SAN NICOLA LA STRADA(Ce) – Fusse che te fusse ca la volta bona? Recitava in ciociaro il caro Nino Manfredi in uno sketch degli anni 60. Era la speranza di un ometto sfortunato che dinnanzi ad una felice situazione si augurava un cambiamento migliore della sua condizione. “Fusse anche per noi altri la volta buona?” è quanto si chiede il Segretario Nazionale dei Comitati delle Due Sicilie, il sannicolese Fiore Marro in merito alla vicenda legata all’On. Mastella ed all’Udeur. “Sappiamo che è pura utopia la speranza di un redento politico” – prosegue Marro – “che quell’enorme carrozzone della politica non ha mai partorito un delatore, un ambiente enormemente superiore alla mafia dal punto di vista del pentitismo e dell’omertà. Coraggio Clemente coraggio. Anche Buscetta ha avuto i suoi dubbi, le sue lacerazioni identitarie, ma poi ha saltato il fosso ed ha parlato, ha liberato per un poco di tempo le strade della Sicilia dai picciotti e dai mammasantissima” Continua a leggere

Scandalo Mastella–  Interessante intervento a cura del prof. Giacomo Venditti docente presso l’ Istituto agrario in Piedimonte Matese e referente locale del PdCI

Alife(Ce)- È sconcertante e vergognoso assistere agli applausi  dei membri del parlamento al discorso del Ministro della Giustizia  Clemente Mastella, al momento indagato, contro la magistratura. In  questo caso due poteri dello Stato, Mastella (potere esecutivo) ed il  parlamento(potere legislativo), hanno fatto a pezzi il cardine  principale su cui si basa lo Stato Italiano,cioè la separazione dei  poteri,attaccando il potere giudiziario. La casta vuole essere sempre  tale e non essere trattata come i comuni mortali, i figli di nessuno,  cioè è intoccabile. Questo è il messaggio che mandano a tutti gli  italiani ed al mondo intero. Il governo precedente di Berlusconi aveva  cambiato le leggi in modo da depenalizzare alcuni reati eccellenti come  il falso in bilancio; quello attuale di Prodi parte con un inutile  indulto e prosegue con l’attacco ai giudici che indagano su membri dell’ esecutivo. Non dimentichiamoci del recente caso del magistrato De  Magistris che aveva osato indagare sempre sullo stesso Ministro ed era  stato attaccato in tutti i modi possibili ed immaginabili. BASTA CON QUESTA VERGOGNA  e col far credere che si agisce per tutelare i  cittadini; Continua a leggere