cartolina lo uttaroMaddaloni(Ce)- Quello che il movimento di liberi cittadini CambiaMenti, insieme con una rete di associazioni e movimenti sensibili, vuole far risaltare alla stampa e alla popolazione è ciò che sta avvenendo a pochi chilometri dalle nostre città, in particolare (altro…)

Bellona(Ce)- ( di Fabrizio Ferrante) Questa rubrica è solita occuparsi di temi il più delle volte assenti dal grande circuito mediatico. Oggi siamo costretti a raccontare cosa, da oltre due giorni, sta accadendo alle porte della città di Caserta. Un rogo con fiamme alte quanto palazzi di 2 o 3 piani, sta investendo l’area della Ilside dalla notte del 16 aprile Continua a leggere

SAN NICOLA LA STRADA (Ce)- ( di Nunzio De Pinto) Anche gli scout e le guide Agesci del gruppo San Nicola 1 sono scesi in campo contro l’emergenza ambientale che dallo scorso 18 dicembre sta attanagliando la città di San Nicola La Strada e con essa tutta la collettività. Nei giorni scorsi, infatti, la comunità dei capi-educatori, rispondendo anche al progetto educativo del gruppo ed accogliendo le richieste dei giovani della branca R/S, hanno tenuto, presso la Rotonda di San Nicola, una cosiddetta “Veglia Rover” (moneto di riflessione animata, in pieno stile scout) con le famiglie e tutti coloro (e sono stato molti) che hanno voluto essere presenti sul tema che interessa tutti. Nel corso dell’incontro, gli scout hanno ribadito la scelta di azione politica quale intervento educativo perché la proposta scout educa i ragazzi ed le ragazze ad essere cittadini attivi attraverso l’assunzione personale e comunitaria delle responsabilità che la realtà presenta. Continua a leggere

MERCOLEDI’ 13 FEBBRAIO ORE 16.30 - CONCENTRAMENTO DAVANTI LA SEDE DELLA IV MUNICIPALITA’ IN VIA GIANTURCO 99 MANIFESTAZIONE-FIACCOLATA PUBBLICA CONTRO LE 39.000 “ECO-BALLE” NELLA MANIFATTURA TABACCHI

(le foto nell’articolo sono tratte dalle  precedenti manifestazioni contro i rifiuti in Campania. Autore Andrea Pioltini fotorepoorter ) Una vera bomba ecologica perchè si trova in mezzo all’abitato, sopra una falda acquifera superficiale collegata al fiume Sebeto, vicino all’amianto e ai depositi di benzina della Q8! Si alla raccolta differenziata “porta a porta”, alle norme sugli imballaggi, alle isole ecologiche. No alle decisioni autoritarie e pericolose che incombono sul futuro dei nostri quartieri. Hanno dato la loro adesione ufficiale anche il comprensivo “Nino Cortese” (scuola elementate e media di San Giovanni e Sant’Erasmo) e la parrocchia di San Carlo Borromeo nel Rione Luzzatti. Saranno presenti la “Rete Salute e Ambiente” Continua a leggere

Italia- Riaffiora l’inganno dei CIP6, in una situazione difficile come quella campana. Grazie agli emendamenti dei verdi, ed al lavoro in particolare di Camillo Piazza, Loredana De Petris, Angelo Bonelli, Grazia Francescato ci si era finalmente incamminati verso la giusta direzione. Si stava ponendo rimedio ad una distorsione che ha fatto sì che i 40 miliardi dei Fondi dei CIP6 finisse, per il 70%, alle fonti definite assimilate. Una delibera del Comitato interministeriale prezzi- era il 1992-  li introdusse stabilendo una maggiorazione del 6% del prezzo dell’elettricità, pagato dai consumatori finali, per promuovere le energie rinnovabili Obiettivo era quello di favorire lo sviluppo delle produzioni energetiche sostenibili, solare e eolico. Invece, grazie ad una interpretazione estensiva  del termine “rinnovabile” i miliardi sono finiti nelle casse delle aziende la cui produzione energetica è tutt’altro che rinnovabile : centrali termoelettriche, raffinerie, inceneritori alimentati da rifiuti. Caduto il governo si è di nuovo invertita la rotta grazie ad un’azione esclusiva del Ministero delle Attività produttive che ha restituito i CIP6 agli inceneritori campani in fieri. Sono 60 euro in più in bolletta non per favorire l’energia dal sole o dal vento, ma per favorire un ulteriore guadagno dai rifiuti per il cui smaltimento già i cittadini pagano bollette pesanti, per non parlare del prezzo ambientale e sanitario di un ciclo di gestione dei rifiuti che, anziché affrontare a monte il problema, pensa di risolverlo partendo dalla fine del ciclo, ovvero dalla fase finale di smaltimento. Continua a leggere

FERRANDELLE, la Terra di NESSUNO. Siamo agli inizi della fine…” Il grido della popolazione: “AIUTATECI a venire fuori dal disastro“! La foto di denuncia( a dx, cliccare sopra per ingrandire), su cui si legge lo storico slogan: “Fermate il Mostro” tratto dalla canzone ambientalista della cantautrice pacifista Agnese Ginocchio  in oggetto,  si riferisce al Presidio permanente dei Comitati civici ambientalisti (le persone che figurano sulla foto sono del Comitato di Casal Di Principe) in Località FERRANDELLE a Santa Maria La Fossa(Ce) ed é tratta dal reportage fotografico di Andrea Pioltini fotoreporter, che in data 9 Febbraio 2008 é stato realizzato in detto luogo.  Il coordinamento redazionale del nostro portale: “Alto Casertano- Matesino & d” si é recato sul posto e ha visitato il sito della discarica aperta che sta mettendo a rischio l’intera provincia di terra di lavoro. Si ringrazia per la fattiva collaborazione il giornalista cronista casertano, nativo di Grazzanise, prof. Raffaele Raimondo, che ci ha fatti da guida sul sito di Ferrandelle e luoghi limitrofi Continua a leggere

Cancello(Ce)-”E Cancello se ne và…così é intitolato questo messaggio. GUARDATE La FOTO E PREGATE PER ME E I MIEI PAESANI…..si continua a leggere. Questo é il messaggio che ci perviene da un lettore casertano. Volentieri pubblichiamo e diffondiamo questa immagine (cliccare sopra per ingrandire)che denuncia in che stato di assedio si ritrova la cittadina della nostra provincia casertana di Cancello, circondata a pochi Kilometri di distanza sia  dal sito di stoccaggio di Marigliano che dall’ inceneritore di Acerra. Drammatico. Non SI SONO PAROLE!!!! CONDANNA a MORTE PREANNUNCIATA!!!  Intanto giungono altre segnalazioni da parte dei comitati ambientalisti di Marigliano(Na). SEGUE DRAMMATICO MESSAGGIO DI NUNZIA LOMBARDI.  GUARDATE IL FIMATO DELL’ATTACCO DI MARIGLIANO: 6 FERITI, tra cui un bambino di 8 anni!!!  Continua aleggere

 Alle prossime elezioni la città può dare una svolta al centrosinistra
TEANO (CE)- Proseguono i lavori, voluti fortissimamente dal sindaco Raffaele Picierno e che hanno trovato nell’ Assessore all’Ambiente un valido alleato, per la costruzione dell’isola ecologica in contrada Santa Croce, una volta isola felice per gli agricoltori ed ora diventata, dopo l’attraversamento della Linea ad Alta Velocità, una zona a rischio di estinzione per le colture di nocciole e frutta ed anche per le generazioni future. La costruzione dell’isola ecologica a Santa Croce non è la panacea per tutti i mali creati dall’emergenza rifiuti. Continua a leggere

Italia- “Speciale Emergenza rifiuti Campania”  Inchieste su rifiuti e camorra- Pubblichiamo un articolo di Michelangiolo Bolognini (Medicina democratica) che ripercorre le vicende campane evidenziando quali siano state le scelte capestro, politiche ed affaristiche, che hanno condotto ai disatri attuali. La vera emergenza rifiuti in Campania – si scrive – è dovuta alla presenza di un sistema camorristico di Stato, che si avvale, per funzionare “ordinariamente”, di uno stato di emergenza permanente (Foto in alto: ” lo striscione portato dai comitati emergenza rifiuti  sul quale si legge lo slogan tratto dalla canzone di protesta ambientalista: “Fermate il Mostro” di Agnese Ginocchio. Manifestazione contro rifiuti Napoli. Autore foto: Andrea Pioltini, fotoreporter)

Il 9 marzo 2005 la Commissione bicamerale d’inchiesta sul ciclo dei rifiuti procedeva all’audizione dei piú importanti gruppi bancari italiani, Capitalia, Banca Intesa, San Paolo Imi e Gruppo Unicredito Italiano[1], preoccupati per i loro finanziamenti alle società Fibe e Fibe Campania del gruppo Impregilo, allora controllato da Cesare Romiti, facente parte del “salotto buono” della finanza, editore del maggior quotidiano italiano. Le banche avevano voglia di smarcarsi: si erano esposte per decine e decine di milioni di euro finanziando con la massima leggerezza Fibe e Impresilo. La relazione della Commissione afferma infatti: «non è chiaro come gli istituti bancari possano aver pensato, nel momento in cui fornivano i finanziamenti, di essere in condizioni di “normalità”, come espressamente affermato, posto che l’emergenza campana era pluriennale e nota a tutti; considerato, peraltro, che vi era piena consapevolezza del fatto che tale sistema, come proposto da Fibe, era “certamente pionieristico”, “il primo in Italia di queste dimensioni”»[2].  Il sistema a cui si riferisce la Commissione è la messa in atto, in modo generalizzato e “dogmatico” nella regione Campania, commissariata da oltre tredici anni, del cosiddetto «ciclo integrato dei rifiuti», assai propagandato dall’associazione ambientalista “parastatale” Legambiente e fatto proprio dalla quasi totalità delle forze politiche italiane.  Continua a leggere

Il presidente della provincia di Caserta Sandro De FranciscisScandalo Rifiuti. INCHIESTA DI S. MARIA CAPUA VETERE, PARLA DE FRANCISCIS: “ACCOSTATO A FATTI CHE NON CONOSCO, LA POLITICA È ALTRO”

Caserta- (dal portavoce del presidente) -Ho cercato come nel mio stile, sempre sobrio e mai sopra le righe, di impormi il silenzio in questi giorni di caos mediatico. E questo, nonostante il mio nome venga di continuo accostato da giornali e televisioni a fatti e circostanze a me del tutto estranei e la mia persona tirata in una storia che non conosco se non per averla appresa dagli stessi organi di stampa. Una vicenda nella quale sono coinvolte persone che oggi soffrono una difficile condizione e alle quali sono umanamente vicino, e il procuratore della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, al quale sono notoriamente affine per il suo matrimonio con una cugina di mio padre. Sento a questo punto, però, di non poter stare più in silenzio di fronte alla crescente ridda di illazioni, ormai incontrollate, che si rincorrono di ora in ora circa avvisi di garanzia, mandati di comparizione, addirittura di perquisizioni domiciliari di cui sarei stato fatto oggetto nelle ultime ore. Avverto il copia-di-lo-uttaro.jpgdovere di pronunciare un chiarimento anzitutto per il rispetto che porto alla intera comunità provinciale, frastornata – al mio pari – da tante ed infondate notizie e da attacchi rivolti gratuitamente verso di me. Nella giornata di ieri la segreteria del sostituto Alessandro Cimmino ha consegnato al mio avvocato un avviso di conclusione delle indagini relativo ad una inchiesta sul sito di trasferenza di rifiuti solidi urbani in località Lo Uttaro di Caserta. Sono, quindi, persona indagata. Indagata, a mio avviso, Continua a leggere

Alto Casertano -Matesino(CE)-Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato del Coordinamento Alto Casertano-Matesino di AN: “I circoli di Alleanza Nazionale e Azione Giovani di Piedimonte Matese e Castello del Matese(Foto a sx : Rifiuti e degrado a Piedimonte M. tratto dal reportage fotografico di denuncia di Andrea Pioltini, cliccare sulla foto per visualizzare l’intero reportage) invitano tutti i cittadini ad impegnarsi con noi in una lotta che spazzi via definitivamente tutti i maggiori responsabili dell’attuale disastro ambientale. Sabato 19 e domenica 20 gennaio saremo presenti nelle piazze dei nostri paesi con Gazebo per la raccolta di firme per la petizione popolare con la quale si chiedono le dimissioni immediate del “governatore” Bassolino. Continua a leggere

Napoli- L’intervento ( articolo di Sergio Cimino) -(Foto a dx Manifestazione contro i rifiuti Napoli. Autore: Andrea Pioltini, fotoreporter) “Con nessun popolo però stringono trattati, quali gli altri popoli fanno, disfanno e rifanno. A che pro infatti i trattati, dicono essi, come se la natura  non unisca abbastanza gli uomini gli uni con gli altri ? Se c’è chi non fa nessun conto della natura, si può credere che si curerà di parole?“Chissà se Tommaso Moro, nel riportare la descrizione che viene fatta da Raffaele Itlodeo dell’isola di Utopia, poteva immaginare che questo brano, tratto appunto dalla sua opera principale, potesse assumere in un futuro distante quasi mezzo millennio, un significato emblematico, nella questione sempre più prioritaria, del rapporto dell’uomo con l’ambiente. L’evoluzione del pensiero umano ha attraversato diversi stadi. Le religioni, le ideologie, le “morali”, hanno sempre avuto come risultato tangibile, aldilà di un discorso che entri nel merito di ciascuna, di portare a delle divisioni, ad una partecipazione o ad un rifiuto di esse. L’eco delle parole di Moro, filtrato attraverso la luce di questa constatazione, ci induce dunque a ritenere ancora più insensato, il modo in cui viene affrontata a livello politico, economico e culturale, l’esigenza di rendere compatibile l’attività dell’uomo con la vita del pianeta.  Continua a leggere

“Alex Zanotelli: E’ importante saldare la lotta affinché le nostre città siano pulite e vivibili”

Una manifestazione di protesta che ha convogliato su Benevento il popolo del ‘Molisannio‘ che con determinazione, da mesi, si oppone allo stoccaggio delle ecoballe nella cava dismessa di Colle Alto.  Migliaia le persone partite stamattina dal Molise alla volta del capoluogo campano, un corteo lunghissimo di trattori, auto e pullman, giunto fin sotto la sede della Provincia.  Alla manifestazione hanno partecipato non meno di 10 mila cittadini con un obiettivo unitario: indurre la Provincia di Benevento e il suo Presidente Carmine Nardone a recedere dal proposito di stoccare rifiuti pericolosi nel sito di Colle Alto, giudicandolo dichiaratamente inidoneo. Alla manifestazione, con tanti messaggi di sostegno, nei giorni scorsi avevano aderito tutte le più alte cariche istituzionali molisane. Continua a leggere

Pignataro Maggiore(Ce)-Buona partecipazione all’assemblea pubblica tenutasi domenica 13 gennaio sul tema dell’emergenza rifiuti. L’incontro, organizzato dal centro sociale Tempo Rosso, ha visto la partecipazione di alcune componenti del fronte ambientalista che si sono battute contro l’insediamento di una discarica a cielo aperto in località Cento Moggi, a Pignataro Maggiore.(Foto: Manifestazione contro i rifiuti Napoli Pianura. Autore Andrea pioltini, fotoreporter)  Obiettivo della manifestazione è stato, non solo, fare il punto della situazione in merito alla battaglia portata avanti sul territorio dell’Agro Caleno, ma anche e soprattutto, condurre una prima riflessione sulla più ampia problematica della tutela dell’ambiente nel quadro complessivo di una emergenza rifiuti non ancora scongiurata.  Per quanto riguarda la partecipazione, oltre a diversi cittadini provenineti da tutti i comuni dell’Agro Caleno, è da registrarsi la presenza  di una corposa delegazione del Comitato civico per la difesa del territorio e della salute pubblica di Pignataro Maggiore, Continua a leggere

petterutisindacoce.jpgCASERTA -Rifiuti. Caserta in quarantena. Allarmante situazione sanitaria ed ambientale. Il sindaco Nicodemo Petteruti (nella foto) ha rifiuti-rifiuti-rifiuti.jpgfirmato l’ordinanza con la quale si dispone la chiusura di tutti gli edifici scolastici presenti sul territorio comunale a partire da lunedi 7 gennaio 2008. Il provvedimento interessa le scuole di ogni ordine e grado, pubbliche e private, compresi gli asili nido e le facoltà universitarie.  Il perdurare della grave emergenza venutasi a determinare a causa della mancata raccolta dei rifiuti e la reiterata richiesta dell’Asl Ce1 di “adottare i provvedimenti necessari per la salvaguardia della salute pubblica”, hanno indotto il capo dell’amministrazione – con il pieno appoggio della Giunta e dei gruppi consiliari di maggioranza – ad emettere l’ordinanza in oggetto. Continua a leggere

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 190 follower