Drammatica situazione disastro ambientale a Taranto provocato dalla presenza di uno stabilimento siderurgico che produce altissime emissioni di diossina, minaccia gravemente la salute pubblica. l’Attivista del comitato ambientalista di Taranto ‘Rosella Balestra’ mossa dalla forte preoccupazione per il futuro del territorio e dall’indignazione per la grave situazione ambientale scrive al Vescovo della diocesi Benigno Papa, chiedendogli di scendere in campo.

Taranto- (di Rosella Balestra) Non ho mai scritto a un Vescovo pertanto non so come dover iniziare se con Egregio, Monsignor, Illustrissimo passo così avanti e della mia ignoranza Le chiedo scusa… Mi trovo oggi, Domenica, giorno in cui Lei con la Chiesa tutta sta celebrando il giorno del Signore a dovermi scontrare con l’ambiguità e la poca chiarezza che questa stessa Chiesa si trova a infondere in noi, credenti o meno, portandoci, spesso, verso il baratro della confusione e dell’ ateicità. Immagino che lei sappia la drammatica situazione in cui Taranto versa con una Industria che sta togliendo a noi tutti la Vita, la Salute e il desiderio di continuare a vivere in un territorio così martoriato, un territorio la cui Bellezza naturale donatagli da quel Dio, da Lei spesso “nominato” ma forse poco “conosciuto”, viene distrutta, da atteggiamenti di ipocrisia, di silenzio, di sottomissione. Continua a leggere

Annunci

Seveso(Mi)- A oltre trent’anni dalla tragedia di Seveso, persistono ancora gli effetti sulla salute, anche indiretti sulle nuove generazioni, della tragedia di Seveso del 1976: i bimbi nati da donne che vivevano nelle aree contaminate da diossina mostrano disfunzioni tiroidee con probabilità 6,6 volte maggiore dei coetanei figli di donne non esposte. E’ quanto attesta uno studio pubblicato sulla rivista PLoS Medicine da Andrea Baccarelli dell’Università di Milano. E’ emersa una netta associazione tra esposizione materna a2,3,7,8-Tetraclorodibenzo-p-diossina (TCDD), la più pericolosa tra le diossine, classificata dall’OMS come carinogeno di classe uno, ed alterazioni della funzione neonatale tiroidea in una ampia popolazione esposta dopo l’incidente di Seveso Continua a leggere

“Alto Casertano-Matesino & dintorni” indice iniziativa: “CONCORSO A PREMI SULLA MONNEZZA MATESINA ” 

Alife(Caserta)-Rifiuti, fotocronaca della vergogna.Tanto per iniziare 1: Località fosse sulla SP Alife-Piedimonte(a dx, autore Andrea Pioltini  fotoreporter, cliccare sopra per vedere il resto delle foto)  e 2: Località S. Simeone di Alife sulla SP 69 Quadrivio di collegamento da Alife, S. Simeone a Gioia Sannitica. Quelle che vedete (le foto sono state scattate in data 22 e 24 Febbraio 2008 ) sono discariche abusive, dove, in particolare ci riferiamo a quella di S. Simeone, vengono sversati in maniera incontrollata ogni genere di rifiuti, oggetti dismessi, frigoriferi da rottamare, vecchi gommoni di auto, etc.. Quando ci siamo soffermati per fare le foto, siamo stati costretti a coprirci la bocca ed il naso a causa del cattivo odore nauseabondo proveniente da quegli enormi cumuli di rifiuti in decomposizione gettati lungo la strada laterale, Continua a leggere