poliziaBELLUNO – Dalla messa alla corona del rosario il passo è breve, in una società che vorrebbe tutti senza una palese identità religiosa: un automobilista del Comelico

ha testimoniato ieri davanti ai carabinieri per l’acceso rimbrotto di una vigilessa romagnola alla vista della corona del rosario appesa allo specchietto dell’auto. L’episodio a maggio in provincia di Forlì dove fu fermato da una pattuglia della polizia locale. E mentre una delle due agenti fa il controllo, l’altra esprime disappunto per quel segno all’interno dell’auto: quello che poteva sembrare uno scherzo dai contorni surreali, si trasforma in una vicenda giudiziaria, perché è arrivata una denuncia e il “trasgressore” (che intende restare anonimo) è stato invitato a presentarsi alla stazione dei carabinieri di Santo Stefanoper deporre quanto ricordava di quell’episodio. (Fonte: Leggo  )

Pubblicato da red.prov. “Alto Casertano-Matesino & d”

 

Annunci