AUTOVELOX basta!


nuovi autoveloxBENEVENTO– ECCOLI NUOVI di zecca in regalo dentro l’uovo di PASQUA, gli ultimi mangiasoldi ai cittadini, alias i nuovi check point (leggasi autovelox) della Benevento-Caianello. Occhio al limite di velocità dunque. I nuovi check point- autovelox sarebbero stati installati sulla Statale Telesina dopo Solopaca in direzione Benevento, in Puglianello e nella discesa che conduce a  (altro…)

velok SP 331Piedimonte Matese(Ce)- Si avvisa kla cittadinanza che dal 28 Marzo 2013 scatterà il controllo degli autovelox automatici posizionati sulle diverse arterie stradali piedimontesi. I famosi e tanto discussi VelOk, che hanno suscitato (altro…)

velok SP 331Piedimonte Matese(Ce)– Come è noto da qualche mese, l’Amministrazione comunale di Piedimonte Matese ha voluto promuovere sul territorio comunale un piano per la (altro…)

autovelox piedimonteRiportiamo l’articolo pubblicato in data odierna 5 Marzo 2013 sulla “Gazzetta di Caserta “, che sta destando enorme sconcerto e forte indignazione da parte dei cittadini dell’area (altro…)

Dopo tanto parlare, leggere e scrivere in tema di autovelox ….. ecco un risultato concreto!! Si trasmette la sentenza del Giudice di Pace di Maddaloni per il ricorso presentato avverso il verbale elevato dalla PM di Valle di Maddaloni per violazione dei limiti di velocità su strada in detto Comune.

Cordialmente Vincenzo Santagata Continua a leggere

Piedimonte Matese(Ce)- Sulla vicenda Pizzo su punti-patente: 215 indagati fra cui 2 agenti polizia  municipale(leggi quì art.) che tra gli altri aveva visto coinvolto l’ex comandante della polizia municipale Giuseppe Esposito di 62 anni, arriva la revoca da parte del gip Antonio Baldassare del tribunale di S. Maria Capua Vetere. Il Giudice Baldassare ha firmato su istanza degli avvocati della difesa Antonello Fabrocile e Fulvio Fiorillo, la revoca su misura cautelare agli arresti domiciliari di cui era destinatario il comandante della polizia municipale Giuseppe Esposito, 62enne che aveva prestato servizio a Piedimonte Matese. Esposito era stato coinvolto nella bufera che aveva travolto la polizia municipale di Piedimonte Matese a seguito delle attività di indagini condotte dalla Guardia di Finanza di Caserta sotto il comando del Colonnello Francesco Saverio Manozzi, in collaborazione con la tenenza di Piedimonte Matese al comando di Liliano Liberato(vedi quì art), da cui sarebbe emerso un sistema criminale con il quale gli agenti della municipale del comune matesino nell’ esercizio delle loro pubbliche funzioni avrebbero strumentalizzato, per interessi privati, il servizio di rilevazione delle violazioni del codice della strada, attraverso la falsificazione o la soppressione dei verbali di conravvenzione con l’ausilio del tecnico della ditta preposta alla gestione degli autovelox, la società “all service s.r.l.”. Continua a leggere

Piedimonte Matese(Ce)- Organizzavano finte infrazioni. Organizzavano finte infrazioni con autovelox per decurtare punti dalle patenti. E’ stata scoperta dalla Guardia di finanza di Piedimonte Matese, a, una vera e propria organizzazione per delinquere finalizzata alla truffa, peculato, abuso d’ufficio e falso ideologico commesso da pubblico ufficiale: 215 persone indagate. Due agenti della polizia municipale sono stati invece arrestati, mentre 8 denunciati. L’ indagine ha coinvolto anche il titolare degli autovelox installati nel comune matesino della provincia di Caserta al quale è stato vietato di rimettere piede in Campania. Continua a leggere

Alife(Ce)-(da Vincenzo Santagata)  La problematica autovelox è finita nel dimenticatoio, ma, intanto, arriva, in merito la sentenza 10620 della Cassazione che si riporta di seguito. Sarà certamente utile in fase di dibattimento nei ricorsi presentati al Giudice di Pace o al Prefetto. Continua a leggere

FINANZIARIA 2010: BRUTTE (O FORSE NO) NOTIZIE PER LE OPPOSIZIONI ALLE SANZIONI AMMINISTRATIVE

Italia- (ricorsimulte)  La Finanziaria per l’anno 2010 prevede, a sorpresa, che per poter opporre dinanzi al Giudice di Pace un verbale di accertamento di violazione del Codice della Strada il ricorrente deve preliminarmente versare il contributo unificato minimo di € 30,00 (salvo aggiornamenti di valore) e la marca di € 8,00. A questo punto ci si deve interrogare su quanto possa avere significato proporre ricorso ed in quali sedi. Questa novità, deve essere analizzata sotto molteplici aspetti; il Governo ha pensato bene, al pari dei Comuni, di lucrare ulteriormente sulle contravvenzioni ma un esame approfondito della questione dimostrerà come questa sia stata una improvvida introduzione, ossia un solenne autogol; la novità tenta, anche, di alleggerire il carico di lavoro dei Giudici di Pace e ciò è una cosa gravemente incostituzionale. Continua a leggere

SAN NICOLA LA STRADA(Ce)– (di Nunzio De Pinto)  Non finiscono mai di stupire le sentenze della Corte di Cassazione in relazione alle multe elevate a causa del Photored, quell’infernale macchinetta che “fotografa” le autovetture che attraversano con il semaforo giallo/rosso. Anche l’Amministrazione comunale di San Nicola La Strada che dal 2003 ha installato prima quattro e poi sei apparecchiature, in più di un’occasione si è trovata di fronte ad automobilisti che hanno presentato ricorsi ai Giudici di Pace. Ora è intervenuta la Corte di cassazione – Sezione II^ civile – con la sentenza nr. 23084 del 30 ottobre 2009 avente ad oggetto “Violazioni al codice della strada, con riferimento al rilevamento automatico delle infrazioni a mezzo di apparecchiature, ai sensi del comma 1-ter dell’articolo 201 cod. strada – introdotto dall’articolo 4 del d.l. 27 giugno 2003 n. 151 conv. nella legge 1 agosto 2003 n. 214. Secondo la Corte, le amministrazioni comunali, Continua a leggere

autoveloxCaserta- (di Nunzio De Pinto)  Ancora un grande successo giudiziario del Codacons Caserta contro Equitalia Polis. Si è, infatti, ottenuta una sentenza unica in Italia in quella materia, dove più che in ogni altra i cittadini sono stati vessati per anni: le multe. Infatti dice il Presidente del Codacons, Avv. Maurizio Gallicola, l’Avv. Gennaro Cicala, legale del Codacons di Caserta con la sentenza nr 43/09, ha ottenuto dal Giudice di Pace di Caserta, dr. Carmine Berardino, l’applicazione di un principio di diritto che impedisce all’esattore di applicare un aggravamento della sanzione in caso di mancato pagamento della predetta. Con tale sentenza è stato accertato che Equitalia Polis, senza alcun titolo, applicava la maggiorazione del doppio della sanzione in danno del trasgressore, facendo pagare in fondo allo sprovveduto consumatore-automobilista,il doppio della contravvenzione non contestata. Continua a leggere

Telese Terme (Bn)- Quella alla quale si è assistita, in merito alle notizie diffuse a mezzo stampa da quotidiani casertani il giorno 6 settembre 2009 che hanno titolato:- Autovelo: la truffa Soes dalla Sicilia sbarca a Pignataro-, appare come una vera e propria truffa all’informazione perpetrata ai danni di chi legge. Pur di vendere copie e fare titoloni ammalianti per il lettore da raggirare si utilizzano, come spesso accade in chi fa dell’informazione un sistema per truffare i cittadini, espressioni che nulla hanno a che vedere nè con la realtà dei fatti, né con una corretta informazione sui fatti. Proprio sul delinquenziale, scadente e raggirante episodio verificatosi domenica, l’amministratore unico della SOES spa, Tommaso Stazio, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni: Continua a leggere

SAN NICOLA LA STRADA(CE) –(di Nunzio De Pinto)  “Da oggi in poi i proventi delle multe elevate dai due autovelox installati dall’amministrazione comunale di San Nicola La Strada lungo il Viale Carlo III^ non entreranno più nelle casse comunali, ma in quelle dell’amministrazione provinciale di Caserta, ente proprietario della strada”. È quanto ha affermato il dirigente nazionale del sindacato Cisas-Anas, Luciano Caiazza,(nella foto) commentando le ultime novità della legge approvata dal Governo Berlusconi. I due autovelox installati dal Comune di San Nicola La Strada sul viale Carlo III^, a distanza di poche centinaia di metri l’uno dall’altro, entrarono in funzione nella mattinata del 3 giugno 2008 ed hanno sinora assicurato alle casse dell’ente di via Municipio centinaia di migliaia di euro di incassi. Continua a leggere

SAN NICOLA LA STRADA (Ce)– (di Nunzio De Pinto)  Dopo la recente MOTTA Salvatore Partito Comunisti Italianisentenza della Cassazione che ha messo la parola fine sulla distanza intercorrente fra il segnale di avviso (che deve essere posizionato a non meno di 400 metri) e l’apparecchiatura e dopo la notizia che il Ministro dell’Interno Riccardo Maroni ha emanato una direttiva sul loro utilizzo più restrittiva, Salvatore Motta, (nella foto) portavoce della locale sezione dei Comunisti Italiani spiega il perché i due autovelox posti sul Viale Carlo III^ andrebbero rimossi. Continua a leggere

Maddaloni(CE)- (da Vincenzo Santagata) Il Giudice di Pace di Maddaloni autovelox15sequestratoemette sentenza di annullamento dei verbali elavati per eccesso di velocità rilevata con l’apparecchio installato sulla S.P. 335 al Km 16+780 nel comune di Valle di Maddaloni. E’ stata decretata la «nullità giuridica» di tutte le multe, collegate ad servizio di accertamento delle violazioni in materia di circolazione stradale se questo è stato, amministrativamente e anche solo parzialmente, delegato a terzi. Sono quindi nulle, per il Giudice di Pace di Maddaloni, le multe elevate per eccesso di velocità sull’ex-statale 265 dei Ponti della Valle. Giusto l’utilizzo del controllo elettronico della velocità. Legittima l’azione di controllo, repressione e prevenzione delle infrazioni al codice della strada, ma, secondo il giudice Alfonso di Nuzzo, il Comune di Valle di Maddaloni ha violato le procedure di notifica (secondo le forme fissate dall’articolo 201, comma 3, sempre del codice della strada). Continua a leggere

Vero1Caserta-  A partire da questa settimana in tutte le edicole italiane, potrete trovare  sul settimanale nazionale VERO ( nella foto la pagine dell’art) l’articolo inerente allo Scandalo dell’ AUTOVELOX -Truffa che ha interessato moltissimi comuni della Provincia di Caserta. L’articolo é a firma del noto giornalista Freelance caiatino Giuseppe Sangiovanni. Continua a leggere

DIRETTIVA MARONI, NO PATTUGLIE NASCOSTE PER RILEVARE VELOCITA’

ROMA, (di Nunzio De Pinto) 21 AGO – (nella foto una delle fantomatiche macchinette autovelox mangissoldi sequestrate) Stop all’ autovelox selvaggio: a gestire questi dispositivi saranno soltanto le forze di polizia, escludendo l’appalto a società private. E niente più ‘agguati’ da parte di pattuglie nascoste per rilevare la velocità: la loro posizione deve infatti essere segnalata da apposite indicazioni. Basta anche con le foto di auto che hanno commesso un’infrazione: i passeggeri della vettura saranno oscurati per tutelare la privacy. E’ quanto prevede una direttiva del ministero dell’Interno, Roberto Maroni, trasmessa a prefetti e polizia stradale nel giorno dell’avvio del controesodo.

STOP AUTOVELOX SELVAGGI – Il fenomeno è ben noto: i Comuni danno in appalto a società private la gestione degli autovelox. Ciò può portare a truffe, come accaduto recentemente nel casertano, oppure al tentativo di fare cassa da parte delle amministrazioni, indipendentemente dall’obiettivo di prevenire gli incidenti. Continua a leggere

Pietravairano(Ce)- (da red. cronac) Come lanciato dai maggiori organi di informazione la Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere (Caserta) ha reso noto l’elenco dei 29 Comuni coinvolti nella vicenda degli autovelox, photored e altri apparecchi col “trucco”. L’indagine avrebbe evidenziato un sistema “creato dai Comuni e dalle società che, in violazione di legge, rappresentava un modo di facile, ingiusto e rilevante profitto” riscontrando, tra le altre cose, illecite modalità di rilevazione delle infrazioni stesse. Continua a leggere

Piana di Monte Verna(Ce)- (di Giuseppe Sangiovanni) Autovelox , fortissimamente autovelox. Motto terapeutico recitato dalla polizia municipale di Piana di Monte Verna -che dopo l’installazione del misuratore di velocità di qualche anno fa, per far fronte all’emergenza sicurezza stradale- ha potuto constatare l’effettiva utilità dello stesso- nel tratto Strada Statale 87 “ Sannitica” e 264 “del Basso Volturno”: “piste” percorse a folli velocità da Shumacher provetti – che tante incidenti hanno causato per il passato. Macchinetta infernale per driver da formula uno, che toglie loro il sonno –in caso di violazione del limite di velocità imposto , non dal comune del Medio Alto Casertano – ma dal codice della Strada. Continua a leggere

Indignazione, a Pignataro Maggiore, per gli insulti – all’indirizzo di valorosi magistrati della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere e di altrettanto valorosi investigatori della provincia di Caserta – arrivati da parte di ambienti molto vicini all’Amministrazione comunale….

Pignataro Maggiore(Ce)- (da Comitato anticamorra) Il Comitato anticamorra di Pignataro Maggiore, in una nota, sicuro di interpretare i sentimenti dei cittadini, esprime solidarietà ai magistrati, ai carabinieri e ai poliziotti impegnati nell’inchiesta autovelox e condanna gli insulti lanciati dagli ambienti vicini all’Amministrazione comunale del sindaco Magliocca. Mentre in tutta la provincia di Caserta esplode lo scandalo autovelox, emerge che a Pignataro Maggiore si è verificato uno dei casi più gravi: la ditta vincitrice dell’appalto ha assunto la figlia di un assessore. Continua a leggere

Ecco l’elenco dei Comuni coinvolti: Alvignano – Bellona – Calvi Risorta – Cancello Arnone – Capua -Caserta – Castel Morrone – Ciorlano – Francolise – Grazzanise -Marzano Appio – Orta di Atella – Pastorano – Piana di Monteverna – Pietravairano -Pignataro Maggiore – Pontelatone -Pratella – Rocca d’Evandro – Ruviano – San Cipriano d’Aversa -San Felice a Cancello – Teverola – Tora e Piccilli – Vairano Patenora -Valle di Maddaloni -Villa di Briano – Villa Literno -Vitulazio

Caserta- (da Vincenzo Santagata)  Nella mattinata di oggi 05/08/2009, personale del Comando Compagnia Carabinieri di Capua e della Polizia Stradale di Caserta, sta dando esecuzione ad un decreto di Sequestro Preventivo, emesso dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, nei confronti di numerosi Comuni della provincia di Caserta e di numerose Società e Ditte. Continua a leggere

Pignataro Maggiore(Ce)- (da segreteria sindaco Magliocca) In Magliocca sindacoriferimento all’ indagine portata avanti dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere e relativa ai sequestri preventivi degli apparecchi per il rilevamento della velocità delle automobili (autovelox), che ha interessato anche il comune di Pignataro Maggiore, l’amministrazione comunale dichiara tutta la sua serenità. “Il nostro comune – ha dichiarato il sindaco Giorgio Magliocca – ha infatti installato l’apparecchio su una strada che la Prefettura di Caserta ha indicato ad alto indice di pericolosità e dove del resto negli anni passati vi sono stati molteplici incidenti mortali. Continua a leggere

SCANDALO AUTOVELOX: A PIGNATARO MAGGIORE. LA SOES SPA HA ASSUNTO LA FIGLIA DI UN ASSESSORE

Pignataro Maggiore(Ce)- (da Comitato Società civile di opposizione) Mentre in tutta la provincia di Caserta esplode lo scandalo autovelox, emerge che a Pignataro Maggiore si è verificato uno dei casi più gravi: la ditta vincitrice dell’appalto ha assunto la figlia di un assessore. Continua a leggere

Alife(Ce)- (da Vincenzo Santagata) Importantissima novità nella tematica degli autovelox in ambito regionale, infatti nella seduta del 2 Luglio, il Consiglio Regionale della Campania ha approvato, per iniziativa del capogruppo del PDL, on. Paolo Romano, La legge “Regolamentazione ed uso degli autovelox sulle strade di proprietà della Regione Campania“. La legge approvata trova applicazione su tutte le strade di proprietà della Regione Campania Continua a leggere

Pietravairano(Ce)- ( da red. cronac Alto Casertano-Matese) L’autovelox installato dal comune di Pietravairano, lungo la statale Telesina è stato sequestrato. La Guardia di Finanza ha così posto fine alla questione dell’ impianto per la rivelazione della velocità collocato dal comune di Pietravairano  lungo la strada a scorrimento veloce che collega Caianello con Benevento. Un impianto nell’ occhio del ciclone dal giorno dopo la sua installazione alla quale non era seguita l’adeguata segnaletica così come é previsto per la legge. Il sequestro é avvenuto alcuni giorni fa al termine di una complessa attività di indagine svolta dalla Guardia di Finanza di Sala Consilina. L’attività ha portato al sequestro di oltre 50 apparati ‘autovelox’ – tipo Velomax, attrezzature informatiche, rilevatori ottici, nonché copiosa documentazione amministrativa, fiscale e bancaria. E’ stata scoperta un’associazione a delinquere finalizzata alla Truffa aggravata in danno  di ignari automobilisti, ai quali sono stati comminati negli anni 2007/2009, 81.555 verbali, per presunte violazioni all’art.  142 del Codice della Strada (superamento dei limiti di velocità) con indebite richieste di sanzioni Continua a leggere

Caserta(Ce)– (di Nunzio De Pinto) Dopo il sequestro degli autovelox cosiddetti “clonati” avvenuto anche in provincia di Caserta, è ora di dire basta a tutto il sistema degli autovelox in generale che, invece di prevenire, serve agli enti locali solo per fare cassa, magari illudendo i cittadini che le tasse comunali non saranno aumentate, ma dimenticandosi di dire che i soldi per mandare avanti il comune vengono prelevati, comunque, dalle tasche degli ignari automobilisti che sono beccati dall’autovelox o dal photored. Sul viale Carlo III^, in tenimento del comune di San Nicola La Strada, insistono due postazioni autovelox che rappresentano il terrore di tutti gli automobilisti. Sono moltissimi gli automobilisti che chiedono a voce alta che questi meccanismi vengano eliminati. Ora si erge, ancora una volta anche la voce di un consigliere regionale. Continua a leggere

Contravvenzioni elevate dagli ausiliari del traffico dove non possono, autovelox clonati e piazzati in giro per l’Italia. Sempre più spesso si parla di fare ricorso contro le multe. Ma come si fa? Ecco tutti i passi da considerare  Dopo la sentenza della Cassazione secondo la quale le multe elevate dai cosiddetti “ausiliari del traffico” per divieto di sosta al di fuori delle aree a pagamento delimitate dalle strisce blu non sono valide, arriva ora la notizia degli autovelox clonati, una trufffa che colpisce 82 mila automobilisti che hanno subito multe per oltre 11 milioni di euro.

LEGGI TUTTI I COMUNI COINVOLTI

La cronaca riporta quindi in primo piano la questione delle multe immeritate. Che cosa si può fare per evitare di pagare una sanzione per una presunta violazione del codice della strada quando sapete di essere nel giusto e la legge è dalla vostra parte? La cosa più semplice sarebbe presentare un’istanza di autotutela all’organo che ha emesso la contravvenzione. Ma non ve lo consigliamo, in quanto generalmente inutile. Continua a leggere

Inchiesta della procura della Repubblica di Salerno. Sono almeno 83mila le contravvenzioni da annullare.

Pietravairano(Ce)- Sono 5 i comuni della provincia di Caserta dove erano in uso autovelox taroccati: Ciorlano; Pratella; Pietravairano (nella foto); Rocca d’Evandro; Sant’Angelo Alife. La Guardia di Finanza di Sala Consilina, su disposizione della Procura di Salerno, ha sequestrato le «famigerate» apparecchiature di controllo della velocità in oltre 70 comuni italiani, individuati come non conformi. L’operazione delle Fiamme Gialle farà contente almeno 82 mila persone. Continua a leggere

Pagina successiva »