agrario piedimontePiedimonte Matese(CE)- È pronto per essere presentato in Regione Campania e candidato a finanziamento il progetto definitivo-esecutivo per la riparazione e l’adeguamento della vulnerabilità antisismica dell’istituto agrario “Scorciarini Coppola” di Piedimonte Matese gravemente danneggiato a seguito del sisma del 29 dicembre 2013.
Su disposizione dell’Assessore provinciale all’Edilizia Scolastica Francesco Zaccariello, il competente settore della Provincia presieduta dall’On. Domenico Zinzi ha ultimato la predisposizione dell’intervento immediatamente cantierabile per la riqualificazione dell’intero complesso storico che ospita al proprio interno le aule ed i laboratori dell’Itas e per rendere lo stesso stabile, un vecchio monastero del 1800, antisismico e maggiormente sicuro sotto il profilo strutturale e funzionale.
L’intervento oggetto della progettazione redatta dall’assessorato retto da Zaccariello prevede una spesa di diverse centinaia di migliaia di euro, da qui la richiesta della Provincia di assegnazione dei fondi necessari alla Regione Campania che, attraverso l’assessorato alla Protezione Civile e alle Opere Pubbliche, nei mesi scorsi aveva garantito al delegato provinciale all’Edilizia Scolastica lo stanziamento delle risorse occorrenti alla realizzazione dei lavori.
A tal fine, l’amministrazione provinciale ha già trasmesso gli elaborati tecnici dell’intero progetto alla Soprintendenza ai Beni Storici ed Archeologici per ottenere i prescritti pareri atteso che, una volta concesso il finanziamento, le opere potranno partire immediatamente, senza ulteriore allungamento dei tempi, in modo da consentire così la riapertura della scuola e la ripresa delle attività didattiche al più presto possibile, facendovi rientrare gli studenti entro il prossimo anno scolastico.
Le opere che verranno eseguite nei prossimi mesi, riguarderanno la riparazione delle lesioni subite dall’edificio e registrate a seguito del terremoto di magnitudo 4,9 della scala Richter.
“Come Provincia guidati dal Presidente Zinzi e come assessorato all’Edilizia Scolastica – ha dichiarato Zaccariello – abbiamo fatto la nostra parte e preparato il progetto definitivo esecutivo, grazie anche all’opera incessante del competente settore guidato dal dirigente Paolo Madonna. Adesso tocca alla Regione Campania assegnarci le risorse necessarie per riqualificare l’intero edificio dell’Agrario e consentire il ritorno al suo interno di aule e laboratori, da mesi allocate temporaneamente presso l’Itis Caso. Il nostro sforzo continuerà ad essere massimo e proteso a recuperare e rendere nuovamente utilizzarle l’edificio entro pochi mesi, così da porre fine anche agli inevitabili disagi che stanno affrontando gli studenti”.(Comunicato da ufficio stampa segreteria Assess. Zaccariello)

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”

Annunci