roberto vitelliAlife(Ce)- E’ di queste ultime ore un comunicato diffuso dall’Amministrazione Comunale capeggiata da Salvatore Cirioli, con il quale annuncia alla Cittadinanza le motivazioni che l’hanno spinta a proclamare lo stato di dissesto finanziario. Il prossimo Consiglio Comunale infatti, che si dovrebbe tenere tra qualche giorno, l’ 8 e 9 aprile precisamente, avrà all’ordine del giorno proprio la dichiarazione di dissesto. “Troppi debiti, non ce la facciamo ad andare avanti. Bisogna azzerare tutto”. Ma l’opposizione capeggiata dall’avvocato Roberto Vitelli, ex primo cittadino della Città di Alife, non ci sta e lo fa sapere attraverso un manifesto pubblico affisso per le strade cittadine ed un comunicato diramato alla stampa. Ecco quanto viene dichiarato: “Onestà, legalità, e trasparenza  sono i valori di cui, da tempo, l’attuale Amministrazione Comunale si è fatta portavoce. Ed è proprio su questi valori, che noi dell’ opposizione vogliamo richiamare la vostra attenzione. Secondo il nostro parere ONESTA’, LEGALITA’ e soprattutto TRASPARENZA vengono meno nel momento in cui si decide di convocare in seduta straordinaria un Consiglio Comunale per sabato 8 aprile p.v., in prima convocazione, e per domenica (“Delle Palme”) 9 aprile, in seconda convocazione, per la dichiarazione di dissesto finanziario dell’Ente, ai sensi dell’art. 244 TUEL, senza aver prima consultato noi della minoranza, ma soprattutto senza prima INFORMARE Voi Cittadini, attraverso incontri pubblici, più volte preannunciati dal Sindaco, di ciò che comporterà il dissesto finanziario e delle ripercussioni gravi e irreversibili che graveranno su TUTTI  NOI !!! Eppure la maggioranza,  sebbene fosse perfettamente consapevole di aver operato in incognito, ha definito tale scelta, in un vero e proprio momento di autocelebrazione,   un atto di RESPONSABILITA’  e di CORAGGIO. Ebbene Cari Cittadini, si ha RESPONSABILITA’ e CORAGGIO quando i problemi della Città, anche quelli più difficili, vengono affrontati con l’obiettivo di trovare soluzioni valide, anziché ricorrere a quella del dissesto finanziario, che oggi appare la strada più semplice, mentre dovrebbe essere l’ultima percorribile!!! Purtroppo, con quest’ ultima scelta verranno “soggetti terzi” ad amministrare la Cosa Pubblica in luogo degli amministratori che il popolo ha democraticamente eletto. Al nostro gruppo preme evidenziare che l’attuale amministrazione, che era ben consapevole della “situazione finanziaria” comunale avendone fatto lo slogan della propria campagna elettorale, nulla ha fatto o sta facendo per evitare il tracollo dell’ente, con tutte le inevitabili conseguenze, ma al contrario ha assoldato un vero e proprio “pool” di professionisti esterni che lavorasse al fine di proporre il dissesto del Comune.  A questo punto ci chiediamo e soprattutto Vi chiediamo: perché è stata assunta dalla maggioranza una decisione così rapida, senza prima convocare una conferenza dei Capigruppo consiliari, come è già avvenuto diverse volte per discutere di altre tematiche, anche meno importanti di questa, al fine di trovare una scelta condivisa? Perché  decidere di approvare il dissesto con tanta celerità, quando, ad oggi, il gruppo di minoranza, sebbene lo abbia richiesto agli uffici con note formali, non ha avuto a disposizione tutti i documenti, che andavano allegati alla proposta del consiglio tra cui, in particolare, la relazione analitica del Revisore dei conti, sulle cause del richiesto dissesto finanziario, che ancora stamattina non risultava depositata? Con questo manifesto, a nome di tutti i Cittadini ed a tutela della trasparenza e dei principi di lealtà, buona amministrazione e corretta informazione, CHIEDIAMO al Sindaco ed all’Amministrazione Comunale, come già abbiamo fatto per iscritto con la nota prot. 2901 del 05/04/2017, di annullare la seduta consiliare fissata per il giorno 8/9 aprile p.v. e differire detta adunanza a data da destinarsi, non appena la proposta sarà completa di tutti i necessari documenti. La nostra richiesta non ha alcun valore strumentale, ma è dettata dall’ unico interesse di avere a disposizione un congruo tempo per l’esame di tutta la copiosa documentazione predisposta dagli uffici unitamente alla relazione del Revisore dei Conti suddetta che, ancora nella odierna mattinata, non era stata depositata presso la Segreteria comunale”.(Il gruppo di opposizione “Toro per Alife”: Vitelli Roberto, Visone Michela, Ginocchio Caterina, Palmieri Enrico. Alife, 5 Aprile 2017)

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”

Advertisements