Speciale “MEMORIA Antonio SOTTILE finanziere scelto” di


(di Fulvio Bufi) Brindisi: due fermi, confessa l’ autista del fuoristrada. Il mezzo era già stato sequestrato. Nella fuga dopo lo speronamento avevano dimenticato i cellulari a bordo.

ALIFE(Ce)/ BRINDISI – Sulla strada che costeggia la statale 379 alle porte di Brindisi ci sono ancora schegge di vetro, segni di gesso e qualche pezzo di lamiera. E’ quel che resta della (altro…)

Brindisi- (di Alessandro CELLINI )A dieci anni esatti dalla tragedia, si sono ritrovati tutti lì, nel punto in cui morirono Alberto De Falco e Antonio Sottile (foto 1 a sx), i due finanzieri che la notte tra il 23 e il 24 febbraio del 2000 cercavano di bloccare un fuoristrada carico di sigarette di contrabbando. Sulla complanare della statale 379, a pochi passi dal santuario di Jaddico, c’erano i vertici delle Fiamme gialle e degli altri corpi, c’erano le autorità, ma soprattutto c’era chi quella notte era in quella Fiat Punto che si è sbriciolata contro il mezzo blindato dei malviventi. I marescialli Edoardo Roscica e Sandro Marras hanno seguito la cerimonia in silenzio, sempre accanto alla vedova di Sottile, Danila Fiusco ( foto 2 a dx) . Prima con la deposizione di una corona lì dove è stato eretto un piccolo altare alla memoria dei due militari – sotto una pioggia leggere che ha reso la cerimonia ancora più mesta – e poco dopo nel santuario, dove il vescovo di Brindisi, monsignor Rocco Talucci, ha celebrato la messa. “Ogni anno è sempre più doloroso stare qui”, ha detto Roscica, che subito dopo l’impatto venne trasportato d’urgenza in ospedale. “Vedere quel luogo, i segni della frenata sull’asfalto, fa sempre male”. Decine di colleghi hanno ricordato i dieci anni dalla morte dei due finanzieri. Presente anche il generale Luciano Inguaggiato, comandante regionale della Guardia di finanza, che si è intrattenuto pochi istanti con la vedova, accanto alla lapide, poco prima che iniziasse la cerimonia. “Per noi quest’anno non è più importante degli altri solo perché sono passati dieci anni”, spiega il colonnello Vincenzo Mangia, comandante provinciale delle Fiamme gialle. “Ogni anno vedo nei miei uomini la stessa sofferenza e decisione. Continua a leggere

(Video cerimonia Antonio Sottile Alife(Ce), a cura del prof. Fernando Occhibove)

 

ALIFE(Ce)- In piazza della Liberazione, si é svolta la cerimonia di fiori-2-e-cero-pace-ad-antonio-sottile-busto-alife-feb-09commemorazione del decimo anniversario della scomparsa del Finanziere Scelto Antonio Sottile, nato nel citato Comune di Alife il 15 febbraio 1971 ed arruolato nel Corpo il 22 settembre 1990. La cerimonia (vedi video) ha visto la presenza delle istituzioni di Alife capeggiate dal Sindaco Fernando Iannelli, dei rappresentanti del Comando della Guardia di Finanza territoriale nella figura del comandante Liliano Liberato, del Comandante comandante provinciale della Guardia di Finanza, colonnello Francesco Saverio Manozzi, dei familiari del giovane caduto in servizio, e di  numerosi cittadini.ed  é culminata con la deposizione di una corona d’alloro sul busto commemorativo dedicato al finanziere Antonio Sottile sito presso la Villetta comunale (vedi foto a dx) . Il militare è stato decorato di Medaglia d’Oro al Valor Civile, alla memoria, in seguito a fatti accaduti allorquando era in forza alla Compagnia Pronto Impiego della Guardia di Finanza di Brindisi. Il 23 febbraio 2000, a Contrada Jaddico (Br), nel corso di un’operazione anticontrabbando, il Finanziere Scelto Antonio Sottile perdeva la vita in seguito allo speronamento dell’autovettura di servizio ove era a bordo da parte di un fuoristrada guidato da un contrabbandiere. Nella circostanza decedeva altro militare del Corpo e altri rimasero feriti. Il gravissimo episodio destò grande commozione in tutto il Paese, da cui prese avvio il piano straordinario anticrimine per la Puglia, meglio noto come operazione “Primavera”.

Continua a leggere