Caiazzo(Ce)- Pasquetta all' insegna della spensieratezza. "Roberto Di Iorio" invece racconta la sua "Pasquetta"QUESTE SONO LE ISTITUZIONI ISTITUZIONI ITALIANE ?????

Caiazzo(Ce)- Vorrei riassumere a chi non sa,quello che mi sta accadendo, innanzitutto, io mi chiamo Roberto,sono un disabile su carrozzina,vivo in un vicolo del centro storico di Caiazzo ( CE ),non ho la patente,non ho amici e familiari,che possano aiutarmi,nella mia semplicissima mobilità. I miei unici spostamenti,si limitano a qualche visita medica,esami diagnostici,a fare la spesa,questa è tutta la mia vita,diurna e mondana !! Non avendo (altro…)

Annunci

Caiazzo(Ce)- Pasquetta all' insegna della spensieratezza. "Roberto Di Iorio" invece racconta la sua "Pasquetta"AVVISO LE ISTITUZIONI CHE SONO PRONTO A TOGLIERMI LA VITA,BASTA CON L’INDIFFERENZA NEI MIEI CONFRONTI !!!!!!!!!!!!!!!!!

Caiazzo(CE)- Mai come oggi,mai come in questo momento,riesco a capire,quelle persone,che si arrendono e si tolgono la vita,io sono stanco,ma stanco di vivere questa (altro…)

La comunità delle persone, dei loro gesti, della cultura e della storia, del vivere d’amore insieme (del rispetto, della pietà, solidarietà). Ognuno parte importante di essa, è solo così, in questo concetto ideale e concreto, si è, altrimenti, al di fuori, non è la stessa cosa, e si è fantasmi. Perciò rispetto per tutti e per la comunità che genera. Affinchè quando tutto passa, resta appunto la storia dei fatti o dei sentimenti, a testimonianza di tutti, per tutti poi, a continuare sempre. (Francesco Di Pasquale)

CANCELLO ED ARNONE(Ce)-  FRANCESCO DI PASQUALE:  “E’ ARRIVATO IL MOMENTO DEL RITORNO DI COMUNITA’, OVVERO DELLA PACE, DOPO TANTI E TANTI ANNI DI CONTRASTI, A TUTTI I LIVELLI. COLLABORAZIONE ISTITUZIONALE PER FARE Continua a leggere

Castel Volturno(Ce)- (Di Tommaso Morlando) A seguito degli atti vandalici e delinquenziali dell’altro giorno, esprimiamo la nostra piena solidarietà alle Istituzioni Pubbliche, al Sindaco della Città di Castel Volturno e allo scrittore Roberto Saviano. Piena solidarietà anche a tutte le Forze dell’Ordine e Investigative che sono costrette ad affrontare nuovi fronti e nuovi scenari, ma sempre con le stesse immutate difficoltà. Chiediamo agli Investigatori di fare chiarezza su uno strano episodio che vede i camorristi, i loro affiliati, fiancheggiatori e simpatizzanti, divenire dei provetti “writers”.  Chiediamo chiarezza perché non crediamo che i camorristi, i loro affiliati, fiancheggiatori e simpatizzanti, abbiano semplicemente riposto le armi per impugnare una bomboletta spray. Continua a leggere

CASERTA – (di Nunzio De Pinto)Pubblichiamo l’intervento di Giuseppe MESSINA (nella foto 2 a dx, autore Andrea Pioltini)  sulle accuse rivolte all’Onorevole Nicola Cosentino (foto 1 a sx): “Non si vuole colpire me ma l’intero governo. Più o meno questo il senso delle dichiarazioni dell’on. Cosentino alle accuse mosse a suo carico da Gaetano Vassallo sull’ affare rifiuti tossici, massoneria, camorra, istituzioni, ecc. Mi sono venute in mente certe dichiarazioni di un noto prete cattolico americano che, quando venne accusato di essere un pedofilo, con una valanga di prove, per difendersi dalle accuse affermava che non si voleva colpire la sua persona ma la chiesa di Roma. A Roma ci sarà sempre qualcuno che farà da violino di spalla al sottosegretario e raccoglierà i suoi guaiti per rilanciare l’idea del complotto. E’ storia vecchia e che si ripete. E funziona. Quasi sempre. Staremo a vedere. Continua a leggere

“Quasi al termine della mia esistenza, l’ingiustizia degli uomini mi ha inferto questo ultimo colpo. Faro’ appello alle mie residue forze fisiche e morali per resistere ancora, così come ho fatto per quindici anni. Sono sicuro che verrà il momento (che forse io non vedro’) in cui la verita’ della mia vicenda giudiziaria sara’ ristabilita. Spero che qualcuno si pentira’ del male fatto a me ed alle Istituzioni.”(Bruno Contrada) * Un dossier con quattro contributi video relativamente all’allucinante  giornata d’udienza della Difesa Continua a leggere

ALVIGNANO(Ce) -( di Nunzio De Pinto) “La sua venuta a Caserta ha significato grandi cambiamenti per la nostra provincia” – ha detto la preside Anna Antonia Riccio della scuola “Santamaria” di Alvignano mentre procedeva alla consegna di una targa d’argento al Prefetto di Caserta Carmelo Casabona – “pochi elementi esteriori lo dimostrano come l’aver voluto celebrare la Festa della Polizia nella martoriata terra di Casale di Principe, per dimostrare che lo Stato e presente e non ha perduto la sua sovranità, ma soprattutto per rendere protagonisti della festa stessa gli studenti che rappresentano il futuro della società Continua a leggere