giorgio-napolitano-e parisellaROMA- Il 25 APRILE FESTA DELLA LIBERAZIONE E DELLA RESISTENZA ITALIANA presso Il MUSEO STORICO DELLA LIBERAZIONE in VIA TASSO: LUOGO SIMBOLO (altro…)

Teano(Ce)- Il 30 novembre 2010 alle ore 16,00 una delegazione del Comitato pro Teano, insieme con il sindaco Raffaele Picierno e l’assessora Rosaria Pentella, sarà ricevuta dalla Presidenza della Repubblica nella sede del Quirinale a Roma. Al centro dell’incontro saranno i contenuti e gli obiettivi della Carta di Teano – di cui alleghiamo la versione definitiva con una scheda sui sindaci che sono stati protagonisti dell’evento. La presentazione della Carta di Teano al Continua a leggere

Il francobollo emesso da Poste Italiane per il completamento della linea veloce Torino-Salerno

Roma- Presentato oggi al Presidente Giorgio Napolitano, il francobollo emesso da Poste Italiane che celebra il completamento della linea ferroviaria ad Alta Velocità Torino-Salerno. Alla cerimonia, Continua a leggere

Villetta Barrea(Aq)– di Daniele Palazzo) Ancora in grande evidenza la figura di un uomo vero che, di fronte all’ arrogante strapotere di quanti, ahi loro, si illudono di poter disporre della vita e della morte di tutti e di ciascuno, non ha voluto abbassare la testa, venendo punito propro per questo suo porsi conto ogni genere di violenza, specie se di stampo mafioso. A ben sedici anni dalla tragica morte dell’ amato sacerdote anti-clan, gli ideali e l’incomiabile modus vivendi di Don Peppino Diana (nella foto) sono più vivi che mai. E quexto grazie all’amore e al rispetto che gli hanno sempre portato i suoi, amici, i suoi estimatori e i suoi fratelli in Cristo, che,grazie al Cielo, sono molto più numerosi ed attenti dello sparuto gruppo di uccisori del suo corpo, ma non della sua anima pura e dei suoi innarrivabili ideali. Continua a leggere

Doppio appello del Presidente Napolitano e del Papa in occasione della Giornata mondiale del migrante e del rifugiato. Il Capo dello Stato: “E’ importante che i minori migranti siano sottratti al rischio di cadere vittime di organizzazioni criminali e di vivere in contesti degradati dove la legge non vale”

Roma – Dopo i fatti di Rosarno i riflettori sono tornati ad accendersi sul fenomeno dell’immigrazione in occasione della Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato, dedicata quest’anno a “il minore Migrante e Rifugiato, una speranza per il futuro“. Sia il Papa sia il Capo dello Stato hanno fatto sentire la loro voce auspicando un miglioramento delle condizioni di vita degli stranieri che arrivano nel nostro Paese, con un’attenzione particolare ai piccoli immigrati: 862.453 i residenti e 6587 quelli giunti solo nel corso del 2009. Continua a leggere

Caserta – «Sconcertante». Così i sindaci dei tre Comuni campani rimossi dal ministro dell’ Interno per inadempienze nella gestione dei rifiuti definiscono il provvedimento che ha decapitato le amministrazioni di Maddaloni, Casal di Principe e Castel Volturno, tutti e tre in provincia di Caserta. È stato il sottosegretario all’emergenza rifiuti in Campania, Guido Bertolaso, a stilare una lista nera dei Comuni inadempienti – nella quale c’erano anche grandi centri come Aversa e Giugliano – ma l’ultima parola è spettata al ministro dell’Interno, Roberto Maroni. La rimozione dei sindaci è stata disposta per le «gravi e reiterate inadempienze nel settore della gestione dei rifiuti, tali da esporre a concreto e grave pericolo la salute dei cittadini e pregiudicare la salubrità dell’ambiente». I relativi decreti sono stati firmati ieri dal Presidente della Repubblica. Continua a leggere

Grasso: verificare ipotesi su strage. Il fratello: Palermo ha tradito Paolo. Napolitano: un eroe in difesa dello Stato

ROMA (19 luglio) – Il presidente della Repubblica lo ha ricordato come un eroe in difesa dello Stato, per Schifani è un eroe della legalità e per Fini un perenne simbolo di eorismo, ma non sono mancati momenti di tensione questa mattina in via D’Amelio a Palermo, durante la commemorazione per ricordare il giudice Paolo Borsellino morto il 19 luglio del 1992 con cinque agenti della scorta. Continua a leggere

Su sollecitazione del Direttore del “Centro nazionale per la Pace e la Nonviolenza” di Viterbo prof. Peppe Sini, Agnese Ginocchio scrive al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano per chiedere di non firmare la legge del 2 luglio 2009 Decreto DDL – Pacchetto sicurezza. Di seguito si riporta il messaggio inviato al Presidente della Repubblica in data 11 Luglio 2009, già pubblicato in data odierna sulla pagina del foglio-giornale telematico: “La Nonviolenza é in cammino” ed inviato alla mailing list nazionale della rete del Movimento.(Clicca quì per visualizzare la pagina)

(di Agnese Ginocchio) Rispettabilissimo Presidente della Repubblica “Giorgio NapolitanoContinuo a domandarmi: Dove stiamo andando?!?! Dose sta andando l’ Italia, dove sta andando l’uomo?!?!? Siamo tutti CLANDESTINI, Siamo tutti migranti, siamo cittadini del MONDO… Il 2 luglio 2009 è stata votata una legge che rompe l’unità della famiglia umana e ne offende la dignità. Dove stiamo andando?!? Con il “pacchetto sicurezza” si vuole che centinaia di migliaia di donne, uomini e bambini vivano in clandestinità e vivano sempre peggio. Continua a leggere

gen-castagnetti-fabrizio-capo-smeCASERTA – (di Nunzio De Pinto) Oggi, con inizio alle ore 10.30, presso il Comando della Brigata Granatieri in Roma, alla presenza del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, l’Esercito Italiano celebrerà il proprio anniversario. Il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Fabrizio Castagnetti (nella foto),indirizzerà un saluto agli uomini ed alle donne della Forza Armata che continuano a dimostrare, in un momento di necessaria trasformazione una grande capacità di adattamento ed una ancor maggiore efficienza. Le sempre più pressanti istanze di sicurezza interna ed esterna, hanno portato l’impegno della Forza armata a dei livelli mai toccati dalla fine del secondo conflitto mondiale. Esempi chiari di quest’impegno sono gli oltre 10.000 uomini dislocati tra Afghanistan, Libano, Kosovo e nelle operazioni “Strade Sicure” e “Strade Pulite”. Il tutto senza peraltro dimenticare gli uomini e le donne che, lontano dagli onori della cronaca, svolgono quotidianamente un prezioso lavoro per la formazione, la preparazione ed il sostegno delle unità schierate sul terreno. Continua a leggere

Piedimonte Matese(Ce)- (di Pietro Rossi) L’Ufficio Onorificenze e Araldica presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri ha comunicato all’Ente che il 14 Luglio il Decreto di concessione della bandiera della Città di Piedimonte Matese è stato firmato dal Presidente del Consiglio dei Ministri, Silvio Berlusconi, che per legge propone al Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il decreto stesso che dal 29 dello stesso mese giace sulla scrivania presidenziale per la prescritta firma. Il modello prescelto, tra i quattro proposti dall’Ufficio romano, è stato passato al vaglio della volontà popolare che, tra il 12 ed il 23 Maggio scorso nel corso di un sondaggio popolare fortemente voluto dall’Amministrazione Comunale, ha indicato il più semplice tra essi, dalla dicitura araldica ‘drappo di bianco’ Continua a leggere

Piedimonte Matese(Ce)-( di Pietro Rossi)A chiusura del Consiglio Comunale del 1 Agosto u. s., l’Assessore all’Urbanistica e all’Edilizia Pubblica e Privata, Dott. Attilio Costarella, prendendo la parola, ha comunicato ufficialmente a tutti i Consiglieri Comunali e al pubblico presenti in Aula di aver ricevuto comunicazione verbale dal Segretario Generale dell’Ufficio Onorificenze e Araldica in Roma a riguardo della graditissima e attesa circostanza che il Presidente della Repubblica, On. Giorgio Napolitano, con proprio Decreto datato 14 Luglio 2008, controfirmato dal Presidente del Consiglio dei Ministri, On. Silvio Berlusconi, ha concesso l’invocata bandiera alla Città di Piedimonte Matese. L’Amministrazione Comunale, retta dal Sindaco Avv. Vincenzo Cappello, conclude in questo modo un ciclo virtuoso iniziato nel lontano 2003 allorchè la Città stessa ottenne, grazie agli studi originali condotti dall’allora Consigliere delegato Dott. Attilio Costarella, il Decreto del Capo dello Stato Carlo Azeglio Ciampi, di ‘sostituzione’ dello stemma civico e di ‘concessione’ del gonfalone comunale. “Affiora la consapevolezza”, ha dichiarato l’Assessore Costarella in Consiglio, “di aver normato una materia ostica, dagli indubbi risvolti pratici, e non di poco conto, ove si consideri la gran confusione che regnava sovrana negli uffici comunali a proposito della impresa civica e dello stesso gonfalone, di cui non si possedeva, almeno fino al Decreto Ciampi, legale titolo di concessione”. Per ottenere questo formidabile risultato, la Giunta Comunale, Continua a leggere

MILANO – Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, in occasione delle manifestazioni per il 28esimo anniversario della strage di Bologna, ha inviato oggi un messaggio al presidente dell’associazione delle vittime della strage in cui morirono 85 persone e ne vennero ferite altre 200, in cui sottolinea la necessità di “coltivare un dovere della memoria”.  Alla manifestazione di oggi a Bologna per il governo partecipa il ministro per l’Attuazione del Programma Gianfranco Rotondi, che ha dichiarato che il governo “è impegnato ad affiancare al tavolo tecnico, un tavolo politico istituzionale” per l’individuazione dei mandati della bomba che esplose alla stazione di Bologna il 2 agosto 1980. “Occorre coltivare un dovere della memoria Continua a leggere

CASERTA – (di Nunzio De Pinto) Non ha voluto mancare all’appuntamento con i suoi bersaglieri che, a Pordenone, hanno festeggiato il loro 56° raduno nazionale. Il Generale Vincenzo Iannuccelli, comandante della Brigata Bersaglieri “Garibaldi” con sede a Caserta, da pochi giorni ha sostituito il Generale Paolo Ruggiero, comandante della Brigata “Ariete”, nelle cui fila annovera l’11° Reggimento bersaglieri che è tornato dal Libano proprio venerdì scorso. Erano in centomila i bersaglieri in servizio ed in congedo che con le loro famiglie hanno invaso pacificamente Pordenone nel corso del fine settimana, per la conclusione del 56/mo raduno nazionale. Presenti anche 15 bersaglieri che sono giunti a Pordenone pedalando per mille km. da Bari Continua a leggere

CASERTA – (di Nunzio De Pinto) Il Ministro della Guerra e della Marina, del governo Cavour, senatore e capo di Stato Maggiore, Manfredo Fanti (1806-1865), il 4 maggio 1861 sciolse il Regio Esercito e costituì a Torino, l’Esercito Italiano. Fanti è uno di quei personaggi risorgimentali come pochi, partecipa alla spedizione dei Mille, si distingue nelle lotte contro i borbonici avendo un ruolo di spicco nella battaglia di Gaeta, diventa prima Generale d’Armata e viene insignito della medaglia d’oro al valor. Passerà alla storia anche per la sua forte opposizione ad arruolare nello stesso Esercito Italiano i circa 7000 Ufficiali dell’Esercito Meridionale di Garibaldi, con la conservazione del grado acquisito con quel comando Continua a leggere

Lutto Italiano. MORTI BIANCHE tragedie ingiuste sul lavoro. Il coordinamento redazionale del portale “Alto Casertano-Matesino & d” esprime il proprio cordoglio, vicinanza e solidarietà ai familiari delle 5 vittime della tragedia consumatasi in data 3 Marzo nella ditta Truck Center di Molfetta e chiede al governo di attuare tempestivamente  decreto legislativo sulla base della recente legge sulla sicurezza e sul lavoro. BASTA MORTI BIANCHE e TRAGEDIE sul LAVORO. SI a DIRITTI, SICUREZZA, LIBERTA’ e LAVORO sicuro per TUTTI!!!

Molfetta(Bari)- Michele Tasca, 20 anni, si è spento questa mattina all’alba per le gravi lesioni ai polmoni causate dalle esalazioni di acido solforico. Ieri deceduti quattro suoi colleghi. La tragedia durante le operazioni di lavaggio di un’autocisterna contenente zolfo. Cgil, Cisl e Uil: ”Urgente il testo unico per la sicurezza sui posti di lavoro”

Bari, 4 mar. – (Adnkronos/Ign) – Michele Tasca, il quinto operaio rimasto intossicato ieri pomeriggio a Molfetta durante le operazioni di lavaggio di un’autocisterna contenente zolfo, non ce l’ha fatta. Il giovane, 20 anni, si è spento verso le 5.30 di questa mattina nel reparto di rianimazione dell’Ospedale di Monopoli, in provincia di Bari, per le gravi lesioni ai polmoni causate dalle esalazioni di acido solforico, come riferito da fonti mediche.  Michele era stato tra i primi, forse il secondo, a gettarsi per salvare il collega, Guglielmo Mangano, di Andria, incaricato di pulire la cisterna. Dopo di lui sono entrati nella cisterna anche Luigi Farinola, Biagio Sciancalepore e il titolare della Truck Center, Vincenzo Altomare, trovando tutti la morte per le letali esalazioni. Le loro salme si trovano ora al cimitero di Molfetta. Continua a leggere