Seveso(Mi)- A oltre trent’anni dalla tragedia di Seveso, persistono ancora gli effetti sulla salute, anche indiretti sulle nuove generazioni, della tragedia di Seveso del 1976: i bimbi nati da donne che vivevano nelle aree contaminate da diossina mostrano disfunzioni tiroidee con probabilità 6,6 volte maggiore dei coetanei figli di donne non esposte. E’ quanto attesta uno studio pubblicato sulla rivista PLoS Medicine da Andrea Baccarelli dell’Università di Milano. E’ emersa una netta associazione tra esposizione materna a2,3,7,8-Tetraclorodibenzo-p-diossina (TCDD), la più pericolosa tra le diossine, classificata dall’OMS come carinogeno di classe uno, ed alterazioni della funzione neonatale tiroidea in una ampia popolazione esposta dopo l’incidente di Seveso Continua a leggere

ACERRA(Na)- Sabato 15 Marzo 2008, ore 16.30 ad Acerra(Na) piazza Duomo manifestazione  di protesta contro l’incenerimento delle ecoballe taroccate e contro i finanziamenti illegali agli inceneritori. Manifestazione per la difesa della salute, dell’ambiente, e per la tutela di tutti i diritti.

Cliccare sul locandina per ingrandire l’immagine e visualizzare il programma.

ANTONIO MARFELLA , il noto dottore oncologo  ed epidemiologo napoletano ( contaminato da diossina nel sangue), ha inviato campioni di sangue all’INRCA di Venezia e in Canada. Il risultato delle analisi indicano un livello tossicologico superiore a quello riscontrato nelle pecore di Acerra, ben oltre quanto indicato dall’OMS come soglia tollerabile in città industriali Continua a leggere