imu terreni agricoliAilano(Ce)- Ieri abbiamo adottato una delibera per disapplicare sanzioni e interessi all’ Imu agricola fino al 25 marzo( Si riporta di seguito). L ‘avviso e la delibera sono già pubblicate sul sito. Reputo importante questa cosa perché è vero che la si vive in non molti comuni (quelli parzialmente montani in base alla classificazione del 1952) ma vi assicuro che, dove c’è, la si vive male perché gli importi sono alti anche perché il provvedimento governativo è intervenuto quando non c’ era più la possibilità per il 2014 di deliberare un’aliquota più bassa. Come giunta comunale, abbiamo deciso di studiare ed adottare questa delibera, cosa per ora fatta solo da pochissimi Comuni in Italia, soprattutto per due motivi: 1) dare un pò di respiro ai contribuenti; 2) confidare in emendamenti parlamentari più favorevoli che potrebbero esserci in sede di conversione in legge entro il 24 marzo.

AVVISO – IMU 2014 TERRENI AGRICOLI
Il Decreto Legge n.4 del 24/1/2015 pubblicato sulla G.U. n.19 del 24/1/2015 ha introdotto nuovi criteri ai fini dell’esenzione dall’ IMU dei terreni agricoli. In particolare il citato decreto legge ha stabilito che, nei comuni parzialmente montani, l’esenzione si applica ai terreni agricoli, nonché a quelli non coltivati, posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali di cui all’articolo 1 del D.Lgs. 29 marzo 2004 n.99 iscritti alla previdenza agricola. Il decreto ha effetto a partire dall’anno 2014 fissando la scadenza del versamento a saldo al 10/2/2015.
Il Comune di Ailano è classificato “parzialmente montano” sulla base dell’elenco dei comuni italiani pubblicato sul sito internet dell’Istat.
I contribuenti in possesso di terreni agricoli e non aventi la qualifica di
coltivatore diretto o imprenditore agricolo a titolo principale e non iscritti alla previdenza agricola sono tenuti a versare l’ Imu per l’anno 2014 con le seguenti modalità: Aliquota: 7,6 per mille
Codice tributo (mod. F24) : 3914 barrando acconto e saldo
Codice catastale: A106
Base imponibile: Reddito dominicale * 1,25 * 135
A fronte della normativa sopravvenuta, la giunta comunale, con delibera n. 5 del 3/2/2015:
– in considerazione delle condizioni di incertezza normativa, in pendenza
ancora di giudizi di merito a seguito di ricorsi promossi dalle associazioni di
Comuni, nonché delle obiettive criticità per i contribuenti nella
determinazione e nel versamento del tributo in tempi strettissimi;
– tenuto conto che il DL n. 4 del 24/1/2015 potrebbe essere emendato in sede di conversione in legge;
ha deciso la disapplicazione delle sanzioni e degli interessi per i contribuenti che non riuscendo ad effettuare il versamento entro la scadenza del 10/2/2015 provvedano a detta obbligazione tributaria entro il 25 marzo 2015, con la precisazione che, in caso di mancato versamento entro tale data, il ricorso al ravvedimento operoso decorrerà dall’11/2/ 2015.
Dalla sede municipale lì 3/2/2015
Il Sindaco
dott. Vincenzo Lanzone

(Inviato dal consigliere Giovanni Cantelmo)

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”

Advertisements