Il Cocevest (Comitato per la celebrazione degli eventi storici) nel quadro degli Eventi celebrativi, per il 150° Anniversario dell’Unità d’Italia, coordinati dall’Amministrazione comunale di Grazzanise, in collaborazione coi giovani dell’A.G.C. “Teens’ Park” e col Centro Sempiù-Ripar, organizza, sul tema “IL LAVORO ITALIANO, SUL TERRITORIO NAZIONALE E ALL’ESTERO, DAL 1861 al 2011”, una Mostra Documentaria (con Continua a leggere

Il lavoro inteso come processo, mediante il quale l’uomo e il genere umano soggiogano la terra, corrisponde a questo fondamentale concetto della Bibbia solo quando contemporaneamente in tutto questo processo l’uomo manifesta e conferma se stesso come colui che «domina». Quel dominio, in un certo senso, si riferisce alla dimensione soggettiva Continua a leggere

 Acerra(Na)- Il 4° Circolo didattico di Acerra, diretto dal prof. Lorenzo ANTONELLI, (nella foto: un momento dell’evento) in continuità con i percorsi già iniziati negli anni scorsi, é tornato di nuovo in scena per presentare presso la propria sede centrale in via Spiniello i percorsi formativi del progetto legalità che quest’ anno in occasione delle celebrazioni del 150° dell’ Unità d’Italia,  ha avuto un tocco di maggiore rilevanza. Nell’ ambito quindi delle suddette celebrazioni  il 18 Marzo 2011 scorso si é svolto il Convegno: “Legalità e Testimonianze”  rivolto in primis agli adulti genitori degli alunni del 4 Circolo. Come ogni Continua a leggere

VAIRANO SVENDUTA E TRADITA

INTERESSI CLIENTELARI ED ELETTORALISTICI DI CORTO RESPIRO HANNO RIDOTTO IL 150° DELL’UNITA’ D’ITALIA DEL 17 MARZO, NEL TERRITORIO PIU’ SIGNIFICATIVO DELLA SUA STORIA, A UNA FARSA IPOCRITA ALL’INSEGNA DI UNA MISTIFICATA UNITA’ TRA TEANO E Continua a leggere

Piedimonte Matese(Ce)- (di Miclehe Menditto) La città ha festeggiato ieri i 150 anni dell’ Unità d’Italia, un appuntamento immancabile a cui tutto il Paese negli ultimi giorni ha rivolto e sta rivolgendo un’orgogliosa attenzione. L’amministrazione comunale ha dato il via al Continua a leggere

Piedimonte Matese(Ce) – “Bene l’amministrazione comunale sulle manifestazioni per il 150° dell’ Unità d’Italia. Si e’ saputo cogliere lo spirito puro della commemorazione, evitando strumentalizzazioni e polemiche, sottolineando l’importanza dei valori unitari che devono guidare il popolo italiano nella costruzione del futuro della nostra amata Patria. Giusto anche, come stimolato dagli incontri promossi in città, che si rifletta e si dibatta, anche con toni accesi, sulla unità e sui metodi che hanno portato l’Italia a diventare Nazione unita. E’ vero che il Mezzogiorno ancora soffre le imposizioni e le violenze della storia, e che l’unità non è stato di certo processo indolore; ma se oggi vogliamo vedere il Sud rinascere per davvero, allora proprio noi, con convinzione, abbiamo il dovere Continua a leggere

Attraverso questo video messaggio in musica, realizzato da una figlia della nostra Terra,  la Redazione di “Alto Casertano- Matesino & d” AUGURA a tutti i nostri lettori italiani e immigrati italiani che ci seguono da lontano: “Buon 150° Anniversario”! ” Auguri e Destati ITALIA! “

Caserta-   Ancora una volta é sempre la “Donna” la  portabandiera della nostra Nazione. E sarà sempre la “Donna Coraggio” che rappresenta l’Italia della rinascita e del riscatto morale, ad afferrare in mano le redini e a condurre avanti la barca vacillante. Nasce quindi da una “Donna” della nostra provincia di Terra di Lavoro, definita  la “terra dei clan”, l’idea di comporre in occasione delle celebrazioni del 150° dell’ Unità d’Italia,  un brano in difesa della “Costituzione Italiana” dedicandolo proprio al “150° dell’ Unità d’Italia. Agnese Ginocchio (nativa del comune matesino di Alife), cantautrice per la Pace, ha composto questo brano d’impegno per la Pace – come da lei sottolineato- dedicandolo all’ Unità d’Italia e in difesa della Continua a leggere

S. Pietro Infine(Ce)- (Di Giampiero Casoni ) Celebrazioni per la Festa dell’Unità d’Italia: anche il comune di San Pietro Infine è pronto. La storia presenta parallelismi inaspettati, quasi mai forzosi perché dettati da regole antiche come antica è la follia dell’uomo nel farle ed il suo rinsavimento nello sconfessarne bieche resurrezioni. Non è un caso pertanto che l’istituita Festa dell’ Unità Italiana del 17 marzo prossimo venturo vedrà, fra le migliaia di comuni dello stivale, anche quello di San Pietro Infine. Estrema propaggine meridionale della provincia di Caserta, poco più di mille abitanti e luogo dove come in pochi altri la maceria si è fatta materia e celluloide per il capitano-regista Houston. Non solo la materia grigia della memoria storica incarnata da uno splendido Parco Museo ideato da Carlo Rambaldi, ma anche quella rossa del cuore di una comunità sbriciolata dalla battaglia che, dall’8 al 17 dicembre del 1943, insanguinò l’ultimo avamposto della linea Gustav, quella da cui nacque il martirio dell’ abazia di Montecassino. Pare quasi di udire, in mezzo al’erbame che quel sangue innaffiò a Calatafimi come a San Pietro, il sussurro senza tempo dell’Atto II dell’ Enrico IV di Shakespeare. “Mentre dormivi sonni leggeri accanto a te ho vegliato e ti ho udito mormorare racconti di spietate guerre”. Il parallelismo è ovvio, limpido, necessario Continua a leggere

Centocinquant’anni dell’ Unità d’Italia e mai come quest’anno il circuito delle divise ha un significato così profondo ed importante e anche per questo il Panathon International è voluto essere tra gli Enti patrocinanti.

Tante le Regioni coinvolte e tante le manifestazioni per un’inno sportivo’ alle Ns Forze dell’Ordine. Intanto è uscito il regolamento 2011 del

JOINT SERVICES CYCLING TOUR

Circuito Interforze 2011

REGOLAMENTO

Punto 1

Il CIRCUITO INTERFORZE

Il CIRCUITO INTERFORZE è una challenge rivolta al personale sia maschile che femminile appartenente alle FORZE ARMATE, ai Corpi dello Stato, alle Forze di Polizia, Guardia di Finanza, Penitenziaria, Vigili del Fuoco, Forestale, Vigili Urbani, compreso quello civile Continua a leggere

MEMORIA, IDENTITA’ E SVILUPPO . A cura del Prof. Alessandro Marra (storico dell’ economia Università di Napoli “Federico II” )

Castel Morrone(Ce)- La memoria del passato potrebbe divenire un progetto di sviluppo per il futuro. Le radici e l’identità di una comunità, le ragioni comuni dello stare insieme di un territorio, senza storia e memoria condivisa con il tempo si indeboliscono, fino a scomparire. Senza innovazione è difficile giungere ad un moderno generale sviluppo nella ancora inesplorata stagione della globalizzazione dei mercati. Per molti versi diventa obbligatorio Continua a leggere

Teano(Ce)- Il 30 novembre 2010 alle ore 16,00 una delegazione del Comitato pro Teano, insieme con il sindaco Raffaele Picierno e l’assessora Rosaria Pentella, sarà ricevuta dalla Presidenza della Repubblica nella sede del Quirinale a Roma. Al centro dell’incontro saranno i contenuti e gli obiettivi della Carta di Teano – di cui alleghiamo la versione definitiva con una scheda sui sindaci che sono stati protagonisti dell’evento. La presentazione della Carta di Teano al Continua a leggere

Teano(Ce)- (Di Pasquale Iorio) La città di Teano è stata protagonista di un evento eccezionale: ancora una volta è diventata un luogo simbolico della storia e della vita culturale,sociale del nostro Paese. Per più di quattro giorni si sono svolte le varie iniziative previste dal un intenso programma elaborato, preparato e gestito dal comitato promotore “A Teano diamoci la mano” e dall’ amministrazione comunale. La data dello storico incontro con il quale si fece l’Italia unita non è stata ricordata solo per il 150° anniversario di celebrazione (come avveniva ogni anno); ma stavolta è diventata l’occasione per dare vita ad un evento che ancora una volta può segnare una svolta nella vita e nella storia di una comunità e di un intero paese. Nei vari incontri delle assemblee plenarie e dei laboratori tematici (ne sono stati organizzati una ventina) abbiamo vissuto momenti di grande tensione e passione civile, con una partecipazione Continua a leggere

TEANO(Ce) -(di Nunzio De Pinto)  All’alba del 26 ottobre 1860 Garibaldi, che era accampato nei pressi di Riardo, e Vittorio Emanuele, che aveva pernottato nel palazzo ducale di Presenzano, si incontrarono al ponte di San Cataldo nei pressi della Chiesa di Borgonuovo, a circa tre miglia da Teano, dove giunsero nelle prime ore della giornata. L’evento, che ha reso famoso il nome di Teano, è ricordato da due monumenti: il primo, sul luogo dell’Incontro (Strada Provinciale 329, in direzione di Caianello), fu realizzato nel centenario del 1960 ed è costituito da un’esedra con un’antica colonna di granito posta come simbolica pietra miliare sul cammino dell’ Unità d’Italia; l’altro (in Largo Croci) raffigura i due personaggi a cavallo e fu realizzato nel 1996 dallo scultore sidicino Rino Feroce. Ma sull’evento che ha segnato la Storia Italiana si sono cimentati ben più famosi artisti e, molto spesso, le loro opere sono da restaurare. “L’incontro di Teano”, la grande Continua a leggere

Teano(Ce)- Una nuova stretta di mano potrebbe mettere fine all’antica diatriba che, da oltre 100 anni, vede uno contro l’altro i comuni di Teano e di Vairano ognuno convinto, documenti alla mano, che sul proprio territorio sia avvenuto l’incontro fra Vittorio Emanele II e Garibaldi. Stufi della ormai anacronistica rivalità i sindaci delle due cittadine, Raffaele Picierno (Teano) e Giovanni Robbio (Vairano) cercano di costruire una rinnovata unità di intenti. Così, stimolati anche dal servizio pubblicato domenica sul Corriere del Mezzogiorno, dicono, pubblicamente e insieme, basta alla questione. «Un metro più verso Teano o uno in più verso Vairano, non importa. Ciò che conta è che, proprio da questo territorio, partì la costruzione dell’Italia unita» dice Robbio. Che aggiunge: «Noi vairanesi non vogliamo usurpare titoli: ormai quello fra il re e l’eroe dei Due mondi, è tradizionalmente conosciuto come l’”incontro di Teano”, dunque, non è nostra intenzione alimentare posizioni di parte che hanno dato vita a fazioni simili a tifoserie calcistiche. Continua a leggere

Dopo le salme dei militari  italiani morti nella fantomatica “missione di pace”, il Ministro reclama le salme dei due ultimi re d’Italia, autori di leggi razziali… Pensi piuttosto a far rientrare le Truppe dall’Afghanistan e riportare in Italia i nostri soldati sani e salvi...

Italia- (di Andrea De Luca) Volete sapere l’ultima di La Russa? Ebbene, vuole riportare in Italia, in occasione del 150° anniversario dell’ Unità d’Italia, le salme di Vittorio Emanuele III e di Umberto II, gli ultimi due re d’Italia. «Si tratta di un gesto che rinsalda la comune appartenenza alla nostra storia italiana», le sue parole. Ma anche no! Invece di pensare ai re, La Russa dovrebbe pensare a riportare a casa i nostri soldati dall’Afghanistan. Inoltre, La Russa dimentica (o fa finta di non sapere) che Vittorio Continua a leggere

Teano(Ce)- (di Pasquale Iorio) La prossima settimana – in occasione del 150 anniversario dello storico incontro che sancì l’unità d’Italia – nella nostra provincia si terranno due eventi molto ricchi ed intensi a Teano e a Vairano, che segneranno il contributo offerto da Terra di Lavoro al nostro Risorgimento Si presenta particolarmente rilevante il programma di incontri e di iniziative culturali, espositive e ricreative, che animeranno il centro di Teano dal 22 al 26 ottobre 2010. Nella data del 26 Ottobre ricorre il 150° anno dello storico incontro a Teano tra Garibaldi e Vittorio Emanuele che ha sancito di fatto la nascita dell’Italia.  “Più che di una unione si trattò di un’annessione, e sappiamo che il Mezzogiorno ebbe a patire per il modo con cui l’Unità d’Italia si realizzò. Ma oggi siamo altrettanto convinti che questa Unità è irrinunciabile e va rilanciata” – così si legge nell’appello del comitato Pro Teano.  A questa iniziativa sono stati invitati gli storici più prestigiosi, italiani e stranieri,  studiosi della lingua e letteratura italiana, economisti, sociologici, ed operatori culturali per trovare insieme una memoria condivisa ed un progetto comune che ci faccia uscire dalla crisi economica e morale che stiamo drammaticamente vivendo. Continua a leggere

Nella disputa tra Teano e Vairano s’inserisce Caiazzo: la lettera del professor  Briguglio, dell’Università di Padova,  riapre il contenzioso storico

A CAIAZZO, IL PRIMO VERO INCONTRO TRA GARIBALDI E VITTORIO EMANUELE II

Dal diario di guerra del generale Menabrea si legge che Garibaldi attese a Caiazzo il Re

 Caiazzo(Caserta)- (Di Giuseppe Sangiovanni) Sorpresa, stupore, incredulità,  sconcerto tra quanti ritenevano di aver appreso a scuola, dai libri di storia, qualche cosa d’inoppugnabile. Vittorio Emanuele II, re d’Italia e Giuseppe Garibaldi  non s’incontrarono a Teano! O meglio. Quell’incontro ci fu, ma solo incidentalmente, dopo il primo vero incontro, tra l’eroe dei due mondi ed il monarca, avvenuto presso Caiazzo. Un falso storico in danno dell’onestà intellettuale e dell’ intelligenza d’ogni e qualsiasi cittadino italiano? Continua a leggere

Monte Castello: Luogo dell’ oblìo Povero Pilade Bronzetti .

Il gloriarsi dell’ inserimento di Monte Castello di Castel Morrone tra i luoghi della memoria in occasione dei 150 anni dell’ Unità d’ Italia, da parte del Sindaco rappresenta un pugno in faccia a tutti coloro che hanno contribuito in modo determinante alla valorizzazione di quel luogo .

Castel Morrone(Ce)- (a cura dell’Avv. Michele Marra) Non è inutile sottolineare che la strada a Monte Castello fu opera voluta e realizzata dal Sindaco Francesco Damiano, così come il recupero della Chiesa e la sistemazione del Monumento a Pilade Bronzetti, mentre fu il Sindaco Aniello Riello a completare i lavori e ad ottenere la riapertura del sito. Dobbiamo ringraziare, invece il Prof. Alessandro Marra, autore del volume “Pilade Bronzetti : un bersagliere per l’ Unita ” d’Italia ” se finalmente il mantovano ha trovato un posto biografico completo nella storia. Oggi il Monumento a Pilade Bronzetti è fatiscente; la Chiesa di Monte Castello è chiusa, il Sindaco organizza per il primo ottobre con la Pro Loco un convegno su “Vincitori e Vinti” per esaltare lo spirito borbonico più che l’ esempio di Pilade Bronzetti e deve apprendersi dal Corriere di Caserta che è orgoglioso del “martirio del Bronzetti”. Ebbene allora dovrebbe spiegare agli italiani per quale motivo ha pensato di dedicare una strada al Nicoletti, colui che uccise Pilade Bronzetti,senza ricordarsi di Matteo Renato Imbriani, che su quel monte fu soldato tra i 300 garibaldini , Continua a leggere

NEO COMITATO PROVVISORIO COSTITUTIVO VIA MICHELANGELO BOVE 6-81058 VAIRANO PATENORA

Ci pregiamo comunicarvi, che mercoledì 2 giugno alle ore 19,30

Vairano Patenora(Ce)- (Da Lino Martone) Nella piazza Libertà di Vairano Patenora, si terrà un’importante dibattito in cui sono impegnati autorevoli rappresentanti del mondo accademico e di cui vi alleghiamo copia di manifesto affisso.(Di seguito riportato). Continua a leggere