I ventitré giorni di Devid nella città degli invisibili. Il caso del neonato morto di freddo e stenti: nella cappella dell’ospeI ventitré giorni di Devid nella città degli invisibilidale meno di dieci persone a salutarlo. A fine novembre l’assistente sociale non si era neanche accorto che la donna era incinta. Oggi il padre dice: avevamo paura che i servizi sociali ci portassero via i bambini

Bologna- (di Michele SMARGIASSI) Due suore, due volontari, pochi senzatetto, il padre, la nonna, il prete. Meno di dieci persone ieri mattina nella gelida cappella dell’ospedale per dire addio a Devid, che ha vissuto solo ventitré giorni ed è morto di freddo nel centro più centro di Bologna alla vigilia della Befana, giorno dei bambini.
Poche ore più tardi la città ufficiale si “vergogna”, ormai troppo tardi. Si vergogna di che? Dell'” indifferenza”. Indifferenza di chi? “Non la mia, non degli altri che erano lì per caso come me”: Viviana Melchiorre, impiegata, è ancora sconvolta. Quattro gennaio, quattro del pomeriggio, portici del municipio davanti alla farmacia comunale. “Lei, un pianto disumano, incapace di dire nulla; il padre, con quel fagotto in braccio Continua a leggere