Valle Agricola(CE)- “ Ora basta”. Sono passati 30 giorni dal fallimento dell’Acms, caos e sempre piu’  caos per i trasporti pubblici dell’Alto Casertano, che collegano alcuni comuni del Matese con i centri di Piedimonte Matese, Caserta, Napoli, Venafro.   Il degrado dell’ Azienda Consortile si trascinava ormai da anni, ma in questi ultimi giorni ha raggiunto il culmine con l’interruzione del servizio di Trasporto Pubblico. Tale situazione sicuramente penalizza non poco i comuni del Comprensorio matesino, ed in particolare l’Alto Matese,(Valle Agricola, Letino, Gallo Matese ecc.),dove i pochi collegamenti con i vicini centri di Piedimonte Matese, Caserta e Venafro, rappresentano l’unica possibilità per poter assicurare alla locale popolazione, un seppur minimo ma indispensabile collegamento con i piu’ vicini comuni ove esistono Istituti scolastici, Uffici Pubblici e Strutture Ospedaliere.  Dal sito della Provincia leggiamo che “la Provincia, nella vicenda dei trasporti  e dell’ex Acms, ha fatto tutto quello che era di sua competenza. Abbiamo impugnato l’affidamento delle linee del trasporto pubblico locale alla Clp operato dalla Regione Campania per evitare che in futuro si vengano a creare dei conflitti di competenze, che si rivelerebbero di difficile risoluzione. Questa nostra iniziativa, pero’, non ha comportato alcun rallentamento nella ripresa del regolare servizio di trasporto pubblico locale e non ha costituito un pericolo né per i lavoratori né per il servizio.” E i comuni isolati da un mese, come Valle Agricola, Letino, Gallo Matese, il Presidente della Provincia è a Continua a leggere

Pubblicità