ciclismo-1Calvi Risorta(Caserta) – Festina Lente è un motto attribuito all’ Imperatore Augusto dallo scrittore latino Svetonio. La locuzione indica un modo di agire senza indugi, ma con cautela. In seguito il motto venne associato al simbolo della tartaruga con vela, da Cosimo I de Medici che nel XVI secolo ne fece l’emblema della sua flotta, come monito di ponderazione delle imprese perché avessero successo. La tartaruga, animale famoso per la sua lentezza, ma anche sinonimo di prudenza, è abbinato alla vela gonfiata dal vento, ovvero ciò che spinge le navi, quindi sinonimo di forza d’azione. “Per indicare il nostro evento che si articola in tre manifestazioni ciclistiche – sottolinea un dirigente della società organizzatrice Veloclub Ventocontrario – abbiamo scelto la denominazione Festina Lente e il logo raffigurante una tartaruga con vela che sovrasta l’anfiteatro dell’Antica Cales di Calvi Risorta, perché esprime immediatamente i valori dell’attività agonistica e del cicloturismo, che quest’anno gli appassionati di ciclismo ritroveranno nella cronoscalata di Calvi Risorta Rocchetta e Croce, in programma il 5 Luglio 2015, e identifica il territorio in cui si svolgono le manifestazioni. Dopo la positiva esperienza di quest’anno, che ha visto ben 130 ciclisti prendere il via alla nostra cronoscalata, abbiamo deciso di aprire la partecipazione ai cicloturisti, disegnando due percorsi non agonistici di 65 e 125 chilometri. I cicloturisti potranno prendere il via alla francese dalle 07,00 alle 08,00 affrontare la salita di Rocchetta e Croce con il proprio passo e poi scegliere uno dei due percorsi, così come gli agonisti, partenze dalle 08,30, che dopo aver fatto segnare il tempo della loro performance potranno continuare la mattinata dedicata al ciclismo pedalando su uno dei due percorsi cicloturistici. Velocità e lentezza, due concetti divergenti, che possono coesistere anche in una manifestazione sportiva”.

Il programma di Festina Lente sarà aperto Domenica 15 Marzo 2015 dalla Randonnèe delle Acque che vedrà gli appassionati di questa specialità pedalare lungo il percorso di 200 chilometri immerso nel verde, partenza alle ore 8 da Calvi Risorta. Il secondo appuntamento per i randonneur è fissato per il giorno 5 Luglio 2015, quando alle ore 5,30 del mattino scatteranno da Calvi Risorta per dar vita alla Randonnèe dell’Incontro di 300 chilometri.
Antonio Bonacci, un programma ambizioso quello di Festina Lente, ma che vuol lasciare un segno tangibile nel movimento amatoriale campano.
“Quest’anno grazie alla fiducia degli amici del circuito Scudetto Campano, abbiamo fatto il nostro esordio in campo organizzativo. Gli apprezzamenti espressi dai partecipanti ci hanno spinto ad arricchire il programma sportivo da proporre nella stagione 2015, aprendo i nostri eventi ai cicloturisti”
Quali sono i vostri obiettivi?
“La valorizzazione del territorio sul piano naturalistico ed architettonico, le sue eccellenze, il coinvolgimento di alcune realtà del tessuto industriale locale e la promozione del turismo sportivo che gradualmente coinvolga le associazioni e strutture presenti nel nostro territorio. Abbiamo stilato un programma su base pluriennale che dovrebbe portarci all’organizzazione di una gran fondo cicloturistica, attraverso un maggior coinvolgimento degli enti locali e associazioni del territorio. L’obiettivo primario è la sicurezza dei ciclisti che vi partecipano”
Una cronoscalata di dieci chilometri e due percorsi cicloturistici, un evento innovativo sotto ogni punto di vista
“Si, non credo che almeno in Campania siano state organizzate manifestazioni di questo genere. Noi siamo coscienti delle potenzialità del cicloturismo, in Emilia Romagna il Circuito Romagnolo organizza annualmente granfondo cicloturistiche a cui partecipano oltre tremila cicloturisti per ciascuna manifestazione, qui in Campania non vi è sicuramente lo stesso numero di appassionati romagnoli, ma dobbiamo lavorare sulla promozione del cicloturismo se vogliamo far crescere le nostre manifestazioni”
Altra novità le due Randonnèe?
“Per quel che riguarda quest’attività devo dire che nella nostra regione è abbastanza conosciuta e praticata. Le nostre due prove sono inserite nel circuito Audax  Randonneur Italia (A.R.I)  e sono valide come prova brevetti randonneurs,  che  permettono di entrare a far parte della Nazionale e di essere ammessi alla Parigi – Brest – Parigi (PBP), come il BRM (Brevets de Randonneurs Mondiaux), per i quali l’ARI è il referente di ACP (Audax Club Parisienne). La Randonnèe delle Acque in programma il prossimo 15 Marzo attraverserà un territorio ricco di fiumi e di sergenti naturali per poi portare i ciclisti a pedalare lungo un percorso di 200 chilometri immerso nel verde. Quella dell’Incontro, che si tiene sulla distanza di 300 chilometri, porterà i randonneur ad attraversare la località di Borgonuovo, in cui si sarebbe svolto lo storico incontro tra Giuseppe Garibaldi e Vittorio Emanuele II, che sancì l’adesione del generale, che aveva guidato la spedizione dei Mille alla politica di casa Savoia. Località ricche di eventi storici e passando dalle montagne del Matese sino al mare della Sinuessa”. (Comunicato da organizzazione evento sportivo)

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”

Annunci