Fusco chiede a Bassolino, una proroga dei termini di scadenza per la partecipazione al Corso per “Guida ai Parchi Naturali” inserito nel Progetto Integrato del Parco Regionale del Matese.

Piedimonte Matese(Ce)- (di Pietro Rossi) In occasione della venuta nel Matese del Governatore  della Regione Campania On. Antonio Bassolino per un’incontro che si terrà sabato 7 giugno presso il Comune di Gioia Sannitica, il Presidente del Consiglio Generale della Comunità Montana Prof. Marco Fusco (foto 1 a sx), ha inviato per mano dei Sindaci del comprensorio invitati all’assemblea una richiesta urgente di proroga dei termini di scadenza per la presentazione delle domande agli interventi formativi iscritti nel Progetto Integrato del Parco Regionale  del Matese per la realizzazione di un Corso Continua a leggere

L’inchiesta della procura di Napoli sulla parte più inquinante e pericolosa dei rifiuti. Un liquido sparso deliberatamente nei corsi d’acqua e lungo le strade. A un costo altissimo

Napoli– ( di Claudio Pappaianni) Percolato. È l’ultimo vocabolo del dizionario dei rifiuti finito nel linguaggio comune dei campani. È la parte liquida che la monnezza rilascia con la decomposizione: la sorgente dell’odore di morte che imprigiona interi quartieri. È anche la frazione più inquinante e pericolosa, che infiltra nelle falde le sostanze tossiche. Ma quello del percolato è anche l’ultimo scandalo su cui si concentrano le attenzioni della Procura di Napoli. L’inchiesta, coordinata dal procuratore aggiunto Aldo De Chiara, che ha portato all’arresto del braccio destro di Guido Bertolaso, Marta Di Gennaro, ha fatto luce sul destino di questo liquido micidiale. Agli atti dell’indagine ci sono le proteste di un sindaco “perché i camion percolano”, ossia seminano una macchia nera sull’asfalto. La Di Gennaro, sempre lei, lo rassicurava mandando i carabinieri a controllare e a convincerlo che “percolavano poco”. Ma a fare quei controlli erano i militari in forza alla Protezione civile Continua a leggere

Ci sono troppi appalti e nessuno controlla che funzionino bene”

Napoli– “Denunciato all’ospedale Cardarelli l’ennesimo episodio di cattiva gestione della cosa pubblica, ma, come sempre, tutto finisce nell’oblio e nessuno paga”. Lo denuncia il Consigliere Comunale di Napoli, Vincenzo MORETTO di Alleanza Nazionale. “Molte persone si sono lamentate del fatto che nel più grande ospedale del Mezzogiorno il servizio di raccolta delle lenzuola, da parte dell’azienda che ha vinto l’appalto da milioni di euro, avviene con molto ritardo per cui sacchi pieni di lenzuola sporca rimangono alla merce di tutti, animali compresi. Il fatto è che al Cardarelli gli appalti sono molti, quelli per la guardiania, per il portierato, per le molte imprese di pulizia, e chi più ne ha più ne metta Continua a leggere