CASERTA – “Mentre a livello regionale e provinciale si discute di delocalizzazione delle attività estrattive e qualcuno dei cementieri e cavaioli già guarda alle aree di estrazione come luogo di speculazione, lo stabilimento Moccia del gruppo Buzzi continua a spargere polveri sottili sull’area di San Clemente e parco Cerasole”. È quanto sostiene Pasquale Costagliola( nella foto sopra il primo a dx) , Presidente dell’ Associazione “Terra Nostra“, da sempre in prima linea in difesa dell’ambiente e contro ogni disastro ecologico ed ambientale. “Le emissioni dell’opificio” – prosegue – “stanno tracimando rispetto ai limiti degli anni precedenti, producendo una polvere particolarmente dannosa per case, auto e quant’altro si trovi in prossimità dello stabilimento, uomini compresi Continua a leggere