ACETO marescialloAlife(Ce)– Grazie alle indagini coordinate dalla Compagnia Carabinieri di Piedimonte Matese e condotte dai militari della Stazione di Alife (nella foto il maresciallo  Giovanni ACETO) , è stato identificato e denunciato alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere un 54enne che, spacciandosi come notaio, aveva tentato una truffa ai danni del parroco della locale Cattedrale. L’uomo, secondo quanto accertato dai militari, attraverso alcune telefonate fatte al parroco, lo aveva informato che un’anziana donna del posto aveva devoluto in beneficenza venticinquemila euro, in assegni, che si trovavano in giacenza presso l’ufficio postale, ma per incassare tali titoli avrebbe dovuto immediatamente saldare una parcella notarile di duemilacinquecento euro a mezzo vaglia on-line. Il prelato, insospettito dall’insistenza e dalla fretta imposta dal sedicente notaio, nell’effettuare l’operazione di versamento della parcella, si è rivolto ai Carabinieri, che hanno attivato immediatamente le loro indagini, smascherando in poco tempo il falso (altro…)

SPARATORIA IN CASERMA: MORTI COMANDANTE E VICEALIFE(Ce) –  Un giovane immigrato di 26 anni, Vasil Shmyr, originario dell’ Ucraina ma residente ad Alife da diversi anni, –  si è tolto la vita impiccandosi ad una trave di un capannone agricolo dietro casa sua. La scoperta fatta dalla sorella  nella casa ubicata alla periferia di Alife. Il corpo dell’uomo è stato trasferito alla medicina legale di Caserta. Sul posto gli uomini di Alife, al comando del maresciallo Aceto, e i medici del 118 che hanno contato il decesso (altro…)

Alife(Ce)- I carabinieri di Alife(nella foto il maresciallo  Giovanni Aceto) hanno arrestato con l’accusa di abusi sessuali su minorenni A. G., 24 anni, di Alife. L’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari è stata emessa dal Gip del Tribunale di S.Maria Capua Vetere, a conclusione di indagini dei Carabinieri di Piedimonte Matese, diretta dal capitano Salvatore Vitiello, confermate dalle testimonianze delle stesse vittime degli abusi. Dalle indagini è emerso che l’arrestato, negli ultimi mesi, avrebbe almeno in quattro distinte occasioni adescato ragazzi minorenni costringendoli a subire atti sessuali, in alcune località isolate di Alife, in prossimità del fiume Volturno. Grazie poi alle testimonianze di alcune delle vittime degli abusi, i militari sono Continua a leggere

Alife(Ce)- A seguito di indagini coordinate dalla Compagnia di Piedimonte Matese, i Carabinieri della Stazione di Alife, hanno denunciato alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, un 60enne, di Alife,(nella foto il maresciallo Giovanni Aceto) che con i suoi comportamenti, da circa sei mesi, aveva attuato una vera e propria forma di persecuzione nei confronti di una 50enne, commerciante del posto. Tutto ha inizio nei primi giorni del 2011, attraverso reiterate minacce e molestie anche con continue ed assillanti telefonate e l’invio di sms contenenti frasi oscene ed offensive e arrivando anche in qualche circostanza alle percosse e alla minaccia di morte. In una circostanza, lo stalker era arrivato anche a colpire la vittima con un calcio all’addome. Atti persecutori che hanno cagionato alla donna un perdurante e grave stato di ansia e di paura, ingenerando nella stessa un fondato timore per la propria incolumità, infatti la donna ha finito per maturare la convinzione di non poter uscire da sola di casa. Ma finalmente è riuscita a denunciare ai Carabinieri tutte le aggressioni e i gravi comportamenti tenuti dal 60enne, spesso subiti in silenzio. Per il momento la svolta nelle indagini da parte dei Carabinieri ha restituito un minimo di serenità alla vittima di questo odioso reato introdotto di recente nel Codice Penale. In caso di sentenza di condanna emessa a carico del Continua a leggere

Il camion trasportava pneumatici ed elettrodomestici in disuso, batterie, fusti e filtri di olio motore esausti, reti metalliche ed altri rottami ferrosi altamente inquinanti

Alife(Ce) – Blitz dei Carabinieri di Piedimonte Matese,  contro lo smaltimento illecito di rifiuti pericolosi. Martedi mattina all’ alba una pattuglia di militari della stazione di Alife al comando del maresciallo Giovanni Aceto (nella foto)  ha intercettato nella periferia del comune un camion che trasportava circa cinque quintali di rifiuti speciali anche di tipo pericoloso. Pneumatici ed elettrodomestici in disuso, batterie, fusti e filtri di olio motore esausti, reti metalliche ed altri rottami ferrosi altamente inquinanti. Tre persone, F.T., 21enne, M.T., 37enne e V.T., 22enne, tutti di origine rumena e provenienti dai campi nomadi dell’hinterland napoletano, sprovvisti di qualsiasi autorizzazione relativa alla gestione, allo smaltimento e al trasporto dei rifiuti, sono stati denunciati alla Procura di Santa Maria Capua Vetere. Sulla provenienza e la destinazione del mezzo e del suo carico sono ora in corso ulteriori indagini. Continua a leggere

Alife(Ce)- Ambiente e salute, i carabinieri denunciano due uomini per trasporto illecito di rifiuti pericolosi e sequestrano alimenti scaduti in un ristorante. Continuano le operazioni dei Carabinieri della Compagnia di Piedimonte Matese finalizzate a garantire la tutela dell’ ambiente e della salute pubblica. Ad Alife, infatti, i militari della locale Stazione al comando del maresciallo giovanni Aceto (nella foto) hanno intercettato un camion che trasportava oltre cinque quintali di rifiuti speciali anche di tipo pericoloso quali elettrodomestici in disuso, batterie, fusti e filtri di olio motore esausti, reti metalliche ed altri rottami ferrosi altamente inquinanti. I responsabili, due pregiudicati, C.V., 32 anni e M.V., 49 anni, entrambi di origine rumena e provenienti dall’interland napoletano, risultavano sprovvisti di qualsiasi autorizzazione relativa alla gestione, allo smaltimento e al trasporto dei rifiuti, pertanto nei loro confronti è scattata una denuncia alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere. Sulla provenienza e la destinazione del mezzo con il pericoloso carico, finiti sotto sequestro, sono ora in corso ulteriori indagini. Il materiale è stato intanto affidato ad una ditta specializzata per il regolare smaltimento. Sempre ad Alife, continuano intanto anche i controlli presso i locali pubblici per verificare le condizioni igienico sanitarie. Continua a leggere

S. Angelo d’Alife(Ce)- (da red. cronac) I militari della stazione di Alife al comando del maresciallo Giovanni Aceto (nella foto) hanno denunciato alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere tre fratelli, di 23, 22 e 18 anni, residenti a Sant’ Angelo d’Alife, che per futili motivi hanno aggredito la madre della ragazza convivente di uno dei tre, contraria alla relazione, e l’ex fidanzato della ragazza. Sia la donna che il giovane hanno riportato lesioni guaribili entrambi con sette giorni di prognosi. Continua a leggere

Alife(Ce)- Furti e ricettazione, tre persone arrestate e cinque denunciate, in un blitz dei Carabinieri. Recuperata una moto rubata. Questa mattina, c’è stata una vasta operazione dei Carabinieri della Compagnia di Piedimonte Matese, al comando del Capitano Salvatore Vitiello, predisposta al fine di contrastare vari fenomeni di criminalità, in particolare reati contro il patrimonio e la persona come furti e ricettazione, nonché l’immigrazione clandestina, che creano maggior allarme nella popolazione.  Dalle prime luci dell’alba, i militari delle Stazioni di Alife e Prata Sannita, con i marescialli Giovanni Aceto (nella foto), Giuseppe Sileo, Andrea Porto e il brigadiere Nicandro Papa, hanno setacciato i comuni del comprensorio matesino e dei territori limitrofi. Il bilancio dell’operazione é di tre persone arrestate in flagranza di reato, si tratta di pregiudicati di origine nordafricana, Brama Dambele, 30 anni, Mohamed Shakeel, 29 anni e Ibrahim Abdollah, 22 anni. Continua a leggere

Alife(Ce) – Nel mese dedicato alla Gran Madre di Dio e nel giorno dedicato alla sua festa  8 Maggio, giornata in cui si é celebrata la Madonna di Pompei, é avvenuta la presa di possesso della città da parte del neo vescovo della diocesi di Alife- Caiazzo mons. Valentino Di Cerbo. “Dobbiamo far si’ che il Vangelo diventi sempre piu’ l’anima di queste terre“. Cosi’ monsignor Valentino Di Cerbo, nuovo vescovo di Alife Caiazzo, ha salutato i fedeli accorsi in massa al suo ingresso in diocesi – la cattedrale e la piazza antistante erano stracolme di persone – questo pomeriggio, ad Alife. Monsignor Di Cerbo è arrivato ad Alife, in piazza della Liberazione, ricevuto da tutti i sindaci della comunità. A porgergli il benvenuto sono stati il primo cittadino di Alife, Maddalena Di Muccio; i sindaci di Caiazzo Stefano Giaquinto; Lino Massaro di Frasso Telesino, paese d’origine del vescovo. Continua a leggere

Alife(Ce)- Decine di chili di pane e altri alimenti, in pessimo stato di conservazione, sono stati sequestrati dai carabinieri di Alife (nella foto il maresciallo G. Aceto),  nel corso di un controllo sul trasporto di alimentari presso il mercato settimanale. I prodotti si trovavano a bordo di un furgone privo dei necessari requisiti igienico-sanitari e non idoneo al trasporto di alimenti. I militari hanno sequestrato la merce, affidandola ai controlli dell’autorita’ sanitaria a cui e’ stato anche segnalato l’autotrasportatore. Non e’ la prima volta che i carabinieri effettuano controlli e sequestri in materia igienico-sanitaria nella zona del Matese. Continua a leggere

Alife(Ce)- Va in banca e tenta di incassare assegni rubati ma il cassiere si accorge e non versa il denaro. Un trentenne di Piedimonte Matese, è stato denunciato per ricettazione. L’uomo è entrato in un istituto bancario di Piedimonte Matese tentando di incassare un assegno proveniente da un carnet denunciato rubato da un noto imprenditore di Alife. Apponendovi una firma falsa e l’importo di mille euro si è recato presso uno sportello, ma l’intuitivo cassiere aveva notato che qualcosa non andava ed ha temporeggiato prima di consegnare i contanti. Così la persona in possesso dell’assegno ha pensato bene di allontanarsi repentinamente dalla banca prima di finire nei guai. Continua a leggere

Alife(Ce)- A seguito di indagini da parte dei Carabinieri, tre persone sono finite nei guai per reati che vanno dall’estorsione alle lesioni personali, dalla truffa alla contraffazione. Il primo a finire nella rete dei Carabinieri della locale Stazione è stato G. G., 40enne, di Piedimonte Matese, il quale tramite una serie di minacce e violenze nei confronti dei propri genitori, entrambi 70enni, si faceva consegnare somme di danaro per motivi tuttora in corso di accertamento. Per lui è scattata una denuncia alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, per i reati di estorsione e lesioni personali.

Ad Alife, dopo una breve indagine dei Carabinieri della locale Stazione al comando del maresciallo Giovanni Aceto(nella foto), è stata denunciata all’Autorità Giudiziaria, una donna residente a Napoli, P.R., 48enne, la quale tramite un sito internet simulava la vendita di elettrodomestici, che alcune donne del matesino acquistavano inviando i relativi importi ma dei prodotti non se ne vista nemmeno l’ombra. Una vera e propria truffa on-line, scoperta dai Carabinieri e che ora porterà la responsabile a rispondere davanti ai Giudici del reato di truffa aggravata.

Infine gli uomini del Nucleo Radiomobile hanno proceduto con una denuncia a piede libero nei confronti di A.P., 45enne, di Dragoni, il quale durante un posto di blocco è stato trovato in possesso sia del certificato che del contrassegno Continua a leggere

Dragoni(Ce) – Nel corso della scorsa notte, un´ambulanza del 118 ed i Vigili del Fuoco, sono stati allertati da alcuni cittadini preoccupati, poiche´ da una abitazione ubicata nel centro di Dragoni usciva del fumo. Giunti sul posto, temendo un principio d’incendio, i pompieri hanno provato a farsi aprire dal proprietario del fabbricato che vive da solo, ma lo stesso in preda ad un raptus di follia li ha aggrediti; dopodiché si è barricato in casa. A questo punto sul posto sono intervenuti i Carabinieri della Stazione di Alife, al comando del maresciallo Giovanni Aceto (nella foto) che stavano svolgendo un servizio di controllo del territorio predisposto dalla Compagnia di Piedimonte Matese. Dopo svariati tentativi, i militari sono riusciti a farsi aprire la porta, ma lo squilibrato, armato di una roncola, ha tentato di colpire anche gli stessi militari che sono riusciti però ad immobilizzarlo. E’ finito così in manette Emanuele Ricciardi, 58enne del posto, il quale dovrà ora rispondere dei reati di resistenza a pubblico ufficiale e porto abusivo di armi. Una volta entrati all´interno dell’ abitazione, i militari hanno inoltre accertato che il fumo proveniente dall’appartamento, era stato causato dal principio di incendio di un materasso. Sulle cause che ha determinato il principio di incendio sono ora in corso ulteriori indagini. Il 58enne, è stato condotto in presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere, Continua a leggere

Alife(Ce)- (da red. cronac) Una coppia di nomadi specializzata in borseggi è stata sorpresa all’interno del mercato settimanale che si tiene nel comune di Alife.  Le loro vittime preferite erano in prevalenza donne anziane e casalinghe, alle quali alla prima distrazione sottraevano il borsellino o afferravano altri oggetti di valore custoditi nelle borse. Questa volta però è andata loro male e sono finiti nella trappola dei carabinieri. Si tratta di D.C. 33enne ed M.C. 31enne, entrambi provenienti dai campi rom dell’hinterland napoletano. Sono finiti infatti nelle mani dei Carabinieri della Stazione di Alife, che li hanno sorpresi in procinto di commettere l’ennesimo colpo. Fermati ed accompagnati in caserma, dopo le formalità di rito è stata avviata nei loro confronti la procedura per la misura di prevenzione che prevede il foglio di via obbligatorio con l’ordinanza del divieto di ritorno per la durata di tre anni. I militari sospettano che la coppia sia dedita proprio alla commissione di borseggi durante le fiere e i mercati settimanali che si tengono nei comuni dell’alto casertano. L’operazione è stata condotta dai Carabinieri della locale Stazione, con i Marescialli Giovanni Giovanni Aceto(nella foto)  e Andrea Porto e coordinata dalla Compagnia di Piedimonte Matese al comando del Capitano Salvatore Vitiello, Continua a leggere

ALIFE (Ce) – (da red. cronac Alife) Una giovane coppia notava un appartamento vuoto nelle palazzine popolari di Alife ed hanno pensato bene di occuparlo per appropriarsene. Sono intervenuti i carabinieri della locale stazione e ne hanno ordinato l’immediato sfratto. Un uomo ed una donna, C.N., 22enne, ed L.L., 20enne, entrambi originari di Piedimonte Matese (Caserta), ma residenti ad Alife, si sono abusivamente impossessati di un appartamento ubicato nelle palazzine appartenenti all’Istituto Autonomo Case Popolari di via Salvatore di Giacomo, ad Alife (Caserta). Dopo aver forzato la porta di ingresso, dell’abitazione di proprietà di una donna 96enne, che risulta essere deceduta alcuni mesi fa, hanno occupato l’intero appartamento. Alcuni familiari della proprietaria, che si sono accorti della presenza di estranei nell’immobile, hanno richiesto l’intervento dei Carabinieri della locale Stazione. A questo punto per i due è scattata una denuncia alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere ed è stata avviata la procedura per lo sgombero degli immobili. Comunque le indagini condotte dai Carabinieri della Stazione di Alife (nella foto il Maresciallo Giovanni Aceto) e Continua a leggere

Alife(Ce)- Blitz dei carabinieri della Compagnia di Piedimonte Matese, diretta dal capitano Salvatore Vitiello, finalizzata a prevenire reati contro il patrimonio e la persona. Durante un controllo in un’operazione anticrimine, nella città di Alife (Caserta), diretta dal maresciallo Giovanni Aceto (nella foto, autore Andrea Pioltini) , sono finiti nella rete dei militari, due nomadi, R.R. e C.R., entrambi 230enni. I due provenivano dal campo nomadi ubicato nell’ hinterland napoletano e si aggiravano per il mercato cittadino in data odierna(martedi 25 Agosto) con aria sospetta. I due nomadi sono stati fermati ed al controllo eseguiti presso la Banca dati delle Forze di Polizia, sono emersi una serie di precedenti a carico di entrambi, in particolare per reati di furto. Nei confronti dei due pregiudicati, che si aggiravano tra la folla del mercato settimanale, e del quale si sospetta che fossero in procinto di preparare qualche “colpo” nella zona, i militari hanno emesso una misura preventiva che prevede il foglio di via obbligatorio con l’ordinanza del divieto di ritorno per la durata di tre anni. I sospetti dei carabinieri erano avvalorati dal fatto che, Continua a leggere

Alife(Ce) -(da red. cultura Alife) 18 Agosto MEMORIAL “AMEDEO BRUNELLI”con il Patrocinio del Comune di Alife. Nel3° Anniversario della scomparsa di Amedeo BRUNELLI, l’Associazione “ARI CLUB A. Brunelli” di Alife sezione di Benevento retta da Gino Di Lorenzo, sarà presente per l’intera giornata presso la piazza sita nel parcheggio in Porta Piedimonte con la propria “Stazione RADIO AMATORI” con nominativo speciale dedicato ad Amedeo Brunelli: “ I I 8 AB ”.  Inoltre dalle ore 21:00 con partenza da P.zza S. Caterina, l’Ass. Ari Club con l’adesione del “Movimento Internazionale per la Pace” e l’ausilio dell’Ass. “Nuovo Movimento Giovani Alifani”, organizzerà una particolare Marcia della Pace in Memoria di “Amedeo Brunelli ”alla quale presenzierà la famiglia di Amedeo: la moglie Elisa con i figli Federica e Gianmario, la madre ed il padre Enza e Mario Brunelli, il fratello e giornalista Nico Brunelli, l’Associazione ARI Radioamatori amici di Amedeo Continua a leggere

Alife(Ce) – ( Da red. cronac Matese)Un sequestro e una denuncia sono l’esito di maresciallo Aceto e capitano c Vitiellocontrolli antiabusivismo dei carabinieri di Piedimonte Matese, al comando del capitano Salvatore Vitiello e del maresciallo Giovanni Aceto di Alife. Sigilli sono stati posti ad alcuni fabbricati in costruzione all’interno di una struttura ricettiva turistica ad Alife, perche’ realizzati in assenza di concessioni edilizie; nella stessa country house, disposta la sospensione delle attivita’ di ristorazione e l’utilizzo delle due piscine perche’ prive di autorizzazioni sanitarie e amministrative. Continua a leggere

Alfonso Del Giudice AlifeAlife(Ce)- (da red. cultura Alife) Dopo una tenace lotta contro un male incurabile, é volato al cielo un’ importante pezzo della storia di Alife: “Alfonso Del Giudice“(nella foto) , già amministratore della città di Alife, dipendente del consorzio idrico e fratello dell’attuale consigliere comunale Emilio Del Giudice. Ad esprimere il proprio cordoglio l’ intera Amministrazione comunale retta dal Sindaco Fernando Iannelli, Il Consorzio Idrico alifano, Il Movimento politico “Leali Per Alife“, il Circolo territoriale del Partito Democratico di Alife, il Maresciallo dei carabinieri Giovanni Aceto, e tanti suoi amici. I funerali si terranno Sabato 8 Agosto presso la Cattedrale di Alife a partire dalle ore 16:00.  Di seguito riportiamo una parte del messaggio di cordoglio indirizzato ai familiari da parte di Agnese Ginocchio, amica di famiglia: “Il Movimento Internazionale per la Pace rende Omaggio e saluta (altro…)

Alife(Ce)- (da red. cronac Matese)Un extracomunitario africano di 45 anni, Kalonda T. , pregiudicato e destinatario di un mandato di cattura emesso a Bologna, latitante dal 2002, e’ stato arrestato dai carabinieri della Compagnia di Piedimonte Matese. I militari dell’Arma della stazione di Alife al comando del maresciallo Giovanni Aceto,(nella foto, autore Andrea Pioltini) erano impegnati in controlli sul territorio e si sono avvicinati al pregiudicato nella zona ferroviaria di Alife per chiedere i documenti; Kalonda T. ha cercato prima di nascondersi, poi di scappare, ma e’ stato bloccato subito. Verifiche delle impronte digitali sul sistema Afis ne hanno chiarito l’identita’ e i precedenti, dato che era sprovvisto di documenti di identita’. Ora e’ rinchiuso nel carcere di San Tammaro – Santa Maria Capua Vetere. Continua a leggere

Alife(Ce)- (da red cronac Matese)Blitz dei Carabinieri della Compagnia di Piedimonte Matese, diretta dal Capitano Salvatore Vitiello, con il duplice obiettivo di contrastare il fenomeno dello spaccio di droga, nonché quello dei reati in materia di immigrazione clandestina. Militari del Nucleo Operativo e Radiomobile, coordinati dal Maresciallo Giuseppe Calabrese, hanno setacciato palmo a palmo i comuni del comprensorio matesino e dei territori limitrofi. Il primo obiettivo dei Carabinieri è stata un’abitazione di via Aldo Moro di Piedimonte Matese, dove risiede G.S., 28enne, del luogo, al quale è stato notificato un avviso di garanzia a firma del Sostituto Procuratore della Repubblica Antonio Ricci, per il reato di spaccio di sostanze stupefacenti. Il provvedimento è scaturito a seguito di una indagine che ha portato ad accertare il coinvolgimento del giovane pedemontano nell’attività dello spaccio di eroina nella zona. Sempre a Piedimonte, nei pressi della stazione ferroviaria, sono stati arrestati in flagranza di reato due immigrati di origine algerina, Continua a leggere

Armando di Meo su Cronaca VeraPiedimonte Matese(Ce)- SOCIALE. La Storia di Armando Di Meo, l’uomo anziano piedimontese abbandonato da tutti, che vive in un lurido tugurio di fronte il Seminario vescovile e la Chiesa Annunziata, é sbarcata sul settimanale nazionale “Cronaca Vera“(vedi foto, cliccare sopra per ingrandire).  Il giornale é possibile reperirlo in tutte le edicole italiane da questa settimana. L’articolo  é a firma del noto giornalista professionista casertano Giuseppe Sangiovanni. Ora si spera vivamente che le Istituzioni preposte interpellate a scendere in campo, si diano da fare concretamente e risolvino una volta per tutte i problemi che affliggono il povero anziano che da anni vive abbandonato a se stesso in un misero stato di degrado sociale. Se questa é vita, giudicatelo voi?!?!?! Continua a leggere

Alife(Ce) – (da red. cronac)Controlli a tappeto dei carabinieri del comprensorio matesino, sono stati beccati tra ieri e oggi, 8 extracomunitari privi di permesso di soggiorno. A Piedimonte Matese, Kahim Bekim, 30 enne di origine asiatica, è stato pizzicato nei pressi della stazione ferroviaria del paese. Al controllo dei militari operanti, coordinati dal capitano Salvatore Vitiello, è risultato che da circa due anni, è destinatario di un decreto di espulsione che non ha mai ottemperato. L’uomo infatti, ha continuato a permanere sul suolo italiano in clandestinità. L’uomo è stato arrestato e per lui si sta procedendo ad un accompagnamento coatto per essere espulso dal nostro paese. I controlli in materia di immigrazione clandestina, sono stati fatti in tutto il matesino: oltre che dai carabinieri di Piedimonte, anche dai militari della stazione di Alife, comandata dai marescialli Giovanni Orsi e Giovanni Aceto (nella foto) e dai carabinieri della stazione di San Gregorio, comandata dal luogotenente Luigi Lo Russo, sono stati controllati altri extracomunitari, 1 asiatico e sei di nordafricani risultavano privi di permesso di soggiorno. Continua a leggere

Piedimonte Matese(Ce)- (da red. cronac) Bilancio ragguardevole per la compagnia dei carabinieri di Piedimonte Matese al comando del capitano Salvatore Vitiello nel mese di maggio: quindici arresti, trenta persone denunciate e raffica di sequestri. A portare a segno brillanti operazioni contro vari fenomeni di criminalità e di illegalità diffusa, sono stati i militari delle stazioni dislocate nel comprensorio matesino e quelli del Nucleo operativo e radiomobile, diretti rispettivamente dai luogotenenti Luigi Lo Russo e Nicola Marsilio, e dai marescialli Giovanni Aceto (nella foto, autore Andrea Pioltini), Giuseppe Ratta, Giuseppe Sileo, Paolo Bernabei, Giovanni Orsi e Giuseppe Calabrese. Dei quindici arrestati in flagranza, otto riguardano reati contro il patrimonio, la persona e in materia di armi. Sotto sequestro una pistola calibro nove, due caricatori, un fucile calibro dodici e decine di munizioni. Continua a leggere

Piedimonte Matese(Ce) – A conclusione di una attività investigativa,  che ha riguardato questo intero anno scolastico, che ormai volge al termine, i carabinieri impegnati anche ad arginare il drammatico problema della dispersione scolastica, hanno denunciato in tutto 24 genitori di studenti delle scuole dell’obbligo, i quali solo sporadicamente o addirittura per nulla si sarebbero visti seduti tra i banchi, dall’inizio dell’anno scolastico. Teatro delle indagini coordinate dal Capitano Salvatore Vitiello, (foto 2 a dx) comandante della locale Compagnia, e condotte dai militari delle Stazioni di Piedimonte Matese e Alife, dirette rispettivamente dal Luogotenente Luigi Lo Russo e dal Maresciallo Giovanni Aceto, (foto 1 a sx) Continua a leggere

ALIFE (Ce) – (da red. cronac Matese)Sono stati avviati dei controlli a tappeto dai arabinieri nei vari comuni del comprensorio matesino, in provincia di Caserta, finalizzati in particolare alla tutela della salute pubblica. Si sta procedendo in pratica ad una serie di accertamenti e verifiche presso attività commerciali nel settore alimentare. Nel corso della prima fase di questi controlli, i militari della Stazione di Alife, al comando del Maresciallo Giovanni Aceto (nella foto autore Andrea Pioltini), hanno effettuato un blitz presso numerosi locali della zona, durante i quali, in quattro esercizi dediti al commercio di prodotti ortofrutticoli sono state riscontrate inosservanze in materia di sicurezza alimentare e violazioni alle norme igienico sanitarie. In pratica i gestori delle predette attività esponevano alla vendita i prodotti ortofrutticoli in precarie condizioni igieniche e senza le previste precauzioni per garantirne il corretto stato di conservazione. Inoltre, in alcune circostanze, veniva occupato abusivamente il suolo pubblico. Per tali motivi sono state contestate una serie di sanzioni amministrative e inviata una apposita informativa alla competente Autorità Sanitaria, che nelle prossime ore potrebbe anche emettere un provvedimento di sospensione cautelativa delle Attività. Continua a leggere

Alife (Caserta) – Blitz dei Carabinieri della Compagnia di Piedimonte Matese (Caserta), iretta dal Capitano Salvatore Vitiello, con il duplice obiettivo di contrastare il fenomeno dell’uso e dello spaccio di droga, nonché quello dei reati in materia di immigrazione clandestina. Pattuglie di militari delle Stazioni di Alife e San Gregorio, agli ordini dei Marescialli Giovanni Aceto (nella foto, autore Andrea Pioltini) e Giovanni Orsi e quelli del Nucleo Operativo e Radiomobile di Piedimonte, al comando del Maresciallo Giuseppe Calabrese, hanno setacciato palmo a palmo i comuni del comprensorio matesino e dei territori limitrofi. Il bilancio definitivo delle operazioni é stato di due persone arrestate in flagranza di reato e dieci denunciate a piede libero. A finire in manette, Hises Moussa, 29enne, e Hanis Hailab, 27enne, entrambi di origine tunisina, sui quali i Carabinieri hanno scoperto che da oltre tre anni pendevano provvedimenti di espulsione dal territorio nazionale ed inoltre sono sospettati di essere coinvolti in attività illegali, come reati contro il patrimonio e la persona, nonché reati di traffico e spaccio di sostanze stupefacenti. I due, alla vista dei militari hanno tentato una improbabile fuga, venendo immediatamente bloccati ed arrestati, dovranno così rispondere anche del reato di resistenza a Pubblico Ufficiale. Continua a leggere

Alife(Ce)- (da red. cronaca Matese)Vasta operazione dei carabinieri della compagnia di Piedimonte Matese, diretta dal capitano Salvatore Vitiello (nella foto 1 a sx, autore A. Pioltini), finalizzata a contrastare reati di ogni genere. I militari della stazione di Alife e quelli del Nucleo operativo e radiomobile, agli ordini dei marescialli Giovanni Aceto (nella foto 2 a dx, autore Andrea Pioltini)  e Giuseppe Calabrese, hanno setacciato i comuni del comprensorio matesino e dei territori limitrofi. Il bilancio definitivo del blitz è di tre persone arrestate in flagranza di reato, una di queste però é stata subito rilasciata perché il fatto non sussisteva. A  finire in manette é stato Raphael Eguasa, 34enne, di origine nord-africana, sorpreso dai militari nella estrema periferia della cittadina pedemontana. Continua a leggere