Alife(Ce)- Ancora assente dal servizio per malattia il funzionario responsabile dell’area contabile del Comune di Alife, Pietro Sansone, dopo aver presentato certificazione medica a corredo del suo stato di indisposizione fisica.Per il suo rientro in servizio, lo stesso funzionario, indagato dalle forze dell’ordine per peculato e falso, Continua a leggere

(Video cerimonia Antonio Sottile Alife(Ce), a cura del prof. Fernando Occhibove)

 

ALIFE(Ce)- In piazza della Liberazione, si é svolta la cerimonia di fiori-2-e-cero-pace-ad-antonio-sottile-busto-alife-feb-09commemorazione del decimo anniversario della scomparsa del Finanziere Scelto Antonio Sottile, nato nel citato Comune di Alife il 15 febbraio 1971 ed arruolato nel Corpo il 22 settembre 1990. La cerimonia (vedi video) ha visto la presenza delle istituzioni di Alife capeggiate dal Sindaco Fernando Iannelli, dei rappresentanti del Comando della Guardia di Finanza territoriale nella figura del comandante Liliano Liberato, del Comandante comandante provinciale della Guardia di Finanza, colonnello Francesco Saverio Manozzi, dei familiari del giovane caduto in servizio, e di  numerosi cittadini.ed  é culminata con la deposizione di una corona d’alloro sul busto commemorativo dedicato al finanziere Antonio Sottile sito presso la Villetta comunale (vedi foto a dx) . Il militare è stato decorato di Medaglia d’Oro al Valor Civile, alla memoria, in seguito a fatti accaduti allorquando era in forza alla Compagnia Pronto Impiego della Guardia di Finanza di Brindisi. Il 23 febbraio 2000, a Contrada Jaddico (Br), nel corso di un’operazione anticontrabbando, il Finanziere Scelto Antonio Sottile perdeva la vita in seguito allo speronamento dell’autovettura di servizio ove era a bordo da parte di un fuoristrada guidato da un contrabbandiere. Nella circostanza decedeva altro militare del Corpo e altri rimasero feriti. Il gravissimo episodio destò grande commozione in tutto il Paese, da cui prese avvio il piano straordinario anticrimine per la Puglia, meglio noto come operazione “Primavera”.

Continua a leggere

Alife(Ce)- (Da red. cronac Alife) I cittadini di Alife e dei comuni del Matese ( Piedimonte Matese, Alvignano, San Potito, Gioia Sannitica) e della provincia beneventana, vittime della maxi truffa(leggi quì articolo)  ad opera del noto promoter di Alife F.S. sono letteralmente sotto stato di shock. Se ieri si parlava una cifra di 12 mila euro, in data odierna ci giunge notizia di una maxi truffa di ben oltre 20 milioni di euro. Il numero delle vittime del truffatore (figlio di nota e stimata famiglia alifana), che per tanti anni si é spacciato come un amico (andava persino a cena a casa delle sue vittime) di tutti, sta salendo vertiginosamente. Mai si sarebbe potuto sospettare sull’ onesta del concittadino. Addirittura per il suo impegno di promoter pare che in passato gli siano stati conferiti anche dei premi. Impensabile che una persona del genere sia stata capace di spingersi fino a questo punto, calpestando cioé l’onestà ed il rispetto umano verso il prossimo e peggio ancora prendendo in giro tantissime persone che avevano creduto in lui. Ma cosa é accaduto? In giornata odierna secondo quando annunciato dagli avvocati che stanno seguendo il caso, ammonta a 150 il numero delle vittime truffate dal promoter alifano, ma il numero é destinato ancora a salire La tenenza della Guardia di Finanza di Piedimonte Matese retta dal comandante Liliano Liberato (nella foto 2 a dx) è stata, (come lo é tutt’ora in corso), letteralmente presa di soprassalto per via della raffica di denunce presentate dalle vittime. Sul caso la Guardia di finanza ha aperto un’indagine e si spera che quanto prima si possa fare chiarezza sulla vicenda. Intando nella serata di mercoledi 13 Maggio si é svolta una riunione in una nota casa di famiglia alifana ( in contemporanea se ne stava svolgendo una anche a Piedimonte Matese) che ha visto riuniti gran parte dei cittadini alifani e non, vittime della truffa. A spiegare l’accaduto e le immediate azioni da intraprendere un avvocato di Alvignano Antonello Esposito (anche suoi familiari incappati nella vicenda) che collabora con il noto penalista Sammaritano avv Giuseppe Stellato (foto 1 in alto a sx. Autore Andrea Pioltini) . Continua a leggere

Piedimonte Matese(Ce)- (da red. cultura matesina) Sabato 20 Dicembre 2008 in piazza Ercole d’Agnese, presso Il comando- stazione della Guardia di Finanza di Piedimonte Matese capitanata dal Luogotenente Liliano Liberato, si é svolta la Cerimonia Continua a leggere

FOTONOTIZIA: Alife e Matese Capitali della Pace. Premio Pace e Diritti Umani in memoria 60° Anniversario Diritti dell'Uomo

GRANDE EVENTO  PROVINCIALE . Celebrazioni 60° Anniversario Diritti dell’Uomo. Alife e Matese Capitali per la Pace e i Diritti Umani .

Consegnato il Premio Speciale per la Pace e i Diritti Umani alla Memoria al Presidente del distretto scolastico 21 Angelo Versaci (foto 2) e alla Preside dell’ Istituto Comprensivo statale di Alife Anna Maria Pascale (foto 3) . (Le foto dell’intera manifestazione sono a cura di Andrea Pioltini, fotoreporter, per “Alto Casertano-Matesino & d” Cliccare  su ognisingola foto per ingrandire immagine)

Alife(Ce)- (da red. cultura )  Evento provinciale. Alife e tutto il Matese (foto 1 tutto il gruppo)  scesi in campo per celebrare solennemente il 60° Anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’ Uomo (Foto Manifestazione a cura di Andrea Pioltini ). E’ la prima volta che nel Matese si é riusciti ad organizzare un’evento della simile  portata che ha visto riunite le massime Istituzioni di tutto il comprensorio Matesino e Provinciale. La Cerimonia del 60° Anniversario dei Diritti dell’ Uomo che si é svolta il giorno 12 Dicembre 2008 presso l’auditorium della Scuola media di Alife,  é culminata con la consegna dei due “Premi Speciali Pace e Diritti Umani” alla Memoria del 60° anniversario,  che sono stati assegnati a due personalità simbolo del Matese individuate per l’impegno profuso con grande senso d’umanità verso il mondo dell’ istituzione scolastica, si tratta del Presidente del distretto scolastico 21 dott. Angelo Versaci e della dott.ssa Anna Maria Pascale dirigente scolastico dell’ Istituto comprensivo statale di Alife.  Continua a leggere

La Croce é stata consegnata anche al Preside Diana del 1° Circolo didattico G. Falcone

Piedimonte Matese (Ce)- Nell’ambito della giornata conclusiva sul tema della Pace, Legalità, Ambiente e Diritti Umani svoltasi presso il plesso scolastico in Sepicciano, sezione distaccata del 1° Circolo didattico “Giovanni Falcone” di Piedimonte Matese(Ce) diretto dal preside dott. Giacomo Diana (nella foto a sx di Agnese Ginocchio, cliccare sopra per ingrandire immagine. Autore: Andrea Pioltini fotoreporter), che ha visto la presenza della cantautrice e Testimonial del Movimento per la Pace Agnese Ginocchio nella tappa susseguitasi in più giorni nei tre plessi della scuola, é stato presente il comandante della tenenza della guardia di Finanza di Piedimonte Matese Liliano Liberato(nella foto a dx di Agnese Ginocchio, cliccare sopra per ingrandire immagine. Autore: Andrea Pioltini fotoreporter), delegato a consegnare al preside Giacomo  Diana l’attestato di merito conferito al 1° circolo didattico Falcone di : “Scuola per la Legalità aperta alla Pace e alla Salvaguardia del Creato“. Il Comandante della Guardia di Finanza Liliano Liberato al termine della consegna dell’ attestato é stato insignito insieme al preside Giacomo Diana della singolare “Croce Missionaria della Pace”.  “Questa Croce ” -ha spiegato Agnese Ginocchio- ” riposta anche sulla tomba di San Francesco d’Assisi nella basilica pontificia in Assisi eretta in onore del Santo patrono della Pace, dell’ ecologia e del dialogo, sulla quale sono dipinti i colori arcobaleno universali della Pace, é unica al mondo ed é il Logo del Movimento Internazionale per la Pace e del nostro Movimento Ambasciatori e Testimoni di Pace. Ella rappresenta un’ importante riconoscimento, viene consegnata a persone, che in vita si sono sapute distinguere in merito all’impegno (inteso come missione) per la salvaguardia della vita, della Pace, dell’ Ambiente, per la difesa della legalità e i valori universali della solidarietà lì negli ambienti dove sono chiamati a operare mediante i propri ruoli, talenti e professioni. Il comandante Liliano Liberato, che ho avuto modo di conoscere da vicino e di apprezzare le sue enormi doti umane, la sensibilità, la disponibilità e l’attenzione verso le problematiche del territorio, ha svolto numerose ed importanti azioni di monitoraggio per il rispetto della legalità e la salvaguardia dell’ambiente, una di queste, mi preme evidenziarlo” – spiega la testimonial della Pace- ” mi riguarda da vicino in quanto tocca proprio il mio territorio a motivo di ciò non smetterò mai di ringraziare la guardia di Finanza capitanata da Liliano Liberato, proprio il sequestro della mega discarica abusiva nell’ azienda degli orrori in località Totari frazione di Alife(leggi quì art.). Auguro al comandante Liliano e a tutta la Guardia di Finanza della tenenza di Piedimonte Matese di continuare con determinazione, lucidità, discernimento e coraggio l’opera di sorveglianza a difesa della vita e della sicurezza in tutto il territorio dell’alto casertano matesino. Ne abbiamo tanto bisogno. Con le sue azioni si é fatto promotore e difensore della Pace”. Nella motivazione riportata sull’ attestato che ha accompagnato la consegna della Croce della Pace, si legge anche una particolare menzione alla memoria dell’eroe della Patria finanziere scelto Antonio Sottile medaglia d’oro al valor civile (leggi quì) . (Comunicato a cura del giornalista Pietro Rossi)

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”