Calamità catastrofi


terremoto-turchia-2 Una nuova scossa di terremoto di magnitudo 5, la quarta di questa intensità in due giorni, è stata registrata sulla costa nordoccidentale della Turchia alle 3.24 ora italiana. Secondo i rilievi dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, il sisma ha avuto epicentro in mare davanti al distretto di AyvacOk, nella provincia di Canakkale. Piu’ di 100 case sono state distrutte, lo hanno riferito i media locali. All’inizio della giornata, il Centro sismologico Europeo-Mediterraneo ha riferito di un terremoto di magnitudo 5,2 vicino alla costa occidentale turca. (altro…)

Pubblicità

FONTE PROFILO FACEBOOK

Dalla mia casa materna e paterna, situata a 600 mt. s.l.m., a 2 km da Farindola, si vede l’intera catena meridionale del Gran Sasso d’Italia, dal Monte Siella al Colle Arcone.

(altro…)

mammatus alifePiedimonte Matese(Ce)- Meteo. Dalle foto che mettiamo realizzate in diretta da alcuni osservatori del cielo, nel pomeriggio di Domenica 7 Giugno 2015 è stato registrato un fenomeno davvero (altro…)

10949753_10203671421685993_1444075121_nSan Potito Sannitico. Dichiarazione stato di calamità – Crisi campagna olivicola e vitinicola 2014 e 2015. Pascarella PD: Tutto l’appoggio del Partito Democratico.

L’iniziativa del Comune di San Potito Sannitico inerente la richiesta (altro…)

BRESCELLO POCome nel film di Don Camillo e Peppone, tratti dai romanzi di Giovanni Guareschi, oggi pomeriggio il parroco di Brescello (Reggio Emilia), don (altro…)

don Antonio Mazzi: “Piove ancora, il fiume Lambro è di nuovo esondato: la seconda evacuazione in quattro giorni. Ci hanno fatto di (altro…)

foto tromba d'aria portici tromba 2d'aria portici tromba 3d'aria portici tromba 4d'aria portici tromba 5d'aria portici tromba 6d'aria portici tromba 7d'aria portici tromba 8d'aria portici tromba 9d'aria portici tromba 10d'aria portici tromba 11d'aria portici tromba 12d'aria portici

Dopo l’autorevole analisi redatta dal geologo prof. Franco Ortolani sull’accumulo di (altro…)

maltempo coldiretti Campania e province– E’ critica la situazione nelle campagne del territorio campano, a causa del forte maltempo. A fare il bilancio dei danni è la Coldiretti. Le cosiddette (altro…)

foto 1bomba acqua napoli franco ortolani foto 2bomba acqua napoli franco ortolani foto 3bomba acqua napoli franco ortolaniNubifragio a Napoli del 16 giugno 2014= secondo cartellino giallo in due mesi!
Sono caduti da 20 ad oltre 30 mm di acqua in circa 20 minuti, vento anche ad oltre 100 km/h. Dalla collina l’acqua si è incanalata lungo le strade che sono diventati torrenti. Finora non si lamentano feriti. Dopo circa 20 minuti che era iniziato il nubifragio il deflusso incanalato lungo le strade in discesa è diventato violento. La breve durata del nubifragio ha evitato danni gravi anche alle persone. Dopo un evento simile nella seconda metà di aprile Napoli ha ricevuto un altro “cartellino giallo” dalla natura. L’unico sistema per evitare danni alle persone, come ripetutamente abbiamo segnalato, è quello di istituire un SISTEMA DI ALLARME IDROGEOLOGICO IMMEDIATO ABBINATO AD UN ADEGUATO PIANO DI PROTEZIONE DEI CITTADINI CHE CONSENTA RAPIDAMENTE DI METTERE IN SICUREZZA LE PERSONE LUNGO LE VIE DI DEFLUSSO INCANALATO. (altro…)

Città del Messico, 8 mag. 2014 – Un terremoto di magnitudo 6.8 è stato registrato oggi nel Messico centrale, ed ha provocato paura a Città del Messico dove le persone hanno abbandonato gli edifici (altro…)

analisiSismi e Trivellazioni- Il Geologo Prof. Franco ORTOLANI: Rischio in Campania, i cittadini, le risorse naturali autoctone, l’ambiente naturale e antropizzato, gli amministratori!

A breve il prof. ORTOLANI Ordnario della cattedra di Geologia all’Università Federico II sarà ad ALIFE per Convegno su “Cause Terremoto MATESE”. Sarete avvisati tutti per tempo. non perdetevi il suo importante parere scientifico quale esperto in materia.

L’assessore regionale Cosenza in un convegno a Salerno ha ricordato che la Campania, o meglio i campani, vivono tra i rischi permanenti e in via di incremento. Rischi naturali conseguenti alla presenza di vulcani attivi, colate rapide di fango connesse alle caratteristiche geoambientali dei versanti ripidi impostati su roccia ricoperta da sedimenti instabili quando si saturano di acqua, rischi aggravati dall’uomo nel corso degli ultimi 60 anni come lungo il fiume Sarno dove l’uomo ha autorizzato urbanizzazioni ed impermeabilizzazioni senza provvedere preventivamente ad adeguare i corsi d’acqua che avrebbero dovuto smaltire portate idriche via via superiori.
Ha risparmiato di ricordare che le coste sono anche a rischio maremoto, che le spiagge sono in via di progressivo smantellamento irreversibile, che l’inquinamento antropogenico sta creando seri problemi alla “salute” dell’acqua e a quella degli uomini, che il fiume Sele da decenni esonda sempre nello stesso punto in sinistra orografica come accaduto il 21 gennaio 2014.
La Campania è una regione bellissima, ricche di risorse naturali autoctone di importanza strategica per l’assetto socio-economico come l’acqua superficiale e sotterranea, il suolo fertilissimo, le spiagge che sono veri e propri monumenti della natura.
Bellezze straordinarie richiedono attenzione straordinaria!
E’ evidente che richiedono amministratori sensibili, intelligenti, difensori del territorio e delle risorse naturali autoctone, della sicurezza e salute di tutti i cittadini!
Solo mercenari disposti a svendere il territorio, a tradire lo statuto della Regione che impone moralmente di tutelare e valorizzare le risorse naturali ed ambientali regionali, possono avere contribuito significativamente a raggiungere la situazione descritta in parte da Cosenza.
E ora?
Possono esistere “politici” e amministratori “sani” in questo ambiente regionale (fisico e antropico) inquinato?
Politici ed amministratori cresciuti in un “ambiente inquinato” possono improvvisamente diventare virtuosi difensori di tutti i cittadini?
I campani hanno (e hanno avuto) gli amministratori che la maggioranza ha continuato a votare per decenni.
Non ci si può illudere: se i cittadini, la maggioranza dei cittadini, continuerà a votare come sempre i rischi continueranno ad aumentare!
Conseguentemente non potremo mai avere una vita sana in un ambiente sano e sicuro!
Solo se la maggioranza degli elettori imparerà ad eleggere sinceri, verificabili, controllabili difensori del territorio e della salute di tutti potrà migliorare la situazione.
(a cura del prof. Franco Ortolani Ordinario Geologia Università Federico II)

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”

Nel corso del fine settimana è atteso un forte rialzo termico in vaste zone del Paese e la pioggia che accompagnerà il disgelo accrescerà il rischio inondazioni negli Stati (altro…)

CASTELVOLTURNO E CANCELLODue giorni addietro ho inviato la nota sotto riportata alla stampa. Non ho visto grandi novità a parte qualche riconoscente sensibilità (altro…)

SOLIDARIETA’ e VICINANZA ALLA SARDEGNA. OGGI SILENZIO e PREGHIERA. SOLIDARIETA’ CON I FRATELLI SARDI. SOLO LA SOLIDARIETA’ CI SALVERA”.

Alluvione in Sardegna, è strage :18 morti «In 24 ore caduta la pioggia di sei mesi»

Letta: «Tragedia nazionale». Dichiarato lo stato d’emergenza. 4 bambini tra le vittime. Uno dei due dispersi trovato vivo (altro…)

Tracce, oltre la soglia prevista dal regolamenti in caso di incidente nucleare, sono stati trovati nella lingua e nel diaframma di 27 cinghiali del comprensorio alpino della Valsesia. Sono stati analizzati campioni di capi abbattuti nel 2012/2013 e dopo i risultati il ministro della Salute ha attivato i Carabinieri. Legambiente: “Non può essere che ricaduta Chernobyl” (altro…)

image002 Non si può avere sicurezza dell’area urbana se non si conosce l’assetto geologico tridimensionale del sottosuolo.

Questa mattina durante la conferenza stampa ho sottolineato che l’assetto del (altro…)

NAPOLI – Napoli continua a crollare. Nessuna tragedia come quella della Riviera di Chiaia, disagi, però, e anche seri, al Vomero dove si è aperta una voragine in una strada. Da ieri sera la strada nel quartiere Belvedere, dove abita anche De Magistis, è (altro…)

Il geologo Prof. Franco ORTOLANI su  Crollo dellimage002a Riviera di Chiaia: il sottosuolo non perdona gli errori.

Il crollo parziale dell’edificio della Riviera di Chiaia richiama quello tragico che avvenne al Quadrivio di Secondigliano. Fortunatamente in quest’ultimo incidente non ci sono state vittime.
Le caratteristiche geologiche ed idrogeologiche del sottosuolo urbano sono ben note e ben note sono le problematiche derivanti dagli interventi umani al di sotto della superficie del suolo. Ciò nonostante gli “incidenti” continuano ad avvenire ed avverranno ancora per problemi connessi alla non adeguata conoscenza preventiva delle caratteristiche geologico-tecniche tridimensionali del sottosuolo e per carenze di progettazione ed esecuzione degli interventi. (altro…)

Vedi il VIDEO (cliccare quì sopra)  realizzato dalla redazione di TikoTV Web Sociale
18/02/2013

Ancora paura sugli Appennini. Durante questo fine settimana infatti due (altro…)

Per correttezza d’informazione riportiamo il comunicato dell’Osservatorio Vesuviano che assicura: “E’ tutto sotto controllo”. Per leggerlo collegarsi al seguente link:  http://www.ov.ingv.it/ov/

Il seguente articolo viene diffuso a puro scopo informativo( si segnala di seguito la fonte da cui è stato tratto). Non siamo responsabili della veridicità delle informazioni.

A rischio quasi due milioni di persone, considerate “carne da macello” da chi detiene il potere?

Articolo  Tratto dal suo blog  “Su la Testa”

(ARTICOLO a cura del giornalista GIANNI LANNES TRATTO DAL sito “Su la TESTA” http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2013/01/normal-0-14-false-false-false-it-x-none.html)

Ma  lo Stato italiano informa la popolazione? Sono stati registrati terremoti superficiali con ipocentro localizzato lungo il condotto, oltre che in emissioni fumaroliche lungo i fianchi del cono e del cratere. (altro…)

Tra i contusi 82 bambini: 2 gravi. Vetri in frantumi a causa dell’onda d’urto provocata da violente esplosioni a bassa quota nell’atmosfera negli Urali. Nessun legame con l’asteroide 2012 DA14. Corpo celeste esplode anche a Cuba

16:22 – TERRORE in RUSSIA. Una pioggia di meteoriti ha provocato violente esplosioni a bassa quota nell’atmosfera negli Urali e nelle regioni centrali della Russia, causando il ferimento di un migliaio di persone, per la maggior parte colpite dalle schegge dei vetri frantumati dall’onda d’urto. Tra i contusi ci sono anche 82 bambini: due gravi. Colpite sei città nella regione di Cheliabynsk. La Protezione Civile ha inviato sul posto 20mila uomini.

A Cuba esploso corpo celeste – Intanto, un corpo celeste è esploso a Rodas, comune della provincia di Cienfuegos, nella regione centrale di Cuba. Lo riporta una tv locale, citando alcuni testimoni. Nel loro racconto i residenti hanno parlato di una luce molto intensa che è arrivata ad avere dimensioni importanti, paragonabili a quelle di un autobus, prima di esplodere in cielo. E’ accaduto intorno alle otto di sera, ora locale, le due del mattino di ieri in Italia. (altro…)

L’asteroide 2012 DA14, scoperto lo scorso 23 Febbraio 2012 dall’Osservatorio di Maiorca ad una distanza di 2,5 milioni di chilometri, transiterà nei pressi della Terra il prossimo 15 Febbraio 2013 alle 20:26, ad un distanza astronomica molto ravvicinata. La roccia spaziale, classificata come asteroide (altro…)

Disastro naturale in Islanda: 7000 tonnellate di aringhe trovate morte galleggianti, si cercano le cause

Spiaggia invasa dalla moria di pesci in Islanda

Non si sa ancora che cosa sta causando la moria in massa di pesci in Islanda,circa  30.000 tonnellate di aringhe, dal valore di £ 18.9 millioni, sono state trovate morte galleggianti in Kolgrafafjorour, un fiordo nella piccola parte settentrionale della penisola di Snæfellsnes, ad ovest del paese. Il biologo Robert Arnar Stefánsson ,accorso sul luogo dell’incidente, stima che circa  7.000 (altro…)

VIDEO:
Cinque morti, (quattro anziani e bambino di 10 anni), almeno 70 case distrutte e diversi danni. È il bilancio dello tsunami generato dal potente sisma di magnitudo 8 registrato stamane nell’oceano Pacifico, al largo delle isole Santa Cruz, nell’arcipelago delle Salomone.

L’epicentro del sisma è stato rilevato, secondo il Servizio geologico degli Usa (Usgs) ad ovest di Lata, nell’isola di Santa Cruz. Subito dopo è stato lanciato l’allarme tsunami con onde alte fino a un metro che hanno poi travolto quattro villaggi dell’isola di Santa Cruz, danneggiando anche l’aeroporto: secondo quanto ha riferito il portavoce del premier Gordon Darcy Lilo, riferiscono i media, «tra 60 e 70 case sono state danneggiate dalle onde che si sono abbattute su almeno quattro villaggi di Santa Cruz». Alcune case, tra l’altro, sono state spostate dalle fondamenta a causa della forte scossa.

La polizia della città di Kirakira, sull’isola di Makira (ex San Cristobal), ha comunque invitato le persone a salire ai piani alti delle (altro…)

OLYMPUS DIGITAL CAMERANei Campi Flegrei in Italia, nei pressi di Napoli, un gigantesco vulcano starebbe dando segni di vita. Non è solo l’aumento della temperatura della terra nella regione a (altro…)

(Fonte Meteo Web) L’attività dello Stromboli negli ultimi giorni sta preoccupando cittadini e autorità: la protezione civile ha dichiarato lo stato di elevata criticità mentre la Regione Sicilia segue con particolare attenzione l’evolversi della situazione. Proprio oggi sul (altro…)

Il 23 novembre 1980 nelle terre Irpine del Sud in Campania, la terra ballava. 32 anni dopo c’è chi vive ancora nei prefabbricati. Per non dimenticare che solo 32 anni fa il SUD sprofondava (altro…)

Pagina successiva »