Caserta– ( di Antonio Roano) Ieri mattina, durante un giro a Caserta per impegni personali, ho approfittato dell’occasione per tastare il polso ai casertani sull’emergenza rifiuti. La risposta che la maggior parte di essi mi ha dato sulla decisione del governo di individuare ancora una volta la zona Lo Uttaro per lo sversamento dei rifiuti è stata “mica la “monnezza” può stare per strada, da qualche parte la dovranno mettere”. Ho capito quindi che il modo di vedere la vicenda rifiuti si intreccia fortemente con le altre emergenze che esistono nel nostro Paese, da quella dell’immigrazione clandestina a quella del lavoro precario, dalla criminalità ordinaria all’emergenza climatica, dall’affollamento delle carceri all’abusivismo edilizio, dall’evasione fiscale al rientro di capitali dall’estero. Per ognuna di queste situazioni il bombardamento mediatico effettuato dalle TV e dai giornali in mano ai grandi poteri economici, ha avuto lo scopo di creare un clima di forte preoccupazione, quasi di panico. Tale stato mentale offusca le normali capacità cognitive Continua a leggere

Pubblicità

SAN NICOLA LA STRADA(Ce) – “In Sicilia i rifiuti si trasformano in energia, perché non è possibile farlo anche in provincia di Caserta, oppure a San Nicola La Strada ?”. Ad avanzare la proposta di utilizzare il nuovo sistema di smaltimento dei rifiuti chiamato Thor, ideato dal Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) assieme alla Società Assing spa di Roma, è Antonio Roano (nella foto il primo da dx, autore Andrea Pioltini fotoreporter), leader della protesta contro l’utilizzo della discarica Lo Uttaro. “Come un mulino di nuova generazione” – ci ha spiegato Roano, Continua a leggere