Intervista al Presidente dell’ Ass. Alici de l’Altra Italia Gaetano Cerrito

Cerrito: attenzione è come lo sciame sismico e poi scoppia il “terremoto”.

Ai domiziani…..niente! perché sporchi, brutti e cattivi casertani.

Baia Domizia (Ce)-  Cerrito non crede di esagerare?

Non esagero e non drammatizzo, anzi voglio rifarmi alle parole di un editoriale di Roberto Arditti del 2/12/2008: il Sud è il grande malato d’Italia, (partendo dalla Riviera Casertana aggiungo io), chi non lo capisce e scemo, pavido o colluso. E per darle riscontro immediato di quanto detto, le significo che esiste ancora oggi, dopo venticinque anni, una storia pazzescamente anacronistica ed assurda, che ci ha rubato la vita, nei nostri affetti, nelle mete raggiunte, con sofferenze laceranti e mille corse ad ostacoli di una esistenza continuamente violentata.

Presidente ma ci saranno pur prospettive….

Si! Se non si continuasse nella protervia, nella sopraffazione di una politica disattenta (chiaramente non intendo certamente generalizzare) che bene farebbe ad affrontare ed assolvere ad un atto dovuto, di legittime e sacrosante rivendicazioni che gridano chiaro e forte il riscatto dei nostri territori, di operatori soccombenti e figli di un “dio” minore – solo perché domiziani, solo perché sporchi, brutti e cattivi casertani. Continua a leggere