consorzio bonifica casertaLa settimana enigmistica ha una rubrica dal titolo “STRANO MA VERO”.
E’ quello che sta succedendo al Consorzio Generale di Bonifica di Caserta alla via Roma 80. I lavoratori senza stipendio da oltre 1 anno, telefonini aziendali staccati (morosi verso il gestore) 4 dipendenti andati in pensione nel 2015 ancora senza liquidazione, 5 stagionali assunti nell’estate 2015 ancora senza prendere lo stipendio ( ieri il presidente Michele Schiavone ha deliberato l’assunzione di 15 stagionali) Sempre ieri equitalia ha notificato il credito verso il Consorzio di 2 milioni e mezzo, sempre ieri 4 consiglieri di opposizione quali: A. Lupoli, M. Schiavone, E. Natale e G. Pirozzi hanno denunciato il ritardo del servizio irriguo ( che dovvrebbe partire a marzo) Basti pensare che le 3 centrali irrigue solo Parete e efficiente al 50% Mazzafarro e dismessa da 3 anni (hanno rubato tutti i cavi in rame) Santa Maria la Fossa ha le pompe fuori uso… e nel frattempo siam a metà maggio e questi incuranti di tutto ciò deliberano l’assunzione di 15 lavoratori stagionali per 4 mesi; ammesso che si parte per metà giugno, ad ottobre che devono fare ste 15 persone? se si era deciso di fare l’irrigazione si doveva partire a marzo! tutto questo a discapito degli agricoltori e dei dipendenti. Porterà altri 15 stipendi arretrati per gli stagionali che saranno costretti a pignorare il conto come hanno fatto i 72 lavoratori e tutto questo più volte denunciato dai sindacati Provinciali sia in Prefettura, sia in Regione Campania tra l’indifferenza totale.(Comunicato da lavoratori Consorzio generale di Bonifica Caserta)

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”