CAPUTO(Pd): STANZIATI 6.750.000 EURO PER VIADOTTO di CASTELCAMPAGNANO

Castel Campagnano(Ce)- (di Rocco Sessa) E’ un ponte, la nuova arteria di collegamento che sarà realizzata tra la rete viaria provinciale e alcuni centri dell’alto casertano.  La realizzazione dell’opera, è contenuta nella Delibera di Giunta Regionale avente la finalità di “Sviluppare il sistema del trasporto regionale secondo la logica dell’integrazione fra le reti locali”, approvata nella seduta di venerdì 31 ottobre, su proposta dell’Assessore ai Trasporti e Viabilità, Ennio Cascetta. “Con questo provvedimento – dichiara il vice capogruppo del PD al Consiglio regionale, Nicola Caputo, (nella foto)- poniamo definitivamente fine, ai disagi che da sempre, i cittadini di Castel Campagnano e dei comuni limitrofi hanno sofferto a causa di una rete viaria inadeguata e insufficiente a collegarli con i principali assi di comunicazione regionali e nazionali. La Regione Campania, ha reso disponibili risorse per 6.750.000 euro per la costruzione di un viadotto che collegherà la statale 336 alla provinciale 182, rendendo accessibili in modo più moderno e sicuro alcuni comuni dell’alto casertano ” .

Continua a leggere

San Potito Sannitico(Ce)- La Pro Loco e l’Ammnistrazione Comunale di San Potito Sannitico in collaborazione con il CEA di Valle Agricola  sono lieti di invitare la S.V. alla “FESTA DEL GRANO “che si terrà il giorno 29 GIUGNO 2008 San Potito Sannitico – NEAGORA’ . Programma:  ore 10. esposizione macchine agricole d’epoca; ore 18. La mietitura a mano ore 19. La mietitura meccanizzata; ore 20. La trebbiatura; ore 21. Balli, canti popolari e sapori Continua a leggere

Sant’Angelo d’Alife(Ce)- Comune appartenete al parco del Matese. E’ uno dei borghi storici più belli dell’alto casertano matesino. Sotto la protezione di S. Michele Arcangelo ( da cui prendo appunto il nome della cittadina), é noto per il castello medievale (foto a sx) ben visibile in tutto il territorio. Sabato 3 Maggio 2008 é stato sancito il rapporto di gemellaggio tra la città di Sant’Angelo e la città de L’Aquila (leggi quì)   Situato alle pendici del Matese, a 370 metri sul livello del mare, Sant’Angelo d’Alife si sviluppa su un territorio che va dalla piana del Volturno fino alla montagna di Selvapiana.  L’impianto urbano è determinato dall’aggregazione edilizia attorno ad episodi di insediamento rurale (corte aperta) a ridosso di nodi viari, sui quali sono andati a concentrarsi gli edifici di maggiore dominanza territoriale (Chiese, palazzi padronali, opere conventuali) Continua a leggere

ALIFE (Ce)- Otto giovani, di eta’ compresa tra i 18 e 30 anni, sono stati denunciati dai carabinieri e segnalati alla Prefettura di Caserta perche’ trovati in possesso di dosi di sostanze stupefacenti, compatibili con l’uso personale, a conclusione di una speciale operazione che ha interessato una vasta zona compresa nel comprensorio matesino tra i comuni di Piedimonte Matese, Alife, Alvignano, Dragoni, Gioia Sannitica e Ailano. Sono state sequestrate numerose dosi di hashish, marijuana, eroina e cocaina. Anche se gli otto giovani sono stati segnalati quali assuntori di sostanze stupefacenti, i carabinieri non escludono che alcuni di loro possano essere coinvolti nell’attivita’ di spaccio in alcuni centri dell’alto casertano Continua a leggere

Tanti i tesori del Parco del Matese studiati dalle scuole

Piedimonte Matese(Ce)- L’Atlante dei Tesori della Provincia di Caserta, rappresenta il risultato del lavoro di ricerca e valorizzazione delle risorse ambientali, storico-artistiche, agro-alimentari e culturali del territorio svolto dalle scuole della Rete Capaci di Futuro di Caserta-città, del Parco del Matese e di altre aree della Provincia, nell’ambito del progetto nazionale di Legambiente “Tesori d’Italia”L’Atlante, di cui sono state pubblicate finora tre edizioni, è realizzato con il contributo della Regione Campania, Assessorato all’Agricoltura -STAP. Alimentazione Caserta, e con il coordinamento dei circoli Legambiente di Caserta e del Matese e del CEDA-Rete INFEA di La III edizione dell’Atlante, contenente i lavori di ricerca svolti dalle scuole negli aa.ss. 2005/07, è stata presentata il 28 maggio 2008 a Piedimonte Matese, presso la Biblioteca Comunale. Sono intervenuti il Vice Sindaco di Piedimonte M., Costantino Leuci, il Dirigente dello STAPAL di Caserta, Vittoria Capriglione, il responsabile del CEDA del Matese, Ferdinando Pirro, il Direttore del GAL Alto Casertano, Piero Cappella e numerosi docenti della Rete di scuole del Parco del Matese Continua a leggere

EX PRESIDENTE DELL’OSPEDALE A.G. P. DI PIEDIMONTE MATESE ED APPREZZATO EX SEGRETARIO GENERALE DEL COMUNE E DELLA PROVINCIA DI  CASERTA, padre del Sindaco di Piedimonte Matese avv. VINCENZO CAPPELLO( quest’ultimo nella foto a sx). Le esequie si terranno sabato 17 nella chiesa Ave Gratia Plena (Annunciata, nella foto a dx) in Piedimonte Matese alle ore 10,30

Piedimonte Matese (Ce)- ( di Nicola Iannitti) Si è spento, dopo breve malattia, nell’ospedale A.G.P. di Piedimonte Matese che lo vide per molti anni attivo e dinamico Presidente, il dr. Fulvio Cappello. Il dottor Fulvio Cappello nacque a Piedimonte Matese il  1 settembre 1929 Ad appena 21 anni conseguì la laurea in giurisprudenza presso l’Università di Pisa, di cui andava orgogliosissimo; pur avendo a disposizione un avviato studio paterno ( il padre Vincenzo era un noto avvocato di Piedimonte Matese) preferì intraprendere la carriera di funzionario amministrativo dove profuse le sue energie e la sua illuminata azione. In giovanissima età intraprese la sua brillante carriera di segretario in vari comuni dell’Alto Matese Continua a leggere

ALIFE(Ce)- (di Pietro Rossi) La notizia non é ancora ufficiale, ma pare che il Sindaco di Alife avv. Roberto Vitelli sia stato contattato alcuni giorni fa dal commissario prefettizio di Napoli, perché sembra che una delle cave appartenenti ad un privato, che sorge lì proprio dove é collocata la nota pizzera dal nome omonimo “La cava” in località S. Michele (frazione di Alife) (foto 1 a sx. Autore Andrea Pioltini fotoreporter. Cliccare sopra per ingrandire) sia stata individuata per ospitare un mega sito di stoccaggio di ecoballe. Ricordiamo che le eco-balle di eco non hanno proprio nulla ma sono solo balle cariche di veleni mortali. Ovviamente il Sindaco di fronte a tale scellerata e probabile decisione, con tanto di documentazione presentata ha cercato di dimostrare la non idoneità del sito, in quanto la cava non presenta affatto le caratteristiche morfologiche idonee a ospitare rifiuti, e, cosa ancora più grave proprio in questa zona vi é una massiccia presenza di pozzi d’acqua Continua a leggere Continua a leggere Continua a leggere

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 231 follower