Le tappe: Discariche di Lo Uttaro (10:40), San Tammaro (11,15), Giugliano (12:00), Chiaiano (12:30) Caivano (14:15), Acerra (15:30); Mariglianella (16:00); Ponticelli (16:15).

spazzatourCampania- 5 lug – Richiamare l’attenzione dell’opinione pubblica su quei luoghi, fra Napoli e Caserta, maggiormente a rischio per gli effetti, tuttora da smaltire, (altro…)

Caserta- La nostra gente non può più sopportare la minaccia terroristica della devastazione della “madre terra”. L’inferno delle cave, l’inquinamento letale del terreno, (altro…)

cartolina lo uttaroMaddaloni(Ce)- Quello che il movimento di liberi cittadini CambiaMenti, insieme con una rete di associazioni e movimenti sensibili, vuole far risaltare alla stampa e alla popolazione è ciò che sta avvenendo a pochi chilometri dalle nostre città, in particolare (altro…)

La seguente lettera è stata inviata a tutti i 54 politici eletti nell’area casertana ai diversi livelli istituzionali: Camera dei Deputati, Senato della Repubblica, Regione Campania, al Presidente della Giunta Provinciale di Caserta, agli Assessori Provinciali ed ai Consiglieri della Provincia di Caserta.

Copia per conoscenza:

– Al Sig. Presidente del Consiglio dei Ministri, on. Enrico Letta (Capolista Campania 2)

(altro…)

Uttaro, gabbiani pasteggiano 24 ore al dìSAN NICOLA LA STRADA(Ce)- (di Nunzio De Pinto) Diciannove cittadini residenti a San Nicola la Strada e Caserta sono ricorsi alla Corte europea dei diritti dell’uomo contro lo Stato (altro…)

SAN NICOLA LA STRADA(Ce)- (di Nunzio De Pinto)  Alla luce delle notizie apparse negli ultimi giorni sulla stampa, le associazioni: Com.E.R. – OsservAzione Città di Caserta – Legambiente Circolo di Caserta hanno fatto sapere che “…. non possiamo che ribadire con forza il nostro NO incondizionato alla sciagurata ipotesi di una apertura del sito di stoccaggio di rifiuti pericolosi (altro…)

SAN NICOLA LA STRADA(CE) –(di Nunzio De Pinto)  A fare una discarica e buttarvi dentro la spazzatura non ci vuole molto tempo. Con i soldi e le attrezzature in men che non si dica una discarica (abusiva o autorizzata) è bella e attrezzata, alla (altro…)

SAN NICOLA LA STRADA(Ce) – (di Nunzio De Pinto) La costruzione dell’ impianto di digestione che il sindaco di Caserta Pio del Gaudio ha intenzione di costruire nell’ex macello comunale (a due passi dal costruendo policlinico) sito in località Lo Uttaro, impianto che risulta nel programma triennale dei Lavori Pubblici 2012-2014, sta scuotendo le coscienze di decine di migliaia di cittadini della conurbazione casertana che grazie alla Uttaro hanno già avuto (e continueranno ad avere anche per il futuro) la loro dose di decessi per malattie tumorali correlate, appunto, alla discarica Lo Uttaro. Mentre la sinistra, le associazioni (ma non tutti, vedi quelli di Giovanna Maietta) Continua a leggere

SAN NICOLA LA STRADA(CE) -(di Nunzio De Pinto)  Continua in campo ambientale la politica dello scaricabarile e dello struzzo. I parlamentari nazionali e regionali si trincerano dietro il patriottismo locale antilega nel tentativo disperato, giunto alla quinta occasione, al fine di permettere il trasporto di rifiuti tritovagliati da regione a regione senza accordi preventivi tra le stesse. Un escamotage per superare la stessa giustizia amministrativa del Consiglio di Stato che limitava questa pratica dei viaggi nauseabondi. La questione si riduce brutalmente alla mancanza di impianti per trattare l’immondizia in associazione ad una corretta raccolta differenziata. Due aspetti che fanno la differenza rispetto alla civilizzazione anche o soprattutto a Caserta dove continuano gli sversamenti nelle Continua a leggere

SAN NICOLA LA STRADA(Ce) -(di Nunzio De Pinto)  Un migliaio di cartoline sono state spedite in questi giorni da altrettanti cittadini casertani all’ Assessore all’ Ambiente della Regione Campania Giovanni Romano per chiedere ancora una volta l’ Continua a leggere

SAN NICOLA LA STRADA (Ce)- (di Nunzio De Pinto) Stoccaggio a Lo Uttaro: la Provincia ha abbandona il tavolo tecnico prima ancora del suo inizio e non si sono presentati neppure il Sindaco di San Nicola La Strada Pasquale Delli Paoli e/o il suo assessore al Servizio Ecologia e RSU Mario Amoroso, che avrebbe Continua a leggere

SAN NICOLA LA STRADA(Ce) – (Di Nunzio De Pinto) Discarica Lo Uttaro di Caserta: ha preso avvio lunedì scorso, 10 ottobre, presso la Prima Sezione Penale del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, retta dal Presidente di Sezione dottor Giampaolo Gugliemo, la prima udienza del procedimento penale a carico di Antonio Limatola più altri cinque imputati, accusati del reato di “disastro ambientale” ed altri reati di non minore importanza. Ebbene, nel corso della prima udienza il Giudice Giampaolo Guglielmo ha ammesso la costituzione di parte civile di sei associazioni ambientaliste, fra cui il ComEr di San Nicola La Strada, difeso dall’avvocato penalista Mario Mangazzo di Caserta, e la sezione casertana di Legambiente. È un successo di grande spessore Continua a leggere

SAN NICOLA LA STRADA(Ce)– (Di Nunzio De Pinto) Anche Pasquale Delli Paoli ricorrerà al Tar Campania per ottenere la revoca del decreto della Regione Campania che autorizza la realizzazione e la gestione del sito di stoccaggio a “Lo Uttaro”, località alla Continua a leggere

SAN NICOLA LA STRADA(Ce) – (Di Nunzio De Pinto) Nella seduta di giovedì sera è stata approvata all’unanimità dal consiglio comunale la mozione preparata dal Comitato Emergenza Rifiuti per opporsi alla realizzazione del nuovo sito di stoccaggio autorizzato dalla Regione Continua a leggere

SAN NICOLA LA STRADA(Ce) – (di Nunzio De Pinto) Ma quando si sveglieranno gli italiani ? La domanda non è retorica se pensiamo che sulla manovra finanziaria a pagare saranno sempre i cittadini (mentre i ricchi ed i copuloni non vengono toccati), come se a creare il debito Continua a leggere

S. Nicola La Strada(CE)- Il ComER apprende della morte dell’Avv.Nicola Tiscione. Ci è giunta oggi la triste notizia della morte dell’Avvocato Nicola Tiscione(nella foto),  per noi affettuosamente “Nicola”, ci colpisce e ci rattrista la perdita prematura di un compagno schietto e appassionato nelle sue o meglio “nostre” battaglie, per la difesa della legalità nonché per la difesa di un territorio martoriato già dai tempi in cui “Nicola” è stato Sindaco. Ricordiamo di “Nicola” la sua passione per la difesa del diritto, e l’ambiente, passione che ha visto il suo maggior impegno nel ComEr di cui è stato fervente animatore. Ricorderemo che mai si è sottratto al suo impegno civile specie da quando aveva lasciato la sua appartenenza attiva alla politica di partito. Diamo il Continua a leggere

Caserta –  A proposito della discarica casertana a Lo Uttaro, un ben verificato disastro ambientale che ancora incombe su 200 mila abitanti di Caserta e dei comuni circostanti, il quotidiano La Repubblica di mercoledì 5 gennaio 2011 si è sbagliato, come si sbagliano i nostri decisori politici. Al contrario di quel che ha scritto la Repubblica  Lo Uttaro non può e non deve “rappresentare l’alternativa per compensare il tracollo che seguirà alla chiusura delle Continua a leggere

SAN NICOLA LA STRADA(Ce)–(di Nunzio De Pinto)  La raccolta dei rifiuti porta a porta in città è un completo flop, anzi una “farsa”, secondo la signora Anna G. che abita nelle zone in cui dal giugno 2008 è partita il porta a porta. “Vorrei segnalare” – ha affermato la signora Anna – “che la raccolta Continua a leggere

SAN NICOLA LA STRADA(Ce)- (di Nunzio De Pinto) Bonificare le cave abbandonate o dismesse della Campania e valutare l’opportunità di utilizzarle per inerti e rifiuti trattati come soluzione alternativa alle discariche nella fase di risoluzione dell’emergenza rifiuti in corso nella regione. Questi i punti nevralgici della proposta che ha avanzato Luciano CAIAZZA, dirigente regionale dell’Associazione culturale “Casa Nostra per il Risanamento del Sud”. Continua a leggere

S. Nicola La Strada(Ce)- (di Nunzio De Pinto) Rifiuti, Il ComER SAN NICOLA LA STRADA – Quest’oggi diamo spazio al ComEr che risponde alle affermazioni fatte da Fortini, manager dell’ASIA di Napoli: “Non faremo la “guerra tra poveri”. Quelle 10.000 tonnellate non avrebbero potuto determinare la crisi né aumentare la puzza. Furono prelevati a Napoli per la notte bianca del 2005. Se l’ASIA avesse fatto la raccolta differenziata non sarebbero mai esistiti. Invece di gestire discariche e inceneritori si assuma le proprie responsabilità e ci dica che fine ha fatto l’ impianto di compostaggio di Napoli. Non varrebbe la pena rispondere alle affermazioni dell’Amministratore delegato dell’ASIA Daniele Fortini, riportate in questi giorni da diversi organi di stampa, a proposito dello sversamento a Terzigno di rifiuti provenienti da Lo Uttaro e delle conseguenze che questi avrebbero determinato se non fosse che quest’ennesima strumentale esternazione, su una vicenda tutto sommato marginale nella catastrofe che ci ostiniamo a chiamare Emergenza Rifiuti, Continua a leggere

SAN NICOLA LA STRADA(Ce)– (di Nunzio De Pinto)  Ha preso il via domenica scorsa la prima di una serie di assemblee pubbliche che la sinistra sannicolese, composta dal Partito Democratico, Italia dei Valori e Federazione di Sinistra, intendono portare avanti con l’aiuto della cittadinanza allo scopo di arrivare all’appuntamento della primavera prossima quando la città di San Nicola La Strada dovrà andare alle urne per eleggere il successore del sindaco Angelo Antonio Pascariello in carica dal 2001 e precedentemente per altri due anni, dopo essere stato anche Presidente dell’Amministrazione provinciale di Caserta. Continua a leggere

Maddaloni(Ce)–(di Nunzio De Pinto)  Il Presidente del Comitato civico Salute Pubblica di Via Sauda, Michele Venturino (nella foto), che lotta da anni contro il degrado ambientale di Maddaloni e contro le polveri, l’ inquinamento acustico della Cementir e di altre aziende insalubri del territorio maddalonese, è stato pesantemente minacciato di morte da chi prospera e si arricchisce sulla pelle della gente e sono dei veri e propri fiancheggiatori dei mercanti di morte. È accaduto ieri l’altro a Maddaloni. Il dirigente nazionale della Cisas-Anas Luciano CAIAZZA, anch’egli sempre in prima linea a San Nicola quando si è trattato di protestare contro l’apertura della discarica Lo Uttaro, dell’emergenza rifiuti, contro la privatizzazione dell’acqua pubblica, esponendo quanto avvenuto a Venturino, esprime la sua ferma condanna all’episodio. Continua a leggere

SAN NICOLA LA STRADA (CE)– (di Nunzio De Pinto)  “Dopo le parole del Sottosegretario Alfredo Mantovano sulla necessità di aprire un Centro d’ Identificazione ed Espulsione (Cie) in Campania, il solo pensiero che sul viale Carlo III^, proprio all’ interno delle ex casermette, a pochi passi dalla più bella struttura settecentesca d’Italia possa sorgere una simile struttura mi fa rizzare i capelli”. È quanto ha affermato Domenico RUSSO (nella foto), consigliere comunale del Pdl. “Sull’argomento” – Ha aggiunto Russo – “dopo le parole di Mantovano non ha letto alcuna dichiarazione dei vertici provinciali del Pdl volte a scongiurare questa terribile evenienza. Dove sono ? Perché non parlano ? Forse sanno che presto aprirà e non sanno cosa dire” – ha aggiunto il consigliere che ha così sferzato il partito. Continua a leggere

S. NICOLA LA STRADA (Ce) – (di Nunzio De Pinto) “Ora i politici eletti di tutti gli  schieramenti si battano per la bonifica del nostro territorio, per la vivibilità dell’intera conurbazione casertana”. E’ quanto ha affermato il professore Nicola Tiscione (nella foto, autore Andrea Pioltini) , già sindaco di San Nicola La Strada dal 1997 al 2001, quattro volte consigliere comunale a San Nicola La Strada tra il ’66 ed il ’93 ed ora componente regionale Campania del comitato promotore della Costituente di Centro di Savino Pezzotta. “Il Capo del Governo” – ha aggiunto – “va sostenendo, mentendo, che ha risolto lo smaltimento dei rifiuti in Campania. Noi sappiamo che non è vero. Sappiamo, anzi, che il problema, per quanto riguarda più direttamente i cittadini di San Nicola La Strada, San Marco Evangelista, Maddaloni e Caserta, si è aggravato perché la bonifica della discarica della Uttaro non è ancora partita. Continua a leggere

Caserta- (di Sergio Tanzanella) APPELLO: C’E’ SPERANZA! Ai cittadini della provincia di Caserta. La condizione della provincia di Caserta precipita ormai da tempo verso una catastrofe ambientale e morale. Di fronte a questa catastrofe i partiti politici reagiscono rabbiosamente o negandola o attribuendola ad altri partiti – ai quali genericamente e illusionisticamente si oppongono – o alla presenza della camorra. Certamente la camorra ha pervaso le nostre comunità esercitando un controllo capillare su tutto ciò che è affare e lucro. Ma la camorra non è l’Antistato, essa è penetrata all’interno dello Stato stesso esercitando su di esso un potentissimo controllo. Tuttavia mi appare troppo comodo attribuire esclusivamente alla camorra – come organizzazione criminale – tutto il disastro sociale, economico e morale delle nostre terre. Continua a leggere

Caserta- (del dott. Giuseppe Messina) E’ tempo di parlare di Caserta e delle tante occasioni create e poi cancellate. E’  tempo di parlare della località Lo Uttaro e di quello che doveva essere, per chi aveva una certa visione dello sviluppo del territorio e di come è stata trasformata da chi faceva finta di avere un’altra visione dimostrando, invece, di navigare a vista e di procurare solo danni al futuro di questo disgraziato territorio. Nell’ idea di pochi illuminati personaggi locali e nella capacità operativa dell’ amministrazione creata da Alleanza per Caserta Nuova dal 1993 al 1997, c’ era quella di fare di Lo Uttaro il nuovo centro propulsore di attività industriali legate, da una parte, al territorio e alla sua economia (leggi mattatoio comunale e foro boario) e, dall’ altra, allo sviluppo, al mantenimento, ampliamento e sviluppo di attività immateriali quali l’ elettronica e il software (leggi EDS). Diciamo subito, a scanso di equivoci, che questa visione non apparteneva all’ allora assessore Petteruti, oggi sindaco di Caserta. I fatti successivi ne sono una prova inequivocabile. E’  tempo di parlare allora del mattatoio comunale. Con numerosi prestiti presso la Cassa Depositi e Prestiti il comune di Caserta, già nel 1991, aveva programmato la costruzione del nuovo mattatoio destinando a biblioteca comunale il vecchio macello comunale di via Laviano. Con l’ amministrazione a guida del prof. Bulzoni, con precisi interventi dell’ allora assessore Messina e la collaborazione di eccellenti veterinari della ASL Caserta, la struttura ebbe un nuovo impulso e una riqualificazione funzionale attraverso: la realizzazione del foro boario, un punto banca, la macellazione con il rito musulmano, impianto di depurazione, ecc. La struttura ebbe pure il riconoscimento quale impianto di macellazione a Bollo CEE. Presso tali impianti, infatti, è consentito svolgere tutte le operazioni di macellazione, senza alcun limite produttivo né commerciale. Per l’apertura di questo stabilimento fu richiesto e ottenuto il riconoscimento comunitario per impianto di macellazione, ai sensi del DL.vo 286/94, art. 13. Tradotto in parole semplici, significava che il mattatoio di Caserta era l’ unico autorizzato in tutta la regione Campania a macellare gli animali, a conservare le carni nelle numerose e ampie celle frigorifere, a sviluppare una filiera in un settore assai delicato per l’ alimentazione umana e un’ apertura al mercato dei consumatori extracomunitari di religione musulmana che solo nella provincia di Caserta erano all’ epoca almeno 10.000 persone. Continua a leggere