Il seminario si terrà presso la Facoltà di Giurisprudenza, Palazzo Melzi, via Mazzocchi 5

Santa Maria Capua Vetere(Ce)-Lunedì 30 marzo alle ore 10:30 a S. Maria CV presso la sede della Facoltà di Giurisprudenza della Seconda Università di Napoli, in Palazzo Melzi, verrà presentato il seminario ‘Investimenti all’estero, Paradisi fiscali e reati tributari Internazionali della Criminalità Organizzata’, promosso ed organizzato dalla stessa Facoltà di Giurisprudenza, insieme ad Agrorinasce ed all’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici di Napoli. Continua a leggere

Annunci

CastelVolturno(Ce)- «La camorra ha assassinato il nostro paese, noi lo si deve far risorgere,  bisogna risalire sui tetti e riannunciare la Parola di vita» disse don Peppino Diana prima di essere ucciso. Sono parole che a distanza di tempo continuano a scavare nella nostra coscienza, invitandoci ad alzare la testa, ad essere attori di vita per costruire comunità capaci – con la forza del diritto e della dignità – di contrastare la violenza e l’ingiustizia. Sabato 31 maggio si svolgera’ UNA MANIFESTAZIONE PUBBLICA che prenderà il via alle ore 10 del 31.5.2008 dal Palazzo Comunale- Centro Storico di Castel Volturno, confluirà al campo sportivo e proseguirà per Baia Verde, luogo dell’assassinio di Mimmo Noviello(leggi:). Dopo la commemorazione, saranno distribuiti prodotti Domenico Novielloprovenienti da aziende confiscate alla camorra. Il Comune di Castel Volturno, l’Ascom e la Confesercenti Provinciali, le Associazioni LIBERA, Comitato Don Peppe Diana, Alilacco, , Arca, Liberamente, Radica, La voce dei giovani, Magnificat, Centro Laila, il Bilanciere, la Pro Loco. S.Maria del Mare, Bagnara che vive, Centro Fernandes, Jerry E. Masslo, Facimmece quattro risate, Informare, Associazione Albergatori, Associazione Stabilimenti Balneari, C.S.V. ASSO.VO. CE, Jean Piaget, Aphrodite, Associazione Allevatori invitano tutti i cittadini a partecipare.

Nessuno monterà sopra di noi se prima non avremo piegato la schienaMartin Lhuter King . Assassini sanguinari e barbari ci hanno tolto l’amico Mimmo Noviello, ma non ci hanno tolto la voglia di lottare, la certezza che batteremo, insieme, il crimine, l’illegalità, la camorra. La vastità del territorio, la sua conformazione, la consistente presenza di  clandestini e di un’economia illegale Continua a leggere

CASERTA– La nostra democrazia è distorta: con l’attuale legge elettorale le candidature sono decise dalle segreterie di partito, i cittadini non possono scegliere liberamente, questo sistema, quindi, è “camorra politica”. La dura presa di posizione è del vescovo di Caserta, mons. Raffaele Nogaro (nella foto insieme ad Agnese Ginocchio. Autore foto: Andrea Pioltini fotoreporter) che, durante il congresso provinciale delle Acli, lo scorso 23 febbraio, ha lanciato il suo j’accuse contro la cattiva politica ma anche una severa autocritica nei confronti dell’istituzione ecclesiastica. Ricordando ai dirigenti delle Acli di Caserta la necessità della fedeltà a Cristo e al Vangelo più che alla Chiesa, Nogaro ha infatti riconosciuto che spesso – sbagliando – la Chiesa tende a presentarsi come “societas perfetta: ricca, prestigiosa, coreografica”. E a scambiare “la sua facciata di efficienza per il vero bene”, che invece è soprattutto attenzione al povero. Si è rivolto poi alla politica, ‘rappresentata’ in sala da diversi parlamentari nazionali e amministratori locali. La politica, ha detto il vescovo, “ha perso purezza, innocenza e cuore per la gente deviando invece nell’interesse e nell’utile privato o di corrente. Basti guardare a come questa classe politica è incompetente nel risolvere emergenze drammatiche come le cave a Caserta o l’emergenza rifiuti” Continua a leggere

(Intervento del presidente dell’ Associazione Contro Tutte le Mafie, Dr Antonio Giangrande )- L’Associazione contro tutte le mafie nell’ambito della sua attività statutaria, intenta a dimostrare che in Italia nulla funziona, ha portato avanti inchieste ed approfondimenti, basandosi solo su un reportage di articoli di stampa pubblicati nel tempo e nello spazio, riconducibili ad autori citati, preparati e coraggiosi, a cui va il nostro riconoscimento di verità. Dati di fatto incontestabili e visionabili, pubblicati sul sito www.controtuttelemafie.it o www.ingiustizia.info .Da questo studio d’insieme si delinea e si rileva un quadro desolante per tutta l’Italia e tutti gli Italiani, ancorché le istituzioni e i media cerchino di tacitare una verità scottante, dove finanche la magistratura è arrivata a sequestrare il sito dell’associazione, al fine di oscurarne la realtà.L’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro che non c’è, e non sulla libertà, che tutti declamano, ma nessuno ha il coraggio di costituzionalizzare nei principi. L’Italia è sfiduciata nelle Istituzioni, sfilacciata, mal governata; una mucillaggine sociale e una poltiglia di massa rassegnata all’inezia e che inclina verso il peggio, che si uccide e si ferisce nei festeggiamenti di capodanno: insomma: una caos organizzato. L’Italia dove non c’è libertà di stampa e di parola. Continua a leggere

Alife(Ce)– Mai il Parlamento è stato insultato e letteralmente preso in giro da un premier come oggi. Ieri il Guardasigilli aveva denunciato in aula l’azione di una ”cricca di magistrati”, poi è stato incriminato, poi gli arresti sono saliti a trenta e soprattutto -questo è il vero punto- si è saputo che la magistratura inquirente ha giudicato che un intero partito di governo, l’Udeur, è una ”associazione criminale”. Chiaro? L’Udeur secondo l’ineffabile procuratore Maffei è una banda di criminali. Robetta, normale amministrazione per l’ineffabile Prodi che oggi è andato davanti alle Camere e non ha detto niente, assolutamente niente a proposito di questa drammatica crisi che è con tutta evidenza non solo gravissima, ma strutturale. Continua a leggere

SAN NICOLA LA STRADA(Ce) – Fusse che te fusse ca la volta bona? Recitava in ciociaro il caro Nino Manfredi in uno sketch degli anni 60. Era la speranza di un ometto sfortunato che dinnanzi ad una felice situazione si augurava un cambiamento migliore della sua condizione. “Fusse anche per noi altri la volta buona?” è quanto si chiede il Segretario Nazionale dei Comitati delle Due Sicilie, il sannicolese Fiore Marro in merito alla vicenda legata all’On. Mastella ed all’Udeur. “Sappiamo che è pura utopia la speranza di un redento politico” – prosegue Marro – “che quell’enorme carrozzone della politica non ha mai partorito un delatore, un ambiente enormemente superiore alla mafia dal punto di vista del pentitismo e dell’omertà. Coraggio Clemente coraggio. Anche Buscetta ha avuto i suoi dubbi, le sue lacerazioni identitarie, ma poi ha saltato il fosso ed ha parlato, ha liberato per un poco di tempo le strade della Sicilia dai picciotti e dai mammasantissima” Continua a leggere

Caserta-di “Giuseppe Messina”- (nella foto. Autore:Andrea Pioltini, fotoreporter)Lo Uttaro, l’Ucar Carbon, cava D’Agostino, l’inceneritore, via Talamonti… l’assessore all’ambiente (già componente autorevole del CdA del consorzio volontario RSU CE – v. inceneritore loc. Gradilli di Caserta) come un’anima in pena vaga, quasi solitario, per il territorio comunale cercando soluzioni, inventando suggestive quanto incredibili e illegali ipotesi per affrontare, in regime autarchico, la vergogna rifiuti. Si potrebbe dire che se la giunta avesse fatto subito, all’indomani dell’insediamento di Petteruti a sindaco, il nuovo appalto per il servizio di igiene urbana, se avesse costruito le quattro isole ecologiche necessarie per non far fallire tutto il ciclo dei rifiuti, se avesse fatto la raccolta differenziata, se non avesse contribuito alla realizzazione della discarica illegale e abusiva di Lo Uttaro e la Provincia, all’indomani dell’insediamento di De Franciscis a presidente della Provincia, con i poteri della giunta avesse subito elaborato il piano provinciale del ciclo dei rifiuti urbani, Continua a leggere