ALIFE(Ce)- (di Pietro Rossi) La notizia non é ancora ufficiale, ma pare che il Sindaco di Alife avv. Roberto Vitelli sia stato contattato alcuni giorni fa dal commissario prefettizio di Napoli, perché sembra che una delle cave appartenenti ad un privato, che sorge lì proprio dove é collocata la nota pizzera dal nome omonimo “La cava” in località S. Michele (frazione di Alife) (foto 1 a sx. Autore Andrea Pioltini fotoreporter. Cliccare sopra per ingrandire) sia stata individuata per ospitare un mega sito di stoccaggio di ecoballe. Ricordiamo che le eco-balle di eco non hanno proprio nulla ma sono solo balle cariche di veleni mortali. Ovviamente il Sindaco di fronte a tale scellerata e probabile decisione, con tanto di documentazione presentata ha cercato di dimostrare la non idoneità del sito, in quanto la cava non presenta affatto le caratteristiche morfologiche idonee a ospitare rifiuti, e, cosa ancora più grave proprio in questa zona vi é una massiccia presenza di pozzi d’acqua Continua a leggere Continua a leggere Continua a leggere

FERRANDELLE, la Terra di NESSUNO. Siamo agli inizi della fine…” Il grido della popolazione: “AIUTATECI a venire fuori dal disastro“! La foto di denuncia( a dx, cliccare sopra per ingrandire), su cui si legge lo storico slogan: “Fermate il Mostro” tratto dalla canzone ambientalista della cantautrice pacifista Agnese Ginocchio  in oggetto,  si riferisce al Presidio permanente dei Comitati civici ambientalisti (le persone che figurano sulla foto sono del Comitato di Casal Di Principe) in Località FERRANDELLE a Santa Maria La Fossa(Ce) ed é tratta dal reportage fotografico di Andrea Pioltini fotoreporter, che in data 9 Febbraio 2008 é stato realizzato in detto luogo.  Il coordinamento redazionale del nostro portale: “Alto Casertano- Matesino & d” si é recato sul posto e ha visitato il sito della discarica aperta che sta mettendo a rischio l’intera provincia di terra di lavoro. Si ringrazia per la fattiva collaborazione il giornalista cronista casertano, nativo di Grazzanise, prof. Raffaele Raimondo, che ci ha fatti da guida sul sito di Ferrandelle e luoghi limitrofi Continua a leggere

ALIFERiceviamo da “Agnese Ginocchio” e pubblichiamo la seguente segnalazione. Appello urgente di solidarietà. “Da alcuni giorni é stato avvistato nel comune matesino di Alife un giovane immigrato( barbone) di origine rumena, che girovaga senza fissa dimora ( dorme per strada chissà dove) la nostra cittadina. La prima volta é stato visto nella giornata di domenica 13 Gennaio ( giornata dedicata ai migranti) chiedere l’ elemosina davanti alla chiesa cattedrale di Alife. Il giovane (meno della trentina) magro e di aspetto malandato, ha capelli castano biondi, occhi azzurri e barba chiara e si chiama “Florin” . Non sta bene, ha bisogno di essere curato ed assistito. Se vi dovesse capitare di incontrarlo avvicinatelo e imponetegli di andare a Caserta e di rivolgersi alla Caritas ( responsabile don Giorgio Quici) che potrà ospitarlo presso la struttura della : “Tenda di Abramo“( struttura molto conosciuta a Caserta, che si trova nei pressi del centro commerciale Iperion in Via P. Borsellino; questa struttura é stata creata dalla diocesi di Caserta per volontà del Vescovo Nogaro) che ospita tutti gli immigrati in difficoltà e senza dimora, offrendo loro pasto, tetto, vestiti e assistenza. Continua a leggere