Ad Torani AquasPiedimonte Matese(Ce)- Un’esperienza decisamente fuori dal comune per la corale “Ad Torani Aquas” di Piedimonte Matese, che lo scorso 23 aprile si è esibita ad Alcalà de Henares, poco distante da Madrid, ospite dell’Università di questa bellissima città dichiarata dall’Unesco patrimonio dell’umanità, e che diede i natali a Miguel de Cervantes nel 1547. Il concerto della corale piemontese si inseriva proprio nelle manifestazioni organizzate per celebrare i 400 anni della morte del grande scrittore spagnolo, ed ha visto il gruppo esibirsi al fianco di un coro portoghese e al coro dell’Università di Alcalà, una delle più antiche d’Europa, dove hanno studiato, tra gli altri, Ignazio di Loyola e lo stesso autore del Don Chisciotte. Il concerto ha avuto un prologo particolarissimo per alcuni dei coristi di Piedimonte, che la mattina del 23 aprile hanno cantato insieme alla corale spagnola al cospetto del re Filippo VI, della regina Letizia, e del primo ministro Rajoy, in occasione della consegna del prestigioso Premio Cervantes, quest’anno assegnato allo scrittore messicano Fernando del Paso. La serata è proseguita nell’auditorium dell’Università con il concerto dei tre cori, prima separatamente, poi insieme per un reciproco omaggio, con un canto spagnolo, uno portoghese e il trascinante “Funiculì funiculà”: il coro piedimontese ha difatti presentato una selezione di classici napoletani, nella trascrizione del maestro Claudio De Siena, accompagnato al pianoforte dal Maestro Tiziana Silvestri, fondatrice e direttore artistico, e diretto dal maestro Felice Cavaliere. L’occasione per questo scambio culturale è stata fornita al coro da una permanenza nell’Università di Alcalà di un giovane piedimontese, Pierluigi Reveglia, studente Erasmus come migliaia di giovani europei, che lo scorso anno ha invitato la corale spagnola a tenere un concerto a Piedimonte, al quale è poi seguito l’invito rivolto al coro della città matesina. Felici e orgogliose le voci della “Ad Torani Aquas” per la bella esperienza vissuta: “E’ stato un onore grande – ha detto il Presidente della corale Costantino Leuci – poter partecipare ad una manifestazione così prestigiosa, addirittura con la presenza del re di Spagna, e rappresentare quindi non solo Piedimonte Matese ma l’Intero nostro Paese in uno scambio culturale che ha visto la nostra musica diventare ancora una volta veicolo di amicizia e di conoscenza tra popoli. Tanto più in un momento storico come quello che stiamo vivendo, che vede riemergere chiusure e contrapposizioni anche nel cuore dell’Europa, mentre noi vogliamo sottolineare la comunanza di valori fondamentali, pur espressi con linguaggi e forme artistiche diverse, che ci arricchiscono tutti.”

Annunci