discarica calvi risorta2Il Consiglio Comunale di Vairano Patenora, alla luce dei gravi fatti emersi in questi giorni, in relazione alla devastazione ambientale dell’area della ex Pozzi-Ginori, all’interno dell’ASI definita impropriamente del Volturno-Nord, che si aggiungono alle precedenti denunce della “terra dei fuochi” ed estendono il rischio di vita a territori quasi confinanti, come Calvi, Sparanise, Pignataro, impegna il Sindaco, la Giunta, in uno con i Gruppi Consiliari, a dare vita in via urgente ad un incontro con tutti i Comuni dell’Alto Casertano-Matesino e del Volturno Nord, affinchè si dia vita a una Conferenza Programmatica con Governo e Regione in direzione di provvedimenti progettuali e finanziari al fine di una particolare salvaguardia ambientale dell’area Volturno Nord e potenziamento delle sue risorse territoriali e ambientali.
In tale iniziativa non vi è e non vi deve essere nulla di opportunistico, corporativo e municipalista, in quanto il pieno recupero delle grandi risorse territoriali e agrarie di Terra di Lavoro e della Pianura Campana, passa per il tramite di un piano speciale e straordinario di dotazione delle aree menzionate di risorse idriche pulite e non sospette di inquinamento. Un piano straordinario e risorse idriche che non possono non fondarsi sull’apporto dell’intero tratto del Volturno Nord.
In tal quadro l’obiettivo di fondo è e rimane un grande piano straordinario di riassetto e salvaguardia del Volturno Nord, il fiume più grande del Mezzogiorno e risorsa strategica dell’assetto idrogeologico del 70% del territorio campano. Un piano straordinario che oltre a fornire risorsa idrica affidabile diventi occasione di sviluppo legata all’attività turistica, oltre a dare milioni di ore o giornate di lavoro.
In tal contesto è in primo luogo pregiudiziale la revoca immediata della decisione governativa e regionale di consentire una mostruosa centrale turbogas nel territorio tra Vairano e Presenzano; decisione prima sospesa e poi promulgata negli adempimenti per altri due anni a partire dal 2014.
Non meno strategica, parimenti in termini di lavoro, è la revisione e l’ammodernamento del sistema delle centrali idroelettriche disseminate lungo tutto il corso del Volturno e dei suoi affluenti, con cui può essere potenziata la loro capacità energetica – produttiva senza sottrarre e deviare le acque al Volturno che a valle possono incrementare l’attività economico-turistica e il sistema di dighe per la pubblica irrigazione.
L’incontro e l’iniziativa urgente di cui al presente OdG può anche essere convocata congiuntamente dal primo nucleo dei Comuni che già si sono dichiarati disponibili a dar vita, insieme a Vairano, alla prima UNIONE, Pietravairano, Caianello, Marzano Appio, Pratella; è opportuno organizzare l’incontro nei pressi dell’Auditorium della Chiesa di Vairano Scalo, assumendo subito l’opportuna intesa con il parroco responsabile.
L’incontro del presente OdG deve diventare anche occasione definitiva per dar corso alla decisione già assunta dal Consiglio Comunale di dar vita a una specifica FONDAZIONE VOLTURNO, con sede a Vairano e insieme a tutti i Comuni confinanti, dalla nascita del Fiume al suo sbocco al mare.
Oltre ai rappresentanti delle Pubbliche Amministrazioni interessate, come l’Autorità di Bacino, e agli Organi di Governo, è naturale l’invito alla presenza dei Comuni interessati ai disastri denunciati, tutte le Associazioni impegnate e anche quelle nuove espressioni di direzione dei Comuni che si sono distinte nella lotta contro il crimine camorra.
IL CONSIGLIO COMUNALE, IN DATA 19 GIUGNO 2015, ALLE ORE 21,30, APPROVA ALL’UNANIMITA’ IL PRESENTE ODG E DA PIENO MANDATO AI CAPIGRUPPO CONSILIARI DI DIRIGERE E ORGANIZZARE LE INIZIATIVE IN OGGETTO. (Comunicato a cura di Lino MARTONE Capogruppo consiliare Torre)

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”

Advertisements