Caserta – (di Nunzio De Pinto) Da anni Luciano Caiazza, funzionario dell’Anas nonché dirigente nazionale della Cisas, è impegnato territorialmente nel diffondere la cultura del rispetto dell’ambiente. “Viviamo” . ha affermato Caiazza rivolgendosi al Presidente della Provincia di Caserta, On. Domenico Zinzi, e della Regione, On. Stefano Caldoro – “in un’area fortemente condizionata da ataviche problematiche di natura Continua a leggere

Riportiamo di seguito la critica “testimonianza” di un “Matesino” sui fatti della moria delle Carpe e del caso inquinamento sul Matese: “Ecco come ti fotte la camorra..”.

Castello del MateseCe)- (di Kaiser) Io sono nato nel Sannio, per chi non sapesse dove si trova è la parte appenninica che sta a cavallo tra la Campania ed il Molise. Il Matese è la parte montana di questo. Da una parte i laghi carsici del Matese, dall’ altra Campitello Matese e piste per sciare. Agglomerati urbani piccoli e vivibili, gente abituata a sudarsi la pagnotta a casa ed ad emigrare. Certo non tutto è rose e fiori, la cassa del mezzogiorno ha rovinato la tenacia di questi discendenti dei sanniti, il clientelismo ha fatto il resto. Io sono nato su una rampa di questo appennino, il nome del paese è “Castello“, un paese medievale dove tutti lasciano la porta aperta e chiedono il permesso di entrare dopo averlo fatto. Continua a leggere

Piedimonte Matese(Ce)- Allarme Acque all’ Arsenico. L’ UE (Unione Europea) fa chiudere i rubinetti di 128 Comuni italiani. Il “niet” giunto dall’ Unione Europea è tassativo: niente deroga all’ innalzamento dei limiti chiesti dall’ Italia sulla concentrazione di arsenico nelle acque a uso alimentare. Perchè in taluni casi possono provocare malattie, perfino l’insorgere del cancro. Cosi si legge nel documento di Bruxelles. “In merito a quest’ ultima notizia”- fa sapere il Movimento per la Pace e la Salvaguardia del Creato- “Ci attiveremo nell’ immediato per scrivere e segnalare all’ UE il problema Inquinamento “ACQUA nel MATESE”, con conseguente Continua a leggere