Il cambiamento climatico: 1000 anni fa, attualmente, prossimo futuro. Sono sufficienti il Protocollo di Kyoto e l’accordo stipulato durante il G8 dell’Aquila?

…Il riscaldamento globale attuale sta progressivamente provocando lo spostamento verso nord delle fasce climatiche dell’emisfero settentrionale, proprio come accaduto 1000 anni fa. Le zone predesertiche e desertiche lentamente stanno invadendo l’Area Mediterranea e le acque marine si stanno sensibilmente riscaldando…

….è inutile dirlo, arricchirebbero sempre più le lobbies a scapito dei paesi poveri e delle aree che realmente saranno interessate negativamente dal cambiamento climatico, come l’Area Mediterranea…

Napoli– (a cura del prof. Franco Ortolani, Ordinario geologia Università Federico II Na) Il cambiamento climatico è un fenomeno con ciclicità di circa 1.000 anni essenzialmente legato alla attività delle macchie solari. L’ inquinamento atmosferico può contribuire ad accentuare questo fenomeno naturale; tuttavia, anche se l’inquinamento atmosferico di origine antropica fosse totalmente annullato, il cambiamento climatico si verificherebbe egualmente. È necessario predisporre misure per preparare l’ambiente mediterraneo, in particolare, a sopportare per circa 100-150 anni gli effetti del riscaldamento globale naturale e ciclico, mitigando effetti come: l’erosione delle spiagge, la diversa distribuzione delle risorse idriche, i dissesti idrogeologici connessi alle modificazioni delle precipitazioni piovose e al riscaldamento delle aree alpine. Continua a leggere