Egregio On. Domenico Zinzi Presidente della Provincia di Caserta. Egregio Dott. Gino Tommasino Sindaco di Sessa Aurunca. Egregio Dott. Aldo Izzo Sindaco di Cellole

BASTA ATTENDISMI … BAIA, VOGLIA DI RISCATTO NEL CUORE!

Amare Sessa, amare Cellole e comunque la Terra Aurunca nel suo insieme significa in primis amare Baia Domizia, il suo meraviglioso mare, cuore pulsante di un’economia a tutt’oggi perdente e che invece, proprio a partire da Baia, può rappresentare il realistico volano dell’intero territorio.
È questo l’auspicio che io, Gaetano Cerrito, da sempre convinto assertore del riscatto di questa terra e del Sud nel suo insieme, rivolgo – come e più di sempre – ai due primi cittadini di Sessa Aurunca e Cellole. Continua a leggere

Turismo Baia Domizia”: messaggi di vicinanza da politica e istituzioni. Cerrito: il nostro è un progetto vincente  da concretizzare oggi e non domani. Urge il tavolo d’incontro definitivo in Prefettura

Cerrito, questo progetto parte o non parte?

Io credo sia arrivato il momento della verità, anche sulla scorta di tanti messaggi di vicinanza e sostegno al Progetto e alla mia persona, che sono, a mio avviso, la dimostrazione inconfutabile di essere arrivati al “redde rationem” (resa dei conti, ndr). Da qui l’urgenza del terzo tavolo in Prefettura, fattivo e concreto.

Non dimentichi che siamo ormai in campagna elettorale…

Non abbiamo bisogno di promesse da marinaio, la nostra è una storia lunga e tormentata che ci ha relegati nel tunnel di un buio senza fine ed è ora che si veda la luce. Non a caso diciamo “oggi” e non “domani”, proprio perché riteniamo che debba essere una questione di giorni, al fine di ridare vita, vitalità e lavoro a Baia Domizia e, di riflesso, alla provincia di Caserta. Aggiungo che il nostro è un progetto-pilota da poter esportare anche in altre aree degradate e depresse del nostro Sud, per tirarle fuori dal guado paludoso della grande fame di lavoro. Continua a leggere

Baia Domizia(Ce)- Neanche il cattivo tempo ha inciso sull’incontro! Tanti operatori, piccoli proprietari e una sala gremitissima. Cerrito (nella foto)oggi come ieri è indiscutibilmente il punto di riferimento per quanti hanno a cuore le sorti di Baia Domizia e della Riviera Casertana. Non a caso Don Marcus della Chiesa di S. Francesco gli si avvicina e dice: ”Ora so quando viene il vescovo a chi rivolgermi per avere tanta gente”. “Quella di questa sera” esordisce Cerrito “è un’ulteriore prova di quanto gli operatori e i piccoli proprietari avvertano l’esigenza inderogabile di risposte concrete al territorio. E rivolgendoci alla politica e alle istituzioni diciamo che non siamo più disposti ad ulteriori fasi di silenzi assordanti da parte di qualche esponente politico che bene farebbe ad essere vicino alla sua gente e alla sua terra. Ci siamo rimessi in gioco e dopo due anni di lavoro tra convegni, incontri e scontri nelle varie sedi istituzionali e non” aggiunge Cerrito “siamo arrivati al momento della resa dei conti. Continua a leggere

Baia e Domizia(CE)- (Da reda l’Altra Italia Gaetano Cerrito, (nella foto) Gaetano Cerrito 1presidente dell’Associazione “L’Altra Italia”, con accanto i sindaci di Sessa Aurunca Luciano Di Meo e Cellole, Antonio Lepore, la vicinanza del Quirinale, della Presidenza della Camera, del Prefetto di Caserta, Ezio Monaco e con la sottoscrizione del progetto di deputati e senatori della Repubblica e consiglieri regionali lancia la sfida di Baia Domizia al turismo mondiale. La ridente località del litorale domizio vuole riconquistare quel posto nel turismo di qualità che già gli è appartenuto in passato. L’obiettivo prefissato dall’associazione è quello di creare un luogo di vacanza non più per 2-3 settimane, ma per 360 giorni l’anno. Baia Domizia rappresenta infatti una vera e propria isola felice nel difficile territorio campano, essa può annoverare tra le sue peculiarità non solo chilometri di spiagge attrezzate, ma anche un clima eccezionalmente mite, straordinarie bellezze paesaggistiche, baia domizia 2percorsi storici-culturali, una grande ricchezza eno-gastronomica. A questo proposito è opportuno citare le parole del giornalista subacqueo e scrittore Adriano Madonna che ha voluto salutare in questo modo Cerrito a margine della 6° edizione del premio “L’Altra Italia”: Continua a leggere

Baia Domizia(Ce)- (di Gaetano Cerrito) Credo fermamente sia arrivato il momento di dire basta a questa farneticante ed ossessiva cappa mediatica, che finisce per essere un killeraggio psicologico per le menti di quanti devono assistere non solo a notizie raccapriccianti della cronaca nera, ma anche al susseguirsi incessante di comunicazioni afferenti crolli di borsa, previsioni inquietanti, un quadro insomma devastatane che si ripercuote su tutti noi come una bomba di Hiroshima. A tutto questo bisogna aggiungere i gossip, le volgarità inaudite, i messaggi dissacranti e diseducativi nel disprezzo più assoluto dei valori della vita. Anche i fatti di questo ultimo lasso di tempo che ci vengono portati nelle case, come gli stupri, gli atti di bullismo di giovani sconsiderati e senz’anima, sono la conseguenza di una società che, per correre a cento a l’ora, e molto spesso sulle ruote di un’arida e drogante macchina tecnologica, ha perso di vista i veri valori, e cioè la famiglia, la scuola, i rapporti interpersonali, in un mondo dove non si vive più una vita reale ma virtuale (non a caso molti ragazzi finiscono per uccidere come in una fiction televisiva). Tutto ciò non fa altro che accelerare quel processo di disgregazione sociale, già ampiamente avanzato. I responsabili delle sorti del paese devono rivedere il loro modo di operare, smettendola in primis di guerreggiare tra loro, devono riflettere e capire che i tempi delle sperequazioni sulla distribuzione delle ricchezze devono assolutamente essere rivisitati a favore delle fasce più deboli al fine di riequilibrare le sorti della società. Continua a leggere

Lepore e Di Meo incontrano a Baia Domizia l’Associazione Amici de “L’Altra Italia” presieduta da Gaetano Cerrito.

Baia Domizia(Ce)- (da segreteria l’ Altra Italia)Ha avuto luogo lo scorso venerdì un incontro voluto da Gaetano Cerrito, (nella foto sotto) presidente dell’ Associazione Amici de “L’Altra Italia“, al quale hanno partecipato il Sindaco di Cellole Antonio Lepore (nella foto a sx il primo da dx, autote foto Andrea Pioltini) ed il Vice Sindaco di Sessa Aurunca Mario Elce. Cerrito ha aperto i lavori presentando intanto alcuni dei componenti della neo costituita associazione, e tra questi il dott. Oreste Natale, il dott. Vittorio Chignoli, il gen. Crescenzo Palumbo, il giornalista Franco Perrone, gli imprenditori Riccardo Zannini, Enzo Vitale, Raffaele Boccia, Andrea Martone. Dopodichè Cerrito ha ringraziato i due Sindaci per la sensibilità istituzionale e ha subito messo in evidenza la necessità urgente di porre in essere iniziative afferenti il mare in primis, a partire della messa in funzione della condotta delle acque reflue, e questo con la sicura collaborazione del Presidente della Provincia Sandro De Franciscis, e comunque di tutto il corollario di accortezze perché il mare di Baia a partire da questa estate 2009 sia più appetibile e fruibile. Ma non soltanto le condizioni del  mare sono state oggetto dell’incontro; ma anche la necessità di una rivisitazione generale del territorio per quanto attiene le strade, i marciapiedi, l’impianto di pubblica illuminazione, la potatura degli alberi, la pulizia delle caditoie, l’assetto di una migliore circolazione stradale, la realizzazione di strisce blu e bianche per la sosta nelle strade e nelle pipette, la posa in opera di dossi nei punti nevralgici della circolazione delle strade comunali, l’istituzione di una navetta bus  che colleghi tutto il territorio di Baia Domizia ai Comuni di Cellole e Sessa Aurunca Continua a leggere