La testimonial per la Pace, di origine matesina, scende in campo e lancia l’ennesimo messaggio di monito e di riflessione rivolto ai politici rei di aver portato il nostro territorio in questo grave stato di degrado, inquinamento e di paralisi totale, ed invita la società civile a partecipare alla Manifestazione contro i rifiuti e la discarica Pisani a Napoli in sostegno alla popolazione di Pianura.

Caserta, Napoli e Campania– Dopo i duri moniti lanciati e anche “cantati” in questo caso ( vedi canzone di protesta ambientalista “Fermate il mostro“..) ai nostri poilitici campani e casertani, colpevoli di avere permesso un grave disastro ambientale mai accaduto nella storia, Agnese Ginocchio testimonial e cantautrice internazionale per la Pace, insignita dell’ultimo riconoscimento del “premio nazionale per la legalità Borsellino per l’impegno sociale e civile”, torna a farsi sentire rivolgendosi alla società civile, e, lanciando un accorato appello alla presa di coscienza sul grave stato in cui versa la nostra provincia per qualto riguarda il problema o meglio la guerra dei rifiuti, invita a partecipare al corteo della manifestazione del 9 Gennaio prossimo a Napoli per sostenere la lotta della popolazione di Pianura(leggi quì programma), che in queste si batte per l’unico diritto di difesa alla vita, protestando per l’apertura della discarica illegale di Pisani. Continua a leggere

Caserta- 05 Novembre 2007. I problemi del lavoro, della sicurezza e dei giovani nel mezzogiorno d’Italia saranno i punti cardine della manifestazione che la Ugl, il sindacato guidato da Renata Polverini ha organizzato a Napoli per il 07 Novembre 2007. La manifestazione, alla quale prenderanno parte delegazioni sindacali ed associazioni provenienti da tutto il Sud Italia si svilupperà per le strade del Capoluogo Campano per concludersi a Santa Lucia dove i manifestanti abbracceranno il Segretario Nazionale. Folta sarà la rappresentanza della cellula Casertana che sarà capitanata dal segretario provinciale Sergio D’Angelo coadiuvato da tutti i locali segretari di categoria e da un numeroso esercito di iscritti. “Chiederemo” spiega D’Angelo alla stampa “una seria politica di investimenti e lavoro nel Mezzogiorno d’Italia, che ancora una volta una indifferente legge finanziaria dimentica ed abbandona a se stesso Cpntinua a leggere