IMG_0009Acerra (Na)-   Allarme inquinamento: Renis (EMPA), Lancia forte e deciso monito contro gli incendi  dei rifiuti. Le Guardie Zoofile dell’E.M.P.A. (Ente Mediterraneo Protezione Animali), durante un normale controllo del territorio, uno dei tanti istituiti dal Responsabile per il contrasto dei reati ambientali e controllo degli animali, (altro…)

Napoli– (del prof. Franco Ortolani geologo) L’emergenza dei profittarori, degli incapaci e dei distratti: rifiuti a Taverna del Re( vedi foto 1 e 2)  come ad Acerra (vedo foto 3 e 4 ) . Stefano Franciosi, responsabile WWF di Lago Patria e componente della delegazione che ha potuto visitare la piazzola numero 12 di Taverna del Re insieme ad altre quattro persone, tra cui Lucia De Cicco e alcuni consiglieri comunali di Giugliano ha diffuso le foto di seguito illustrate che evidenziano una vera e propria discarica di rifiuti soli urbani a cielo aperto senza alcuna protezione alla base. Secondo l’ordinanza 512 del 27 ottobre scorso, firmata dal Presidente della provincia Luigi Cesaro, i rifiuti sarebbero dovuti essere disposti sopra un telo impermeabile. Secondo Franciosi: «Sono poche le prescrizioni dell’ Asl che sono state rispettate in questa situazione». «Veniamo trattati peggio delle bestie, continua Franciosi. Questa ordinanza è solo un pretesto per scaricare quanto e come si vuole. Continua a leggere

Convegno della Fondazione G. Caporale di Acerra “Infelix Campania Felix – la cura del Territorio”  martedì 10 giugno 2008 ore 18.00 Sala Convegni Biblioteca DIocesana sarà presente Walter Ganapini – Assessore Regionale all’Ambiente

Acerra(Na)- “INFELIX CAMPANIA FELIX – LA CURA DEL TERRITORIO” SALA CONVEGNI BIBLIOTECA DIOCESANA ACERRA MARTEDI 10 GIUGNO 2008 ORE 18.00. Introduce: Luigi MONTANO Direttore Fondazione G. Caporale Associazione éidos. Modera: Sergio MAROTTA Giurista – Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, Inrervengono:  Vito AMENDOLARA Direttore Regionale Coldiretti Coordinatore Osservatorio Campano per il Territorio e l’Ambiente Continua a leggere

Riceviamo da Giuseppe Romano: Spesso mi sono sentito obbiettare che degli studi affermano che un inceneritore inquinerebbe meno di 50 automobili…  Allora ecco a voi, siore e siori, uno studio fatto dal “Centro per la Salute ‘Giulio A. Maccacaro’ di Castellanza (VA)”…(Lo studio nella sua interezza è a questo indirizzo: http://www.inceneritori.org/caldiroli.htm )

Vi riporto solo alcuni dati: Le cifre sono stimate per un emissione annua di un inceneritore da 400 t/g (8.000 ore di funzionamento)  e per un automobile a benzina, immatricolata dopo il 1997 catalizzata 94/12/CEE, con percorrenza annua media di 10000 km.
Ossido di carbonio
Emissioni Inceneritore =53333 Kg/anno
Emissione Automobile =14,820 g/Km
ergo –> tale inceneritore equivale a 359,9 automobili che percorrono 10000km/anno in ciclo urbano Continua a leggere

Pubblichiamo i dati di contaminazione da diossine, furani, PCB e metalli pesanti emersi dalle analisi tossicologiche su contaminazione ambientale condotte, a spese proprie, da cinque abitanti del Triangolo della Morte, resi noti nella conferenza stampa tenutasi ad ad Acerra il 19 gennaio presso la Biblioteca Diocesana. Tali dati, insieme a quelli delle rilevazioni sulla famiglia di pastori dei Cannavacciuolo, forniscono una prima allarmante idea dell’emergenza campana in tema di rifiuti tossici. ( A cura di Vittorio Moccia, Peacelink)

Acerra(Napoli) Marfella ed altri-A questa conferenza volevamo esserci. Ci pareva un dovere di cittadini campani oltre che di volontari dell’informazione capire l’entità del problema, rendersi conto dei livelli di pressione ambientale generati dalla criminale ed incosciente azione di uomini corrotti, i quali, grazie all’appoggio del “sistema” campano, hanno sfiancato fino alla dissoluzione un territorio di pregiatissimo valore agricolo, con conseguenze imprevedibili e disastrose per le popolazioni che sulla catena alimentare di quel terreno ci vivono. Oltre 2500 discariche tra legali ed illegali, queste ultime zeppe di rifiuti tossico-industriali, sparse sul territorio, con enormi concentrazioni nelle zone del Triangolo della Morte (Acerra, Nola, Marigliano) e della Terra dei Fuochi (Giugliano, Qualiano, Villaricca) lungo le direttrici delle statali su cui confluiscono i gommati della camorra; 2500 discariche di rifiuti presenti da anni; la Campania pattumiera de rifiuti industriali del nord Italia; sversamenti che continuano indisturbati nell’immobilismo decennale di una classe politica inadempiente ed incapace, Continua a leggere

San Salvatore Telesino(Benevento)- I Comitati Civici che si sono spontaneamente costituiti negli ultimi anni o in tempi più recenti nella provincia di Benevento per la salvaguardia dell’ambiente e dei Beni Comuni come l’acqua, a seguito dei vari incontri tenutosi nell’ultimo mese, Domenica  20 Gennaio 2008 si sono uniti in un unico Coordinamento che lavora e interagisce con tutti i Comitati Civici campani e molisani. Dopo le esperienze locali e le battaglie degli ultimi mesi era ormai tempo di unire le forze di tutti. La grande manifestazione del 14 di Gennaio a Benevento ha dimostrato che il fine comune a tutti i cittadini è la salvaguardia dei propri territori e delle ricchezze comuni ed è emersa la necessità di affrontare tutti insieme la questione rifiuti nella sua complessità anche nella provincia di Benevento. L’emergenza rifiuti non è a Pianura o ad Acerra, l’emergenza rifiuti è qui nella nostra provincia come ovunque e noi non siamo assolutamente d’accordo sulle soluzioni che vengono proposte da anni e che continuano ad accrescere i problemi invece di risolverli. Continua a leggere

Pignataro Maggiore(Ce)-Buona partecipazione all’assemblea pubblica tenutasi domenica 13 gennaio sul tema dell’emergenza rifiuti. L’incontro, organizzato dal centro sociale Tempo Rosso, ha visto la partecipazione di alcune componenti del fronte ambientalista che si sono battute contro l’insediamento di una discarica a cielo aperto in località Cento Moggi, a Pignataro Maggiore.(Foto: Manifestazione contro i rifiuti Napoli Pianura. Autore Andrea pioltini, fotoreporter)  Obiettivo della manifestazione è stato, non solo, fare il punto della situazione in merito alla battaglia portata avanti sul territorio dell’Agro Caleno, ma anche e soprattutto, condurre una prima riflessione sulla più ampia problematica della tutela dell’ambiente nel quadro complessivo di una emergenza rifiuti non ancora scongiurata.  Per quanto riguarda la partecipazione, oltre a diversi cittadini provenineti da tutti i comuni dell’Agro Caleno, è da registrarsi la presenza  di una corposa delegazione del Comitato civico per la difesa del territorio e della salute pubblica di Pignataro Maggiore, Continua a leggere

Cari ‘POLITICI’ avete fatto arrabbiare e scomodare persino il mitico ‘PULCINELLA’, per essere sceso in piazza ad Acerra a manifestare contro le vostre decisioni scellerate …

ACERRA(NAPOLI)- Alla scorsa manifestazione nazionale contro i rifiuti, ( vedi foto correlate, cliccare su ogni singola foto per ingrandire l’immagine. Autore foto: Andrea Pioltini) inceneritori e discariche in Campania ed in Itali ( i rifiuti in Campania é un enorme disastro e scempio ambientale causato dalla cattiva gestione  politica, da affari e infiltrazioni di camorra), alla quale hanno partecipato gruppi, comitati e delegazioni dei vari movimenti da tutt’Italia ( No dal Molin, Rete nazionale rifiuti zero, No Tav.. leggi articolo inerente all’argomento e vedi adesioni. Clicca su questa scritta per aprire la pagina..), e, per quanto riguarda la nostra provincia di Caserta é stato presente il “Comitato Emergenza rifiuti “(contro la discarica illegale e pericolosa de Lo Uttaro), non poteva mancare il mitico, ovvero il simbolo del popolo napoletano e del sud: “PULCINELLA( nella foto 1 a sx insieme al Comitato emergenza rifiuti Ce. Cliccare sopra per ingrandire) Continua a leggere

SABATO 13 OTTOBRE 2007 ORE 16 STAZIONE CENTRALE F.S. ad ACERRA “NO ALL’ INCENERIMENTO ED ALLE MEGADISCARICHE PER LA DIFESA DELLA SALUTE, DEI TERRITORI E DEI BENI COMUNI ( foto articolo: Autore Andrea Pioltini)

Per i residenti da Caserta e prov. l’appuntamento per la manifestazione del 13/10/2007 ad Acerra (Na)”manifestazione contro i Termovalorizzatori e le megadiscariche, per una correta gestione del ciclo dei rifiuti ” è alla stazione dei treni di Caserta alle ore 15 in punto di sabato 13 ottobre. Andremo, quindi, in treno. La partenza del treno è prevista per le ore 15.15, l’arrivo alle 15.32, in tempo utile per organizzarsi ed aggregarsi al corteo. Ognuno, arrivando alla stazione di Caserta, si munisca di biglietto ferroviario singolarmente. Gli orari dei treni per il ritorno sono Acerra Caserta 18.27- 18.48 Acerra Caserta 18.50- 19.09 Acerra Caserta 19.11-19.34 Acerra Caserta 20.23 -20.43 . E’ importante aderire alla manifestazione nazionale. E’ importante essere lì tutti. Ci vediamo alla stazione!(Segue comunicato dei comitati Rete No Rifiuti ed inceneritori Campania)

In Campania, dopo 14 anni di commissariamento “straordinario” sulla gestione dei rifiuti, la “politica dell’emergenza” è diventata una strategia per drenare soldi pubblici, sottraendo le scelte ad ogni espressione di volontà popolare. Da Rastrelli a Bassolino, dal centrodestra al centrosinistra, un accordo trasversale e consociativo ha espropriato ogni luogo democratico per consegnarsi agli interessi di comitati d’affari Continua a leggere

No all’ Incenerimento ed alle megadiscariche per la difesa della salute, dei territori e dei beni comuni. Appello per mobilitazione nazionale ad Acerra del 13 Ottobre 2007

(Foto autore Andrea Pioltini) Napoli e Campania- Il “caso Campania” è diventato sui media italiani ed internazionali un simbolo di cattiva gestione, di malaffare, di clamoroso fallimento per un’intera classe dirigente che dovrebbe solo dimettersi, incapace di articolare un piano di smaltimento dei rifiuti minimamente razionale ed efficiente e di sottrarre il territorio all’azione delle ecomafie ed alla voracità di profitto dei potentati economici Continua a leggere