Napoli- (da Ilovenapoli) UN NEOMELODICO PRESIDENTE INVITO CONFERENZA STAMPA NAPOLI- Giovedì 22 aprile 2010 ore 11.00 c/o Hotel Mediterraneo (Via Ponte di Tappia, 25) Saranno presenti: il regista ALFONSO CICCARELLI, gli interpreti MIMMO DANY, TONY SPERANDEO, LELLO MUSELLA, FRANCESCA Continua a leggere

Caserta- (Comunicato La Destra)  Francesco Storace fondatore e Segretario Nazionale de “La Destra” si sta preparando ad una tre giorni nel Sud Italia in vista ed in risposta, la sua risposta, allo scioglimento di Alleanza Nazionale. Tre giorni in cui il Segretario Nazionale de “La Destra” rilancerà la sua idea di destra e soprattutto di destra sociale, tre giorni in cui saranno sicuramente fatte delle riflessioni anche sulla triste fine che il partito di Gianfranco Fini farà una volta confluito nel PdL. Francesco Storace che nel pomeriggio di Venerdì 20 Marzo alle ore 18 presso l’hotel Ramada di Napoli terrà un incontro proprio per rilanciare quelle idee di destra e destra sociale Continua a leggere

VALORIZZARE E BRUCIARE, VERBI IN ANTITESI

Napoli- LUNEDÌ 7 LUGLIO IL DR. STEFANO MONTANARI, noto esperto di nanopatologie e nanoparticelle – Dir. scientifico del lab.Nanodiagnostics (Modena), nonche’ consulente di prestigiose istituzioni scientifiche internazionali, ci condurra’ in un viaggio. Un viaggio, lungo un intero giorno, attraverso il ciclo virtuoso dei rifiuti, le lobby che traggono profitto dalle emergenze, le sospette contraddizioni generate dal “caso Campania”, le colpevoli bugie legate all’incenerimento, i danni che le nano-particelle arrecano alla salute. Ben 3 le tappe: – Ore 11:00 – Ist. Italiano per gli Studi Filosofici, Via Monte di Dio 14 – Ore 18:00 – Bagnoli, V.le Campi Flegrei, Continua a leggere

L’inchiesta della procura di Napoli sulla parte più inquinante e pericolosa dei rifiuti. Un liquido sparso deliberatamente nei corsi d’acqua e lungo le strade. A un costo altissimo

Napoli- ( di Claudio Pappaianni) Percolato. È l’ultimo vocabolo del dizionario dei rifiuti finito nel linguaggio comune dei campani. È la parte liquida che la monnezza rilascia con la decomposizione: la sorgente dell’odore di morte che imprigiona interi quartieri. È anche la frazione più inquinante e pericolosa, che infiltra nelle falde le sostanze tossiche. Ma quello del percolato è anche l’ultimo scandalo su cui si concentrano le attenzioni della Procura di Napoli. L’inchiesta, coordinata dal procuratore aggiunto Aldo De Chiara, che ha portato all’arresto del braccio destro di Guido Bertolaso, Marta Di Gennaro, ha fatto luce sul destino di questo liquido micidiale. Agli atti dell’indagine ci sono le proteste di un sindaco “perché i camion percolano”, ossia seminano una macchia nera sull’asfalto. La Di Gennaro, sempre lei, lo rassicurava mandando i carabinieri a controllare e a convincerlo che “percolavano poco”. Ma a fare quei controlli erano i militari in forza alla Protezione civile Continua a leggere

Napoli- ( Il Mattino 24/05/2008  LEANDRO DEL GAUDIO)- Camion con rifiuti tossici insabbiati nelle viscere di Pianura. Non solo sversamenti abusivi, ma interi convogli con bidoni di scarichi industriali inghiottiti per anni, a pochi metri dal parco nazionale degli Astroni, a un tiro di schioppo da falde acquifere e aree protette. È l’ipotesi su cui stanno lavorando il pm Stefania Buda e il capo del pool antinfortunistica Rosario Cantelmo. Disastro colposo, l’ipotesi battuta dagli inquirenti. Che puntano a fare chiarezza sul prolungato impiego dell’area di Contrada Pisani, finita sotto sequestro lo scorso 21 gennaio, dopo un’accesa mobilitazione popolare. Decisivo l’interrogatorio di un testimone d’accusa, un ex autotrasportatore, che ha fatto riferimento ad alcuni sversamenti abusivi dei primi anni Novanta Continua a leggere

‘Repressione: processati per direttissima due attivisti per voler dormire dentro una macchina-rottame!’ ‘Mercoledi 7 Maggio alle ore 13.00 conferenza stampa alla rotonda ‘Titanic’ (confine Chiaiano-Marano) per presentare ragioni e futuro della protesta’

Chiaiano(Napoli)- Il clima di criminalizzazione che si sta stendendo intorno alla protesta di Chiaiano ha cominciato a dare i suoi frutti! Nella notte due attivisti del comitato civico e del centro sociale Insurgencia sono stati fermati è arrestati dai carabinieri di Marano in seguito a un episodio incredibile!  Insieme ad altre persone stavano spostando a spinta un auto visibilmente rottamata e abbandonata, con le ruote sgonfie e ferma dal 2005. Ne era stato chiesto l’utilizzo ad uno dei proprietari come rifugio notturno per il nuovo presidio antidiscarica che si stava costituendo proprio sul luogo, nei pressi dell’Ospedale Monaldi ai Camaldoli Continua a leggere

L’autore devolverà i proventi alla Lav (lega anti vivisezione)

Venerdì 25 aprile alle ore 18 e 30 presso la Mondadori Multicenter del Centro Commerciale Campania di Marcianise lo scrittore Marcello D’Orta presenterà al pubblico il suo ultimo libro ‘Nessun Porco è Signorina’. Gli studenti napoletani non si sono fatti pregare quando la Lega Anti Vivisezione ha chiesto loro di svolgere i temi assegnati dal maestro D’Orta sul loro rapporto con gli animali. ‘Nessun Porco è Signorina’ è un libro spassoso, in cui i temi sono riprodotti come stesura originale, quindi pieni di errori e approssimazioni, proprio per rendere l’animo popolare di Napoli.  Ma è anche un libro coinvolgente che mette il naso suo malgrado nell’intimità dei bassi napoletani, restituendoci una comunità viva e pulsante Continua a leggere

COORDINAMENTO REGIONALE RIFIUTI (nella foto, autore Andrea Pioltini, fotoreporter) – Il Comitato Allarme Rifiuti Tossici promuove per il giorno 28 Aprile un  incontro presso la la II Municipalità in Piazza Dante n.ro 93 – Napoli, alle ore 17:30 per la costituzione del Coordinamento Regionale Rifiuti della Campania, finalizzato alla reciproca conoscenza, all’organizzazione e alla promozione di azioni congiunte. Sono invitati ad aderire tutte le Associazioni ambientaliste e i Comitati campani impegnati sul tema rifiuti Continua a leggere

Piedimonte Matese(Ce)- E’ stato un grande successo la manifestazione 100 ragazzi sul Matese organizzata dalla sezione CAI di Piedimonte Matese in collaborazione con i CEA del Parco Regionale del Matese svoltasi il 19 aprile. Dopo diversi giorni di pioggia il sorriso dei cento ragazzi ha aperto il cielo trasformando le nuvole grigie in una splendida giornata di sole. Hanno partecipato la Pro Loco, le scuole primarie e secondarie di San Potito Sannitico, l’Istituto Professionale di Alife e molte famiglie, provenienti dal territorio Matesino, da Napoli, da Caserta, da Sessa Aurunca. Il percorso Continua a leggere

Ci sono troppi appalti e nessuno controlla che funzionino bene”

Napoli- “Denunciato all’ospedale Cardarelli l’ennesimo episodio di cattiva gestione della cosa pubblica, ma, come sempre, tutto finisce nell’oblio e nessuno paga”. Lo denuncia il Consigliere Comunale di Napoli, Vincenzo MORETTO di Alleanza Nazionale. “Molte persone si sono lamentate del fatto che nel più grande ospedale del Mezzogiorno il servizio di raccolta delle lenzuola, da parte dell’azienda che ha vinto l’appalto da milioni di euro, avviene con molto ritardo per cui sacchi pieni di lenzuola sporca rimangono alla merce di tutti, animali compresi. Il fatto è che al Cardarelli gli appalti sono molti, quelli per la guardiania, per il portierato, per le molte imprese di pulizia, e chi più ne ha più ne metta Continua a leggere

Alvignano(Ce)-È in atto a Napoli presso il Palapartenope il corso “Ciclo dei rifiuti e raccolta differenziata”, organizzato dalla scuola regionale “Ernesto Calcara”. Della delegazione di Alvignano dell’Associazione nazionale Vigili del Fuoco in congedo “volontariato e protezione civile”, saranno ben nove i volontari che seguiranno il corso: Antonietta Marra, Eugenio Ferrara, Rossella Pellino, Michele Melone, Giuliano Di Sorbo, Aurelia Federico,Valentina Maio, Donato Mastroianni e Teresa Valentino. Continua a leggere

 “Guerra del Volturno”- ( di Giovanni  Lafirenze) È il primo ottobre del 1943, le truppe angloamericane occupano Foggia e tentano di entrare a Napoli. Dall’aeroporto di Crotone decollano due squadriglie di bombardieri per colpire Formia e Gaeta, ma molti ordigni vengono sganciati anche su SS. Cosma e Damiano, Minturno e Castelforte. La guerra di terra infuria tra la valle del Volturno, Isernia e Benevento. Due giorni dopo alcune unità dell’esercito angloamericano riescono ad entrare a Benevento e il 6 ottobre anche a Napoli. I reparti germanici continuano a ritirarsi verso nord e il 16 ottobre, dopo una drammatica battaglia, è liberata anche Caiazzo. Continua a leggere

Venerdì 22 febbraio ore 20  MONDADORI MULTICENTER  PAOLO CHIARIELLO Presenta “MONNEZZOPOLI- LA GRANDE TRUFFA” (PIRONTI EDITORE)

Marcianise(Ce)- Venerdì 22 Febbraio alle ore 20, nella nuova sede della Mondadori appena inaugurata nel Centro Commerciale Campania, Paolo Chiariello, giornalista di Sky, presenta il suo libro MONNEZZOPOLI che a poche settimane dalla pubblicazione ha già venduto migliaia di copie in tutta Italia. C’è un’industria al Sud che non conosce crisi: i rifiuti. In Campania la fabbrica della spazzatura macina ogni anno profitti da record destinati ad arricchire politici corrotti e ingrassare camorristi ormai in veste di imprenditori. Da più di 15 anni, in nome dell’emergenza rifiuti, la Campania assorbe centinaia di milioni di euro. Denaro che alimenta un circuito economico spesso in odore di criminalità organizzata. Continua a leggere

Napoli- VENANZIO MANCIOCCHI Lo specchio interiore Circeo, 2007-olio su tela, cm 150x 50 MA MOVIMENTO APERTO Via Duomo 290/C -Napoli 27 febbraio – 27 Marzo 2008 Inaugurazione: mercoledì 27 febbraio 2008, alle ore 18,00 caffè-ristorante Palazzo Lanza C.so Gran Priorato di Malta 25 . Capua, In collaborazione con Associazione architempo 1 marzo – 27 marzo 2008 Inaugurazione: sabato 1 marzo 2008, alle ore 19,00. Dal testo in catalogo (quaderni di Foglianoarte): Nella montagna c’è tutto. Ci sono i voli quasi mistici di una spinta all’oltre, c’è la lacerazione della carne che mostra nei riflessi sottesi e cangianti della luce le sue profonde fenditure, c’è il riverbero più lirico di un mare azzurrissimo in cui cielo e terra miracolosamente si congiungono. Continua a leggere

Savignano Irpino- Scontri con la polizia e blocco dei treni: l’epicentro dell’ennesima protesta in Campania per l’emergenza rifiuti, che va avanti da più di due mesi, ha avuto luogo nel comune di Savignano Irpino, provincia di Avellino. Dove un nutrito gruppo di cittadini, tra i quali anche alcuni amministratori della zona, in mattinata ha tentato di ostacolare il passaggio delle trivelle utilizzate per i lavori di allestimento del sito di sversamento in fase di costruzione.  La discarica di Savignano Irpino è l’unica attualmente confermata dal commissario per l’emergenza rifiuti in Campania, Gianni De Gennaro. La scelta su Savignano Irpino era stata presa lo scorso anno dalla presidenza del Consiglio dei ministri e, nel luglio del 2007, la trasformazione in legge dell’ordinanza aveva reso ufficiale la sua apertura. I cittadini, però, si oppongono a questa scelta sottolineando come, a distanza di pochissimi chilometri, ci sia già la discarica di Difesa Grande, mega discarica già situata nel territorio di Ariano Irpino. Un sito su cui la settimana scorsa il prefetto De Gennaro ha invece disposto la revoca di riapertura.  Dopo una scaramuccia con i poliziotti – con tre contusi -, i manifestanti anti discarica di Savignano Irpino hanno bloccato dalle 11.20 la linea Caserta-Foggia all’altezza della stazione di Savignano Scalo. Secondo i manifestanti, i lavori di allestimento del sito che dovrebbe ospitare 700mila tonnellate di rifiuti avrebbero dovuto cominciare solo dopo un tavolo di confronto con la struttura commissariale. In una nota, Trenitalia ha fatto sapere che l’occupazione dei binari riguardava un tratto compreso tra le stazioni di Pianerottolo e Savignano e che per garantire il servizio è stato attivato un autobus sostitutivo da Benevento per i viaggiatori dell’Intercity 677 Roma Bari rimasto bloccato. Anche a Napoli comunque la situazione non è molto migliorata. Continua a leggere

Napoli-L’Associazione antirazzista e interetnica 3 Febbraio esprime solidarietà ai fratelli e alle sorelle del Bangladesh che sono in lotta perché gli sia riconosciuto il soggiorno per motivi umanitari a causa del tifone Sidr abbattutosi qualche mese fa e che ha provocato 30000 morti. Da venerdì sera infatti migliaia di bengalesi sono in presidio permanente presso l’Ufficio stranieri di Napoli: è gente che ha perso tutto e ha bisogno di tornare nella propria terra. A causa della legge italiana ciò è impossibile per questo non gli è rimasta che l’unica strada della lotta per farsi ascoltare. La Questura di Napoli per ora sta prendendo tempo e non sta dicendo quale sarà la sorte di queste persone. Continua a leggere

Denuncia della sezione Campana dell’AISLA Associazione Sclerosi Laterale Amiotrofica.

ANIMA E CUORE ONLUS HA RICEVUTO IN DATA 08/02/2008 QUESTA DENUNCIA ESPOSTA DA UNA DELEGAZIONE DELL’ AISLA CAMPANIA E NON AVENDO PURTROPPO NULLA DA AGGIUNGERE IN MERITO ALL’ACCADUTO RITIENE OPPORTUNO DIVULGARE A TUTTI QUESTO ENNESIMO EPISODIO DI MANCANZA DI RISPETTO PER I IU’ DEBOLI… CI RIVOLGIAMO SPECIE A TUTTI QUELLI CHE ANCORA OGGI ADORANO PARLARE DI ”SOLIDARIETA’ E DI SENSIBILITA” PER LE FASCE DEBOLI….I RISULTATI SONO I SEGUENTI..!!!

Napoli- La sezione campana dell’AISLA denuncia l’incidente gravissimo verificatosi ieri negli uffici della regione CAMPANIA al centro direzionale isola C, quando una delegazione dell’AISLA accompagnata dal suo presidente nazionale Dott. Mario Melazzini, composta da ammalati alcuni gravemente disabili ed in carrozzella non trovava il direttore generale della Sanita’ della Campania Antonio Gambacorta che, ad attenderli come ci si aspettava dopo aver preso regolare appuntamento, ha lasciato detto che per motivi urgenti doveva essere a Roma per discutere il problema dei rifiuti a Napoli. In sua vece era stato designato il Prof. Zamparelli. Continua a leggere

Dal  COORDINAMENTO PROVINCIALE DEI COMITATI PER LA SALUTE E L’AMBIENTE. Lettera al presidente della provincia di Benevento Carmine Nardone

San Salvatore Telesino(Bn)- Il problema rifiuti è esploso a Napoli ma sta ribollendo in tutta la Campania e anche la provincia di Benevento sta dimostrando con manifestazioni e partecipazione popolare che esso deve essere risolto con la compartecipazione dei cittadini alle decisioni politiche che le istituzioni intendono prendere per risolverlo. L’emergenza sarà sempre più grave ed incontrollabile se ciò non accadrà, definendo nuove aree di crisi nelle aree periferiche e aumentando sempre più la sfiducia nella politica e nelle istituzioni. Dai giornali e dal Comunicato stampa della Provincia abbiamo saputo che lunedì si discuterà del piano provinciale rifiuti in Consiglio Provinciale. Continua a leggere

Alife(Ce)- Venerdi 8 Febbraio Grande Evento Musicale al “Tabù Music Pub Pizzeria” di Gianni Carlone, sito in via provinciale per Piedimonte. Il Grande Blues con la band casertana:  “BLUEMAFFIA”. Special Guest: “Rocco Di Maiolo” ed il suo Sax. Per info: 3890823089- 3294726939.(Cliccare su locandina per ingrandire immagine)

Di seguito riportiamo alcune notizie tratte dalla biografia dell’Artista napoletano “Rocco di Maiolo”.  Rocco Di Maiolo nasce a Pomigliano D’Arco (Na), il 3 Dicembre del 1979. All’età di otto anni, quando in televisione riscuoteva molto successo il programma di Renzo Arbore “Indietro Tutta”, conquistato dal suono del clarinetto, decide di imparare a suonarlo; ma appena un anno dopo ad attrarlo è il suono vibrante e potente del saxofono Continua a leggere

CAMPANIA – E’ scattata nella notte di sabato scorso, in Campania, l’operazione di contrasto all’evasione fiscale “Un ballo in maschera” con l’impiego di 110 funzionari dell’Agenzia delle Entrate e di 40 ispettori della Siae (Società Italiana Autori ed Editori).  I controlli hanno riguardato 23 locali in tutta la regione tra discoteche e sale da ballo delle province di Napoli (10), Avellino (3), Salerno (5), Caserta (3) e Benevento (2). Per tutta la notte sono state presidiate le casse dei locali controllati e, in alcuni casi, sono stati riscontrati introiti superiori del 500% rispetto agli incassi registrati nelle serate delle settimane precedenti. Sono state anche rilevate irregolarità nella tenuta delle scritture contabili, mancate emissioni di scontrini fiscali, corrispettivi non registrati e omissione nella registrazione dei corrispettivi.  Inoltre sono stati identificati due evasori totali; in particolare, un organizzatore di serate danzanti “tutto compreso”, dal personale necessario al successo della manifestazione alle strutture a disposizione (ristorante, bar e discoteca), ma tutto – ovviamente – rigorosamente “in nero”. Continua a leggere

E il commissario  De Gennaro continua ad aprire solo discariche…

“Il prefetto De Gennaro, insiste a parlare di discariche vecchie e nuove da riaprire, ripercorrendo gli stessi errori di chi lo ha preceduto nel corso di questi quattordici anni”. È quanto dichiara il Consigliere comunale di Alleanza Nazionale, Vincenzo MORETTO, a proposito della volontà dell’ex Capo della Polizia di riaprire discariche i cui territori hanno già dato molto. “La scelta” – sottolinea il consigliere Moretto – “non è tra la discarica a Pianura o a Giugliano, a Montesarchio o a Ariano Irpino. Qui il problema è che in Campania non si devono neanche lontanamente ipotizzare più discariche piccole o grandi che siano. La città di Napoli, presa fra la discarica di Pianura da una lato e il sito di trasferenza che si vuole aprire all’interno della ex Manifattura Tabacchi di Via E. Gianturco (quartiere Poggioreale, già pieno zeppo di una vasca di decantazione delle urine provenienti dai treni di tutt’Italia, dalla centrale di Vigliena e dalle ecoballe, Continua a leggere

Napoli- Sabato 26 gennaio alle ore 15 si è insediato, in piazza del Gesù , il presidio di controinformazione permanente per l’emergenza rifiuti urbani in Campania, aggravata, o forse alleviata, dall’emergenza rifiuti parlamentari nazionale. (Le foto pubblicate in questo articolo sono tratte dal reportage fotografico: Manifestazione nazionale contro i rifiuti a Napoli. Autore Andrea Pioltini fotoreporter) Due stand, il primo, a ridosso del liceo Genovesi , a cura del comitato dei disoccupati, i veri protagonisti di questa incresciosa farsa perdurante ormai da quindici anni e che ha visto lo sperpero di milioni e milioni di euro sottratti alla loro fisiologica destinazione di legittima remunerazione del netturbino, per finire nelle tasche della corruttela politico imprenditoriale mafiosa che, sotto l’ alibi della privatizzazione della gestione del ciclo rifiuti, punta alla produzione di grosse quantità di rifiuto residuo finale, per giustificare le scelte dei mega inceneritori. Gli aspiranti operatori ecologici autonomamente documentatisi , da qualche tempo, con impegno, sulla problematica dei rifiuti, hanno allestito sul tema una interessante documentazione in mostra. Un secondo gazebo è stato posto sotto la cittadella di s.Chiara, a cura della rete campana salute e ambiente allargata a tutte le associazioni, i sindacati di base, i centri sociali, i comitati cittadini, le assise e quant’altro presente sabato 19 gennaio all’assemblea cittadina di palazzo Orsini-Gravina e che da questo momento chiameremo con l’assunto comune di: “RETE RIFIUTI ZERO”. Continua a leggere

NAPOLI - Incontro: “Ma l’arte può risollevare Napoli?”  con Nicoa Spinosa,  Soprintendente ai Beni Artistici  di Napoli. Si terrà giovedì 31 Gennaio prossimo presso la Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale – Via Petrarca 115, alle ore 17,30. La manifestazione, curata dalla Dott.ssa Monica Coretti, si tiene nell’ambito delle attività della Scuola di Alta Formazione di  Arte e Teologia ed è il primo appuntamento del ciclo degli incontri con protagonististi dell’arte che si terranno a cadenza mensile presso la Facoltà. Continua a leggere

Napoli- Invito alla 2^ Giornata Nazionale delle Disabilità Gravi e Gravissime. In occasione della seconda giornata Nazionale delle disabilità gravi e gravissime, si terrà un incontro dibattito dal titolo: “Il Mondo del Silenzio“. L’iniziativa si terrà il 2 febbraio 2008 alla Sala Giunta Palazzo San Giacomo – Comune di Napoli P.zza Municipio 1 ore 11.30 A cura di: Coordinamento regionale handicappati Dott. G. Brembo 081 – 7879444 Comitato per il diritto all’assistenza “Cinzia Fico” Ing. M. Caldora 081-7626596 Con il patrocinio del Comune di Napoli – Assessorato alle Politiche Sociali Continua a leggere

Il Sindacato Polizia Nuova, di fronte alle carenze, diventate ormai croniche di uomini, mezzi, dotazioni, logistica e uomini delle Forze di Polizia e di fronte alle stesse identiche e croniche carenze che la Magistratura soffre, il cittadino sa e vede che l’apparato della sicurezza nazionale e locale, insieme a quello giudiziario, sono in pericolo perchè non riescono più a garantire le condizioni minimali di sicurezza utili a garantire la pace sociale. Il nuovo Codice di procedura penale stabilisce che, sempre e comunque, e Forze di Polizia sono agli ordini della Magistratura in tutto e per tutto, eccezion fatta per l’Ordine Pubblico; allora, viste le carenze diventate oramai croniche ed irreversibili, l’unica soluzione per garantire quelle condizioni minimali di sicurezza per il cittadino è quella di unificare le strutture per potere garantire quel minimo di sicurezza. Tutto questo deve essere, però, preceduto, da una revisione generale del sistema Italia che vede troppi e pochi soggetti ricchissimi, come i parlamentari, e troppi poveri rappresentati dal cittadino comune costretto a lavorare per mantenere un sistema feudale composto da circa 20.000 famiglie. Visto che tutto gira intorno al cittadino comune, cioè colui che deve essere difeso e tutelato, serve che, a cominciare dal Parlamento, SI ABBATTANO QUESTI ORMAI DELETERI PRIVILEGI e vengano dimezzati gli stipendi dei parlamentari, Continua a leggere

Pubblichiamo i dati di contaminazione da diossine, furani, PCB e metalli pesanti emersi dalle analisi tossicologiche su contaminazione ambientale condotte, a spese proprie, da cinque abitanti del Triangolo della Morte, resi noti nella conferenza stampa tenutasi ad ad Acerra il 19 gennaio presso la Biblioteca Diocesana. Tali dati, insieme a quelli delle rilevazioni sulla famiglia di pastori dei Cannavacciuolo, forniscono una prima allarmante idea dell’emergenza campana in tema di rifiuti tossici. ( A cura di Vittorio Moccia, Peacelink)

Acerra(Napoli) Marfella ed altri-A questa conferenza volevamo esserci. Ci pareva un dovere di cittadini campani oltre che di volontari dell’informazione capire l’entità del problema, rendersi conto dei livelli di pressione ambientale generati dalla criminale ed incosciente azione di uomini corrotti, i quali, grazie all’appoggio del “sistema” campano, hanno sfiancato fino alla dissoluzione un territorio di pregiatissimo valore agricolo, con conseguenze imprevedibili e disastrose per le popolazioni che sulla catena alimentare di quel terreno ci vivono. Oltre 2500 discariche tra legali ed illegali, queste ultime zeppe di rifiuti tossico-industriali, sparse sul territorio, con enormi concentrazioni nelle zone del Triangolo della Morte (Acerra, Nola, Marigliano) e della Terra dei Fuochi (Giugliano, Qualiano, Villaricca) lungo le direttrici delle statali su cui confluiscono i gommati della camorra; 2500 discariche di rifiuti presenti da anni; la Campania pattumiera de rifiuti industriali del nord Italia; sversamenti che continuano indisturbati nell’immobilismo decennale di una classe politica inadempiente ed incapace, Continua a leggere

Italia- “Speciale Emergenza rifiuti Campania”  Inchieste su rifiuti e camorra- Pubblichiamo un articolo di Michelangiolo Bolognini (Medicina democratica) che ripercorre le vicende campane evidenziando quali siano state le scelte capestro, politiche ed affaristiche, che hanno condotto ai disatri attuali. La vera emergenza rifiuti in Campania – si scrive – è dovuta alla presenza di un sistema camorristico di Stato, che si avvale, per funzionare “ordinariamente”, di uno stato di emergenza permanente (Foto in alto: ” lo striscione portato dai comitati emergenza rifiuti  sul quale si legge lo slogan tratto dalla canzone di protesta ambientalista: “Fermate il Mostro” di Agnese Ginocchio. Manifestazione contro rifiuti Napoli. Autore foto: Andrea Pioltini, fotoreporter)

Il 9 marzo 2005 la Commissione bicamerale d’inchiesta sul ciclo dei rifiuti procedeva all’audizione dei piú importanti gruppi bancari italiani, Capitalia, Banca Intesa, San Paolo Imi e Gruppo Unicredito Italiano[1], preoccupati per i loro finanziamenti alle società Fibe e Fibe Campania del gruppo Impregilo, allora controllato da Cesare Romiti, facente parte del “salotto buono” della finanza, editore del maggior quotidiano italiano. Le banche avevano voglia di smarcarsi: si erano esposte per decine e decine di milioni di euro finanziando con la massima leggerezza Fibe e Impresilo. La relazione della Commissione afferma infatti: «non è chiaro come gli istituti bancari possano aver pensato, nel momento in cui fornivano i finanziamenti, di essere in condizioni di “normalità”, come espressamente affermato, posto che l’emergenza campana era pluriennale e nota a tutti; considerato, peraltro, che vi era piena consapevolezza del fatto che tale sistema, come proposto da Fibe, era “certamente pionieristico”, “il primo in Italia di queste dimensioni”»[2].  Il sistema a cui si riferisce la Commissione è la messa in atto, in modo generalizzato e “dogmatico” nella regione Campania, commissariata da oltre tredici anni, del cosiddetto «ciclo integrato dei rifiuti», assai propagandato dall’associazione ambientalista “parastatale” Legambiente e fatto proprio dalla quasi totalità delle forze politiche italiane.  Continua a leggere

Napoli- L’intervento ( articolo di Sergio Cimino) -(Foto a dx Manifestazione contro i rifiuti Napoli. Autore: Andrea Pioltini, fotoreporter) “Con nessun popolo però stringono trattati, quali gli altri popoli fanno, disfanno e rifanno. A che pro infatti i trattati, dicono essi, come se la natura  non unisca abbastanza gli uomini gli uni con gli altri ? Se c’è chi non fa nessun conto della natura, si può credere che si curerà di parole?“Chissà se Tommaso Moro, nel riportare la descrizione che viene fatta da Raffaele Itlodeo dell’isola di Utopia, poteva immaginare che questo brano, tratto appunto dalla sua opera principale, potesse assumere in un futuro distante quasi mezzo millennio, un significato emblematico, nella questione sempre più prioritaria, del rapporto dell’uomo con l’ambiente. L’evoluzione del pensiero umano ha attraversato diversi stadi. Le religioni, le ideologie, le “morali”, hanno sempre avuto come risultato tangibile, aldilà di un discorso che entri nel merito di ciascuna, di portare a delle divisioni, ad una partecipazione o ad un rifiuto di esse. L’eco delle parole di Moro, filtrato attraverso la luce di questa constatazione, ci induce dunque a ritenere ancora più insensato, il modo in cui viene affrontata a livello politico, economico e culturale, l’esigenza di rendere compatibile l’attività dell’uomo con la vita del pianeta.  Continua a leggere

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 189 follower