia a rischio come la nostra non è una novità – continua il professor Lopes – Il fenomeno nuovo è che molte attività commerciali stanno accumulando contante per aver la possibilità di effettuare pagamenti sfuggendo a ogni forma di controllo».

81043 – CAPUA – Corso Gran Priorato di Malta – tel. 0823 274042- 274063 fax 0823 274042(Articolo a cura dell’ufficio stampa Antonio SALVATI)

-Leggi qui articolo operazione GDF:  Maxi sequestro di euro falsi nel Casertano

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”

Annunci