CEMENTIFICIO MOCCIA DI SAN CLEMENTECASERTA –(Di Nunzio De Pinto)  “Dopo le prove di inquinamento il cementificio Moccia ha oramai inaugurato il nuovo corso di degrado ambientale dopo la tregua dovuta all’intervento sanzionatorio per mancato rispetto delle norme di sicurezza ambienta leda parte dell’ARPAC e degli altri organi ispettivi”. È quanto ha affermato Pasquale Costagliola, Presidente dell’ Associazione ambientalista “Terra Nostra”, strenuo difensore (altro…)

Lettera aperta Alle Istituzioni, Ai medici impegnati in mateia ambientale e oncologica, Alla Chiesa, Alla politica, Alla LILT, Al CO AS.CA, alle Associazioni e movimenti,Alla stampa, ai cittadini.

 E ora Basta ad alimentare i tumori Agiamo , prima che sia troppo tardi

Caserta- (Di Mario Cozzolino) Se facessi silenzio, significherebbe, abbandonare, ad un destino atroce e imprevedibile nella tombe dei tanti cimiteri, tra cui , l’oltraggiato luogo Sacro di Caserta , quanti siano morti di metastasi da carcinoma un tumore maligno al seno, al cervello; al fegato e quant’altro; significherebbe abbandonare tutti coloro che in questi giorni o da anni stanno subendo questo maledetto male. Invece no , io parlo e scrivo e insisto nel parlare di tumori, perché dei Continua a leggere

COMUNICATO STAMPA DEL 24 GIUGNO 2011. MEDICI PER L’AMBIENTE CAMPANIA PRO RACCOLTA DIFFERENZIATA
Caserta, 24 giugno 2011 – I Medici per l’Ambiente riuniti al Congresso nazionale di Patologia Ambientale a Caserta, nei giorni 23-24 e 25 giugno, denunciano la loro preoccupazione per i rischi sanitari determinati dal permanere dei cumuli di …rifiuti solidi urbani nelle strade della città di Napoli e in quelle della Provincia. Continua a leggere

Dopo la recente scoperta di un grosso quantitativo di lastre di Eternit arriva la denuncia di escursionisti ed ambientalisti: Pericolo “mesotelioma pleurico”. Scampagnata di ferragosto a rischio». Sicignano (Pdl): «L’Amministrazione verifichi quanto prima l’agibilità dei boschi, tenendo in considerazione la tutela del gran numero di persone che si recheranno in tali posti per la giornata del ferragosto ».

CASTELLAMMARE DI STABIA (NAPOLI)-(da Circolo della Libertà) Giorni difficili per gli stabiesi che, come da tradizione, sono soliti trascorrere la festività del ferragosto nei parchi dei boschi di Quisisana. Ed infatti, dopo le polemiche degli ultimi giorni sul ritrovamento di alcune lastre di Eternit in un vallone del complesso boschivo, si è formalizzata negli ultimi giorni una nuova protesta da parte di alcuni frequentatori della zona. Sono comparsi in prossimità di alcuni accumuli di rifiuti cartelli anonimi che denunciano il precario stato di abbandono della zona ed invitano gli amministratori locali a rassegnare le dimissioni. Tuttavia, il nuovo allarme parte da un gruppo di escursionisti che, in considerazione della consueta scampagnata del ferragosto, sottolineano i gravi rischi alla salute che potrebbero derivare dal precario stato igienico – sanitario del complesso boschivo. «L’abbandono della zona – sottolinea Vittorio Sanese, membro di un gruppo di escursionisti della zona – può pregiudicare l’agibilità dei boschi di Quisisana in vista della scampagnata del ferragosto Continua a leggere

San Nicola La Strada(Ce) – ( di Nunzio De Pinto)Dopo l’annuncio dato dallo stesso sindaco Pascariello circa la sua presenza alla marcia di protesta contro la discarica LO UTTARO 2 (Cava Mastroianni, nella foto a dx) che avrà luogo domani con inizio alle ore 10.00, con partenza da Piazza Parrocchia, molti altri personaggi politici e non hanno annunciato la loro partecipazione. Innanzitutto, sarà presente Agnese Ginocchio, cantautrice e testimonial della Pace, che da sempre è vicina al ComEr sannicolese, e che in occasione della prima marci di protesta contro la discarica Lo Uttaro 1, coniò una canzone dal titolo “Fermate il Mostro” che riscosse molto successo. Poi ci saranno tutti i partiti del centrosinistra sannicolese, con il PD di Lucia Esposito in testa, la giunta comunale ed i consiglieri comunali. Da Caserta prevista la presenza anche di diversi esponenti del comune e dell’amministrazione provinciale Continua a leggere

LETTERA APERTA AL SINDACO DI CASERTA Nicodemo Petteruti

Caserta -(ComitatiCIttadiniCasertani) “Signor Sindaco, purtroppo ancora una volta siamo costretti a prendere atto che, dinnanzi alle responsabilità che dovrebbe assumersi in qualità di primo cittadino nonché di capo dell’amministrazione comunale, Lei continua a defilarsi. Come ai tempi della scelta di Lo Uttaro, ma stavolta contrastando la nuova discarica, avremmo voluto vederla protagonista del destino della città. Ci rendiamo conto, invece, che per l’ennesima volta ci siamo illusi che Lei potesse ridare un briciolo di dignità all’immagine di questo territorio devastato a causa di scelte politiche scellerate.  Qualche giorno fa abbiamo rivolto un invito alla coerenza ai rappresentanti locali del centro-destra che l’anno scorso si ergevano a difensori dell’ambiente Continua aleggere

Caserta- (Giovanna Maietta) Continuano i presidi alla cava Mastroianni in attesa della marcia che il Comitato Emergenza rifiuti sta organizzando per domenica 15 giugno. Il corteo che giungerà alla cava Mastroianni (foto a dx: La cava Mastroianni* foto a sx: Giugno 2008- La discarica di Lo Uttaro . Cliccare sopra per ingrandire immagine ) avrà due punti di raggruppamento Piazza Parrocchia di San Nicola La strada e piazza Fiera mercato di Maddaloni. Nei pressi della cava quando i due cortei si saranno riuniti, si celebrerà una Messa per sottolineare la gravità della generale situazione di emergenza che sta prospettando un quadro drammatico e sempre più complesso Continua a leggere

Lo Uttaro e Mastroianni: Due discariche al prezzo di una

Caserta-Ti è bastata la discarica illegale e pericolosa di Lo Uttaro (foto a sx : Giugno 2008-La discarica di Lo Uttaro, foto a dx: Giugno 2008-La cava Mastroianni. Cliccare sopra per ingrandire immagine ) chiusa da ben due provvedimenti della magistratura perché sono stati sversati illecitamente rifiuti industriali pericolosi che hanno inquinato il terreno, l’acqua e l’aria? Con il nuovo decreto del governo il Sottosegretario Bertolaso ne vuole aprireun’altra da 1.500.000 mc nella confinante cava Mastrioanni, ben 4 volte più grande, e stavolta non potremo più nemmeno ricorrere alla Magistratura per ottenerne la chiusura a causa dello sversamento di rifiuti pericolosi come le ceneri e i fanghi industriali che il governo ha legalizzato e che nulla hanno ache fare con l’emergenza rifiuti ma molto con affari illeciti ai danni della salute dei cittadini. Saranno 3 anni di puzze Continua a leggere

SAN NICOLA LA STRADA (Ce)-( di Nunzio De Pinto) Il Comer le tenta tutte, non lascia nulla di intentato affinché Lo Uttaro 2 (Cava Mastroianni) non venga aperta. Antonio Roano, leader del Comitato (nella foto) ha preso carta e penna ed ha scritto al Capo dello Stato. Ecco il testo della missiva: “Caro Presidente, spero che, oltre ad ascoltare le parole di un governo e del suo capo che indicano soluzioni sbagliate ad un problema concreto come quello della cosiddetta emergenza rifiuti in Campania, Lei possa convocare il Dr. Ganapini, attuale assessore all’Ambiente della Regione Campania, che ha già risolto in modo egregio il medesimo problema in quel di Milano. Berlusconi ed il popolo leghista rappresentano coloro che, dopo averci riempito i terreni con i rifiuti tossici delle loro industrie del Nord, ora sdegnosi rifiutano di accettare i nostri rifiuti solidi urbani e pretendono, in un modo ignobile, si calpestare i principi di solidarietà insiti nella nostra Costituzione all’art. 119 con un federalismo tanto immorale quanto egoista Continua a leggere

SAN NICOLA LA STRADA (Ce)-( di Nunzio De Pinto)  “La scelta del Sottosegretario di Stato ai Rifiuti  di far aprire la cava Mastroianni, che è attigua alla discarica Lo Uttaro, è semplicemente “Scellerata”. È quanto ha dichiarato il sindaco Angelo Antonio Pascariello (nella foto al centro, manifestazione contro la discarica lo Uttaro  di un anno fa) appena è stato reso noto il decreto, firmato dal Presidente della Repubblica, con il quale è stato sancito che la cava Mastroianni, in località TORRIONE di Caserta diventerà una nuova discarica. In poche centinaia di metri, nella zona ci sono: il sito di trasferenza, la discarica Lo Uttaro ed ora la discarica Mastroianni. In pochi centinaia di metri ci sono migliaia e migliaia di tonnellate di rifiuti pericolosi, come accertato dalla Magistratura. Magistratura che va fiera della sua indipendenza dal potere governativo, ma che ora non dice nulla e consente che centinaia di migliaia di cittadini, negli anni a venire, muoiano di tumore. “Con questa scelta” – ha sottolineato Pascariello – “Bertolaso va a penalizzare una zona urbana già ampiamente sacrificata. La zona della Uttaro era già rientrata nel protocollo d’intesa sottoscritto a Caserta il 26 novembre del 2006 tra Bertolaso, il presidente della Provincia De Franciscis Continua a leggere

In merito all’articolo pubblicato qualche giorno fa su: “ALLARME: Ecoballe, Probabile arrivo Eco-balle in località  Cava S. Michele frazione di Alife (Clicca sulla scritta per leggere l’articolo)”   Prime e dure reazioni anche sul blog degli amici di Alife “Alife Happy“. Tutti sentenziano all’unanime: “NO” Fermiamo questo imminente e probabile disastro ecologico nel cuore del Parco del Matese. DI seguito riportiamo l’articolo pubblicato sul suddetto blog. Il coordinamento redazionale del nostro portale “Alto Casertano-Matesino & d“,  invita caldamente tutti i lettori ad alzare la voce e farsi sentire contro questo grave scempio ambientale e ad inviarci pareri, articoli e dichiarazioni in merito, che saranno tutte pubblicate su questo portale. “Per il bene, la salute, la vita e la salvaguardia del nostro territorio FACCIAMOCI SENTIRE” !!!!

ALIFE(CE)- La imminente notizia di una probabile invasione di eco-balle nel territorio alifano ha preso piede tra le pagine di network e quoditiani locali creando sconcerto tra gli alifani e non solo. Dal comunicato di Agnese Ginocchio ” portavoce della pace” apprendiamo che nel nostro territorio in una cava situata in località S.Michele (nella foto a dx, Una delle due cave bianche, cliccare sopra per ingrandire. Autore: Andrea Pioltini fotoreporter) è stata individuata come sversatoio di eco-palle, pardon balle. L’articolo originale apparso per intero sulla testata cartacea della provincia: “Gazzetta di Caserta” ( e altre testate cartacee ridotto) nella giornata di sabato 10 Maggio 2008  parlava dell’immediata mobilitazione del Sindaco Vitelli delegato dall’intera giunta comunale, opposizione compresa, che convocato a Napoli, nella settimana scorsa, con relative documentazioni, respingeva l’indecente proposta effettuata dal commissario Continua a leggere

ALIFE(Ce)- (di Pietro Rossi) La notizia non é ancora ufficiale, ma pare che il Sindaco di Alife avv. Roberto Vitelli sia stato contattato alcuni giorni fa dal commissario prefettizio di Napoli, perché sembra che una delle cave appartenenti ad un privato, che sorge lì proprio dove é collocata la nota pizzera dal nome omonimo “La cava” in località S. Michele (frazione di Alife) (foto 1 a sx. Autore Andrea Pioltini fotoreporter. Cliccare sopra per ingrandire) sia stata individuata per ospitare un mega sito di stoccaggio di ecoballe. Ricordiamo che le eco-balle di eco non hanno proprio nulla ma sono solo balle cariche di veleni mortali. Ovviamente il Sindaco di fronte a tale scellerata e probabile decisione, con tanto di documentazione presentata ha cercato di dimostrare la non idoneità del sito, in quanto la cava non presenta affatto le caratteristiche morfologiche idonee a ospitare rifiuti, e, cosa ancora più grave proprio in questa zona vi é una massiccia presenza di pozzi d’acqua Continua a leggere Continua a leggere Continua a leggere

SANTA MARIA LA FOSSA (Ce)-(di Raffaele Raimondo)  “La Testimonial della Pace, Agnese Ginocchio, nella napoleonica giornata del 5 maggio aveva scritto: “Quello che ho visto ieri sul sito della discarica di Ferrandelle è una cosa che supera ogni limite di sopportazione umana…La valle della desolazione…Disastro totale…Perdete ogni speranza voi che entrate… Maledetto l’uomo che devasta la natura e madre terra! Fermiamoli, questi mostri..Shalom.peace.mir.pace”. Espressioni pesanti di un’osservatrice esterna aggredita dal raccapriccio dello scenario che le si è presentato davanti agli occhi. Una voce densa di uguale e corale sdegno s’è levata in Santa Maria la Fossa, a qualche giorno di distanza, dal “Comitato per la tutela del territorio del Basso Volturno” che, mediante un manifesto, si è rivolto a tutti i cittadini al grido di “Non abbandoniamo la speranza!”. Per il Comitato “la bonifica di Ferrandelle non è un’utopia

Chiaiano(Na)- ( di Serena Ferretti) Continua la mobilitazione dei cittadini di Chiaiano, quartiere a nord di Napoli travolto da tumulti di protesta contrari alla costruzione di una nuova discarica, da 700mila tonnellate. Nella notte sono stati, infatti, registrati nel napoletano oltre 40 incendi dolosi di cassonetti ed immondizia lasciata sulla strada, impiegando i vigili del fuoco. A causa di queste proteste, ieri, in un incontro straordinario tra il commissario, Gianni De Gennaro, gli amministratori locali e i comitati dei cittadini si è deciso di rinviare le perizie tecniche necessarie a valutare la possibilità di allestimento e l’apertura della discarica in questione.  In questi giorni la situazione è, infatti, degenerata. Il presidio dei manifestanti davanti l’ex cava di tufo ha paralizzato il quartiere napoletano, bloccando strade, mezzi di trasporto pubblici terrestri e i convogli della linea 1 della metropolitana, con gravissimi disagi per migliaia di pendolari Continua a leggere

SAN NICOLA LA STRADA (Ce)– (di Nunzio De Pinto) Che le industrie nordiste per decenni avessero sparso i loro rifiuti, anche pericolosi, in quella che un tempo i romani chiamavano “Campania Felix”, è noto a tutto, ma Nicola Casale, dirigente del Comitato delle Due Sicilie, di cui il sannicolese Fiore Marro e segretario nazionale, denunzia l’ennesima truffa delle aziende del Nord. “Dopo le vongole avvelenate di Porto Marghera del 2004, pescate nei pressi del Petrolchimico e piazzate nei mercati di tutta Italia, sud compreso” – ha affermato l’esponente del CDS – “dopo il latte scaduto nel 2005, riciclato con acqua e sale dal “Centro Latte Mantova” e dalla Agricomex di Milano; dopo l’azienda di Bologna che produceva ovoprodotti destinati all’industria alimentare, con uova marce, addirittura con presenza di vermi, questo nel dicembre 2005, ecco l’ennesima truffa alimentare nell’evoluto e civile nord Italia Continua a leggere

Lettera di Denuncia dei cittadini Di Caserta e Comitati civici inviata a: Al Commissario di governo per l’emergenza rifiuti, Prefetto Gianni De Gennaro, Al Presidente della Repubblica Giorgio Napoletano, Al Presidente del Consiglio dei Ministri, Alla Prefettura di Caserta  

Caserta- Alle SS.LL. l’omissione in materia di raccolta differenziata del Comune di Caserta, ed in particolare la non attuazione della normativa italiana in materia ambientale (Decreto Legislativo 152/2006 e Legge 296/2006) che fissa per l’anno 2007 l’obiettivo del 35 % e nel 2008 l’obiettivo del 45 % di raccolta differenziata, e la mancata attuazione del DPCM n. 3639 dell’11 gennaio 2008, che all’art. 3 disponeva che entro 60 (sessanta) giorni dalla data dell’ordinanza (e cioè entro l’11 marzo) i Comuni della Campania avrebbero dovuto presentare un apposito piano per la raccolta differenziata, ed entro i successivi 30 (trenta) giorni (e cioè entro l’11 aprile 2008) il piano stesso si sarebbe dovuto attuare. NIENTE DI TUTTO QUESTO SI E’ AVVERATO Continua a leggere

‘Repressione: processati per direttissima due attivisti per voler dormire dentro una macchina-rottame!’ ‘Mercoledi 7 Maggio alle ore 13.00 conferenza stampa alla rotonda ‘Titanic’ (confine Chiaiano-Marano) per presentare ragioni e futuro della protesta’

Chiaiano(Napoli)- Il clima di criminalizzazione che si sta stendendo intorno alla protesta di Chiaiano ha cominciato a dare i suoi frutti! Nella notte due attivisti del comitato civico e del centro sociale Insurgencia sono stati fermati è arrestati dai carabinieri di Marano in seguito a un episodio incredibile!  Insieme ad altre persone stavano spostando a spinta un auto visibilmente rottamata e abbandonata, con le ruote sgonfie e ferma dal 2005. Ne era stato chiesto l’utilizzo ad uno dei proprietari come rifugio notturno per il nuovo presidio antidiscarica che si stava costituendo proprio sul luogo, nei pressi dell’Ospedale Monaldi ai Camaldoli Continua a leggere

Caserta- (Giovanna Maietta per Comitato Emergenza Rifiuti ) Ancora una volta i cittadini si devono difendere dal tentativo di Guido Bertolaso di far riaprire la illegale discarica di rifiuti pericolosi di lo Uttaro, cosi come confermato anche dall’attuale commissario per emergenza rifiuti in Campania Gianni De Gennaro. L’udienza che si sarebbe dovuta tenere in data 5 Maggio 2008 presso il tribunale civile di Napoli per decidere sulla revoca della sentenza che decretava la chiusura della discarica è stata rinviata al 16 giugno su richiesta dell’avvocatura dello stato che rappresenta il commissariato di governo contro i cittadini e il comitato emergenza rifiuti rappresentati dall’avvocato Luigi Adinolfi.  Il motivo del rinvio servirà all’avvocatura dello stato per valutare se persiste da parte del commissariato di governo l’interesse a chiedere la revoca ex art. 700 Continua a leggere

COORDINAMENTO REGIONALE RIFIUTI (nella foto, autore Andrea Pioltini, fotoreporter) – Il Comitato Allarme Rifiuti Tossici promuove per il giorno 28 Aprile un  incontro presso la la II Municipalità in Piazza Dante n.ro 93 – Napoli, alle ore 17:30 per la costituzione del Coordinamento Regionale Rifiuti della Campania, finalizzato alla reciproca conoscenza, all’organizzazione e alla promozione di azioni congiunte. Sono invitati ad aderire tutte le Associazioni ambientaliste e i Comitati campani impegnati sul tema rifiuti Continua a leggere

SAN NICOLA LA STRADA (Ce)- Mentre la Corte europea di giustizia del Lussemburgo ha condannato l’Italia per la tardiva, e quindi non corretta, applicazione della direttiva 1999/31, volta a prevenire le ripercussioni negative sull’ambiente derivanti dalle discariche di rifiuti, l’Avvocatura dello Stato, come se nulla fosse successo, chiede la riapertura della discarica de Lo Uttaro (foto 2 a dx). È forse questo uno dei primi sacrifici che il premier Silvio Berlusconi ha annunciato appena vinte le elezioni ? E’ un segnale assolutamente preoccupante che non tiene conto di due dispositivi (uno penale e l’altro civile) che hanno chiuso la discarica Lo Uttaro perché altamente inquinata, inquinante e velenosa Continua a leggere

…E LANCIA UN NUOVO MONITO A FAVORE DELL’AMBIENTE E DELLA VITA

Villa Literno(Ce)-( di Raffaele Raimondo) A poco più di una settimana dal ritrovamento, in località “Torre del Monaco” nel Comune di Villa Literno, di una pericolosa discarica abusiva, si apprendono nuovi particolari, ma si registra inoltre la ferma indignazione della testimonial della pace, Agnese Ginocchio. Già si sapeva che l’operazione era stata avviata dal Commissariato della Ps di Aversa, in collaborazione col Corpo Forestale dello Stato di Castelvolturno, col Dipartimento provinciale Arpac e col Comando provinciale dei Vigili del Fuoco di Caserta Continua a leggere

Sant’Arcangelo Trimonte(Bn)-Continuerà ad oltranza il presidio di alcuni cittadini di Sant’Arcangelo Trimonte davanti alla Prefettura di Benevento per protestare contro la nuova discarica regionale, i cui lavori dovrebbero iniziare nei prossimi giorni. Nessun passo indietro, quindi. Insieme ai manifestanti, al Corso Garibaldi sono giunti anche alcuni cittadini provenienti da Apice, Paduli e Buonalbergo. Ora che i giochi elettorali sono quasi finiti, vedremo cosa ne sarà di questo paese Continua a leggere

Santa Maria La Fossa(Ce)- (di Raffaele Raimondo) Affollata conferenza-stampa dell’ 11 aprile 2008, presso il palazzo municipale di Santa Maria la Fossa. Il sindaco, Bartolomeo Abbate (nella foto 2) -in compagnia dell’assessore all’ambiente, Franco Cepparulo, e del consigliere comunale-medico Antonio Papa (componente dell’Unità di crisi costituita dall’Amministrazione comunale)- ha convocato i giornalisti della carta stampata e di varie emittenti televisive per fare il punto sulla grave situazione venutasi a determinare a Ferrandelle e che lo ha spinto a presentare, mercoledì 9 aprile, una denuncia-querela al Procuratore della Repubblica c/o il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere. Destinatari dell’atto firmato dal primo cittadino fossataro “tutti i responsabili del disastro ambientale che si sta perpetrando in questi giorni sul noto sito di stoccaggio di rifiuti in località Ferrandelle” Continua a leggere

Caserta- (di Giuseppe Messina nella foto- autore Andrea Pioltini)-Non chiamiamoli impianti di compostaggio ma più correttamente (e tecnicamente) inceneritori. Nella proposta della regione Campania (vedasi il sito ufficiale della Regione Campania “la regione informa”), si è conclamata la realizzazione di ben 30 impianti di compostaggio (vedere a riguardo anche la “mappa 30 siti di compostaggio”). E’ falso. Sono previsti, infatti, solamente n.21 impianti di compostaggio per un non meglio precisato quantitativo di cui n.1 impianto di compostaggio ( per n. 6 linee di compostaggio in completamento) a Giffoni Vallepiana. Gli altri 9 impianti, invece, sono costituiti da n.4 impianti di selezione multi materiale secco o RAEE e, infine, da ben 5 impianti di produzione di biogas (nessuno in provincia di Napoli) questi ultimi per una capacità complessiva annua di ben 145.000 tonnellate. Caserta, come al solito brilla per ignoranza, malafede e voglia distruttiva Continua a leggere

Lettera inviata questa mattina dal presidente della Provincia, Sandro De Franciscis, ai Signori Ministri della Salute, Livia Turco, e per le Politiche Agricole, Paolo De Castro, per chiedere misure di controllo e di garanzia a tutela del comparto bufalino e del settore caseario che non penalizzino ulteriormente il comparto nelle more delle analisi da effettuare.

Caserta- Gent.ma On. Livia TURCO Ministro della Salute, Ill.mo On. Paolo DE CASTRO Ministro per le Politiche agricole Caserta 01.04.2008 . Onorevoli Ministri, questa mia per segnalare la viva preoccupazione dell’Ente che rappresento in ordine alle possibili conseguenze degli interventi da Loro annunciati in tema vigilanza e di controllo nei confronti delle aziende di trasformazione del latte di bufala sul territorio della provincia Continua a leggere

 TOMMASO PICONE - DIRETTORE CONFAGRICOLTURA CASERTA-: “SODDISFAZIONE PER L’INTERVENTO DELLA REGIONE CAMPANIA SUL RITIRO E LA DISTRUZIONE DEL LATTE SOSPETTO SENZA COSTI PER LE  AZIENDE”

Caserta-Tommaso Picone (nella foto), Direttore Confagricoltura Caserta, esprime il suo apprezzamento per l’intervento rapido e diretto  della  Regione  Campania  nella  questione   della   mozzarella   di   bufala  la   cui commercializzazione è momentaneamente   sospesa in attesa del riscontro delle analisi scientifiche sulla positività o meno alla diossina. “Il provvedimento, predisposto dell’Assessore all’Agricoltura Andrea Cozzolino, prevede il ritiro del latte sotto inchiesta a carico della Regione, per la   successiva termo-distruzione,   senza alcun costo per le imprese

Continua a leggere

NAPOLI – Per protestare contro l’inquinamento della terra dove vive e contro i ritardi nella bonifica della stessa, a febbraio aveva restituito la tessera elettorale al Presidente della Repubblica, inviandola per posta al Quirinale. Ieri mattina due poliziotti del Commissariato di Nola gliela hanno riportata fino a casa e l’hanno consegnata alla moglie. Protagonista del singolare episodio Gennaro Esposito, un quarantasettenne neuropsichiatra che è nato in Svizzera ma vive a Saviano. Esposito, nei mesi scorsi, insieme ad altri 8 volontari, si è sottoposto ai test per rilevare nell’organismo le tracce di diossina, diossino simili e policlorobifenili. «Dai campioni del mio sangue sono emersi picchi di 47 picogrammi per grammo, cinque volte superiori a quelli considerati tollerabili Continua a leggere

Pastorano(Ce)- (di Giuseppe Messina- nella foto insieme ai comitati ambientalisti dell’ agro caleno nell’ultima menifestazione contro i rifiuti svoltasi a Pastorano il 16 Marzo 2008. Autore foto: Andrea Pioltini fotoreporter)-Pastorano come Lo Uttaro: ancora una volta la Magistratura ferma il tentativo di disastro ambientale e la distruzione dell’agricoltura e della zootecnia casertana. Con una fulminea sentenza il TAR Campania, prima sezione, presidente dr. Antonio Guida, ha accolto il ricorso presentato da numerosi coltivatori e allevatori bufalini di Pastorano, difesi dall’avv. Pietro Romano di Caserta, ha annullato ogni atto che avrebbe trasformato una fondamentale area vocata all’agricoltura e alla zootecnia in uno stabilimento per la lavorazione di rifiuti tossici e nocivi. Addirittura la costituzione in giudizio della Regione Campania non è stata ammessa dai giudici napoletani. I fatti Continua a leggere

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 189 follower