Caserta – “Viviamo con sempre più mortificata sofferenza – scrive in una nota Pasquale Sarnelli – il negato onore e il diritto di dare alla nostra università casertana il nome di “Università Di Caserta.” Viviamo, altresì, con rabbia e rancore, la mancata presenza del Rettorato a Caserta, questo previsto da norma di legge: art. 1 DPR 29 aprile 92. Abbiamo sempre avuto chiara, per la prima vertenza, le difficoltà di una “lotta” molto “politica” perché attraversata da scelte in mano a poteri forti, alle baronie, ad interessi professionali ed a maldedotte ragioni di opportunità. Ma questa seconda Continua a leggere

Caserta- Il dibattito sul ciclo integrato dei rifiuti improvvisamente s’infiamma tra i decisori politici di Caserta e Provincia. Nel corso di una iniziativa promossa dalla Camera di Commercio “VIII giornata dell’economia”, il presidente della Provincia on. Zinzi ha ribadito che Caserta venga inserita nel programma di finanziamenti, per la realizzazione di un termovalorizzatore da costruirsi non molto distante dallo Stir l’ex CDR di Santa Maria Capua Vetere. Ma la chicca è rappresentata da fatto che la cosa viene sposata e rilanciata dal sindaco di Caserta Petteruti, che rivendica con “orgoglio” la paternità del progetto: Continua a leggere

FEDERAZIONE PROVINCIALE DI CASERTA SEL: tra congressi continui e crisi amministrative non si va da nessuna parte

Caserta-  “Il PD va all’ennesimo congresso, la PDL affila le armi e non consente a Zinzi di varare la sua giunta provinciale. Così va in scena l’ulteriore manifestazione della più grande e grave crisi politica ed etica che si sia mai vista, che fa il paio con la crisi nazionale, dove un ministro si dimette dichiarando: “Ora potrò difendermi” mentre il suo capo, pare, non ha bisogno mai di difendersi. Continua a leggere

Al Sindaco di Caserta Io sottoscritto On. Riccardo Ventre consigliere di questo comune premesso

• che sussiste una fondata ipotesi di soppressione dell’ES 9350 che parte da Caserta alle ore 8.39;

• che ciò recherebbe , se realizzato un danno gravissimo alle centinaia di persone che utilizzano tale treno per raggiungere la capitale ;

• che tale decisione si appalesa quindi fortemente penalizzante per i cittadini casertani ;

tutto ciò premesso

il sottoscritto consigliere comunale chiede di conoscere quali iniziative intende la S.V. porre in essere per evitare un’ ulteriore rapina ai danni di Caserta; Continua a leggere

Caserta- (del dott. Giuseppe Messina) E’ tempo di parlare di Caserta e delle tante occasioni create e poi cancellate. E’  tempo di parlare della località Lo Uttaro e di quello che doveva essere, per chi aveva una certa visione dello sviluppo del territorio e di come è stata trasformata da chi faceva finta di avere un’altra visione dimostrando, invece, di navigare a vista e di procurare solo danni al futuro di questo disgraziato territorio. Nell’ idea di pochi illuminati personaggi locali e nella capacità operativa dell’ amministrazione creata da Alleanza per Caserta Nuova dal 1993 al 1997, c’ era quella di fare di Lo Uttaro il nuovo centro propulsore di attività industriali legate, da una parte, al territorio e alla sua economia (leggi mattatoio comunale e foro boario) e, dall’ altra, allo sviluppo, al mantenimento, ampliamento e sviluppo di attività immateriali quali l’ elettronica e il software (leggi EDS). Diciamo subito, a scanso di equivoci, che questa visione non apparteneva all’ allora assessore Petteruti, oggi sindaco di Caserta. I fatti successivi ne sono una prova inequivocabile. E’  tempo di parlare allora del mattatoio comunale. Con numerosi prestiti presso la Cassa Depositi e Prestiti il comune di Caserta, già nel 1991, aveva programmato la costruzione del nuovo mattatoio destinando a biblioteca comunale il vecchio macello comunale di via Laviano. Con l’ amministrazione a guida del prof. Bulzoni, con precisi interventi dell’ allora assessore Messina e la collaborazione di eccellenti veterinari della ASL Caserta, la struttura ebbe un nuovo impulso e una riqualificazione funzionale attraverso: la realizzazione del foro boario, un punto banca, la macellazione con il rito musulmano, impianto di depurazione, ecc. La struttura ebbe pure il riconoscimento quale impianto di macellazione a Bollo CEE. Presso tali impianti, infatti, è consentito svolgere tutte le operazioni di macellazione, senza alcun limite produttivo né commerciale. Per l’apertura di questo stabilimento fu richiesto e ottenuto il riconoscimento comunitario per impianto di macellazione, ai sensi del DL.vo 286/94, art. 13. Tradotto in parole semplici, significava che il mattatoio di Caserta era l’ unico autorizzato in tutta la regione Campania a macellare gli animali, a conservare le carni nelle numerose e ampie celle frigorifere, a sviluppare una filiera in un settore assai delicato per l’ alimentazione umana e un’ apertura al mercato dei consumatori extracomunitari di religione musulmana che solo nella provincia di Caserta erano all’ epoca almeno 10.000 persone. Continua a leggere

Caserta- (Del prof. Franco Ortolani Ordinario di Geologia, Università di Napoli Federico II) I mass media hanno reso noto che il 4 agosto 2009 è stato sottoscritto a Napoli l’accordo operativo tra Comune di Caserta e Ministero dell’Ambiente concernente gli interventi di bonifica e ripristino ambientale per le aree di discarica, stoccaggio e trasferenza esistenti in località Lo Uttaro che prevede l’erogazione di 10 milioni di euro in quattro anni. Continua a leggere

ILL. ING. NICODEMO PETTERUTI SINDACO DELLA CITTA’ DI CASERTA. ILL. AVV. ARTURO DI PALO PRESIDENTE CONSIGLIO COMUNALE DI CASERTA

Prot. n. 149/09 Caserta, 16 giugno 2009

Oggetto: Proposta di conferimento della cittadinanza onoraria/emerita della Città di Caserta al Vescovo Raffaele Nogaro

Dopo quasi venti anni di attiva presenza pastorale a Caserta mons. Raffaele Nogaro (nella foto)  chiude il Suo mandato di Vescovo della nostra Diocesi. Esso passa al successore designato dalla Santa Sede, mons. Pietro Farina, il cui prossimo arrivo in Diocesi ci riempie di gioia, perché è figlio della nostra terra e già ha operato tra noi e con noi, testimoniandoci la Sua benevolenza. Continua a leggere

Casagiove(Ce)- (di Roberto Corsale) Di certo apprezzabile è la missiva scritta dal nostro primo cittadino per spiegare e chiedere la risoluzione delle problematiche legate a Via Passionisti, sullo stato di degrado e di abbandono che non da ieri, però, attanagliano la zona. C’è da dire intanto, a mio avviso, che il problema vero che riscuote maggiore interesse per i cittadini di Casagiove è quello legato alle migliaia di autoveicoli che quotidianamente attraversano il centro della Città per via del senso unico di Via Passionisti. Numerose volte, il sottoscritto ha segnalato l’urgenza di richiedere l’apertura del doppio senso di circolazione dell’arteria per decongestionare il traffico su Via Lazio, Piazza Vanvitelli, Viale Europa, Via San Francesco e Via Torrino. Se venisse riaperto il doppio senso di circolazione su Via Passionisti, eliminato nel 2001 per oscuri motivi, tutta la zona predetta avrebbe un sollievo per diversi ed evidenti ragioni. Continua a leggere

save-e-comune-10-3-2009-006Caserta-Riscriviamo il futuro” Campagna internazionale dell’Ass. Save the Children. Le foto si riferiscono alla Cerimomia di consegna dsave-e-comune-10-3-2009-007ella MATITA simbolo della campagna di Riscriviamo il Futuro. La volontaria referente dell’Ass. Save The Children di Caserta Sign.ra Linda Iannone consegna il Matitone al sindaco Petteruti. Presenti l’ass  Giuseppe Casella ed il Presidente del Consiglio comunale Arturo Di Palo. Continua a leggere

Coordinamento Circoli Territoriali Area del “Basso Volturno” Cancello Arnone – Castelvolturno- Grazzanise – Santa Maria la FossaMeno male che c’è Obama !!!Tempi duri per il Partito Democratico e per il Centro Sinistra in generale.

Grazzanise(Ce)- (da Coordinamento AN Raimondo Antonio)Martedi scorso, la trasmissione di raitre “Ballarò” ha diffuso l’esito di un sondaggio della “IPSOS Public Affairs”; il primo quesito posto , mirava a conoscere l’intenzione di voto degli intervistati, i risultati sono stati molto deludenti per il Centro Sinistra.  Il Popolo della Libertà si attesta al 38.2 % (+ 0.8 %), la Lega Nord al 11.2 % (+ 2.9 %), Partito Democratico 25.0 % (- 8.0 %), , l’ Italia dei Valori al 9.5 % (+ 5.1 %), tirando le somme la coalizione del Centro Destra ( PDL + LN) si attesta al 49.4 % (+ 2.6 %), mentre il Centro Sinistra ( PD e IDV) al 34.5 % (- 3.05 %). Quindi ad oggi il vantaggio del Centro Destra si è allungato ulteriormente, raggiungendo un distacco di circa 15 punti. Un disastro! Continua a leggere

CASERTA – (di Anna Giordano) Fronte comune di Amnesty International,  L.I.D.U. e Pax Christi sulla dignità della persona. Se ne è parlato e discusso nell’interessante “Convegno per i Diritti Umani” in occasione del 60° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani e della Costituzione, mercoledì 26 novembre 2008, nell’aula magna della Seconda Università degli Studi di Napoli a Caserta, organizzato in rete dalle tre associazioni. “Catalogo dei diritti e dei valori” così il preside della facoltà di Giurisprudenza della SUN, Lorenzo Chieffi, ha definito la Dichiarazione dei Diritti e la nostra Costituzione. “Sessanta anni densi di cambiamenti e delle tante problematiche connesse al progresso scientifico e tecnologico, ha precisato, ma che non hanno affatto scalfito l’efficacia e l’attualità della Dichiarazione, testo al quale molte Costituzioni nazionali e anche il diritto internazionale si richiamano”. Diritti ovunque vilipesi e sacrificati sugli altari del profitto e di una malintesa globalizzazione. Lo ha chiaramente sottolineato nella sua introduzione il responsabile regionale della Lega Italiana dei Diritti dell’Uomo Corrado Caiola, coordinatore dell’incontro, ricordando come 26.000 bambini al giorno muoiano per fame nel mondo e avvertendo, tuttavia, che così come è giusto e doveroso guardare ai paesi sottosviluppati sia anche necessario guardare al vilipendio dei diritti e della dignità umana che sistematicamente avviene nel nostro paese: morti bianche, violenze, stragi del sabato sera, disfunzioni delle istituzioni…  Un parterre affollato di autorità, associazioni e privati, che ha fatto dell’aula magna non un’accademia ma un luogo nel quale si è discusso, operato e deciso in rete Continua a leggere

Caserta- (di Enzo Falco Verdi)Confcultura, struttura specifica di Confindustria ha presentato un piano strategico per il rilancio del turismo a Caserta e provincia; un piano da 63 milioni di euro che si basa su sette principali siti: Reggia di Caserta e Oasi di San Silvestro, Caserta vecchia, la Reggia di Carditello, Museo Campano capuano, l’anfiteatro di Santa Maria Capua Vetere, il Real Sito di San Leucio e Sant’Angelo in Formis. Ho già avuto modo, in passato, ad esempio sui rifiuti e sul piano proposto, di fare i complimenti a Confindustria Caserta. E li rinnovo volentieri, da “estremista ambientalista”, anche per le proposte e le sollecitazioni che fanno gli imprenditori, ovviamente dal loro punto di vista, ed è davvero abbastanza miserevole la polemica che si è sviluppata a margine (tra i deputati PD e Confindustria stessa e quella ancora più paradossale tra l’assessore Velardi ed Enzo Iodice). Continua a leggere

CASERTA – (di Salvatore Candalino) Assemblea generale mensile del Coordinamento Associazioni Casertane martedì 4 novembre. Le associazioni e i clubs coordinati in questo prossimo primo martedì del mese, come di consueto accade da anni, si riuniranno presso quella che è diventata la sede storica di questa singolare esperienza casertana, il Circolo Nazionale, dalle 18 alle 20,00, per mettere a fuoco i problemi emergenti della città sui quali sono impegnati da tempo. Dopo le comunicazioni della presidente Anna Giordano, che farà la sintesi del lavoro svolto da giugno a ottobre, in particolare la questione delle cave e i buoni risultati raggiunti di recente a livello regionale con il fermo della proroga ai cavaioli, in questo affiancando il Comitato Cave appositamente costituito, sarà affrontato il problema del Macrico, per il quale il Coordinamento congiuntamente al Comitato ex Macrico chiede che il progetto del sindaco Petteruti presentato alla Struttura di Missione sia riportato al rispetto del Parco dell’Unità d’Italia e non a pericolose e preventive cementificazioni. Continua a leggere

CASERTA – (Da Anna Giordano) Lunedì in Consiglio Provinciale la legittima denominazione della nostra Università. Il Coordinamento delle Associazioni Casertane aveva sollecitato Provincia e Comune per la giusta denominazione della nostra Università. Quello di Caserta che abbia sul suo territorio una Università che non è sua ma SUN è un caso unico in Italia e forse in qualunque altra parte del mondo. La Seconda Università di Napoli è ora che cambi la sua denominazione e non si chiami più SUN, ma Università di Caserta o, se si preferisce, di Terra di Lavoro o altro, ma non certo di Napoli. Caserta ha le carte in regola, a partire dalla sua storia e cultura, per avere una Università che non si chiami con il nome di un’altra città.  Su questo problema il Coordinamento delle Associazioni Casertane ha profuso da tempo molto del suo impegno. L’appello già dallo scorso anno era stato rivolto ai parlamentari di tutte le forze politiche, al presidente della Provincia e al sindaco di Caserta. Gli incontri con i parlamentari, a partire dall’on. Rosa Suppa Continua a leggere

LA SCUOLA A CENTROCAMPO Esperti ed operatori a convegno per analizzare dove stia andando il mondo scolastico italiano e provinciale

CASERTA- (di Raffaele Raimondo) – ” L’attuale situazione curricolare, organizzativa e funzionale delle scuole di ogni ordine e grado, in Italia e in Terra di Lavoro ” : questa la composita tematica su cui, venerdì 17 ottobre, alle ore 17, nella Sala “Sant’Agostino” (che si affaccia sul largo San Sebastiano in Caserta), si confronteranno esperti ed operatori per analizzare dove stia andando la Scuola italiana.
E’ evidente che l’iniziativa -promossa dal Cocevest e da Impegno Sociale col patrocinio del Comune di Caserta- intende andare “oltre” le manifestazioni di dissenso o di consenso che si susseguono, in Continua a leggere

Caserta-(di Nunzio De Pinto) “L’apertura d ella discarica in località San Tammaro non ci tranquillizza per nulla e non ci mette al riparo dall’eventuale apertura della cava Mastroianni”. È quanto ha affermato Pasquale COSTAGLIOLA, Presidente di Italia Nostra ed esponente del Comitato Emergenza Rifiuti (foto: autore Andrea Pioltini). Nel frattempo, secondo quanto denunziato dalla signora Maietta, il Capannone dell’ex Ucar continua ad essere utilizzato come sito di stoccaggio dei rifiuti solidi urbani nonostante non sussistono più i presupposti che giustificavano la scelta dell’amministrazione comunale. Il 7 gennaio scorso la giunta comunale, presieduta dal sindaco Petteruti, all’unanimità vota una delibera che consente l’utilizzo di un sito inquinato da rifiuti industriali di proprietà della Tecnocampus srl (Coppola-Tedeschi). Si tratta dell’ area industriale dismessa ex Graftech o ex Ucar dove si lavorava la grafite e dove si sono ammalati di cancro molti lavoratori che hanno aperto un contenzioso avverso ai proprietari dello stabilimento Continua a leggere

13 i latitanti camorristi arrestati e sequestrati beni per 117 milioni di euro nel 2007

CASERTA – (di Nunzio De Pinto) 194 anni e non dimostrarli assolutamente. È stato celebrato anche a Caserta, in piazza Ruggiero, il 194° anniversario della fondazione dell’Arma dei Carabinieri. Essi sono sempre stati nei cuori degli italiani così come il loro motto recita, anch’essi sono “Nei secoli fedeli”. La Festa dell’Arma dei Carabinieri costituisce certamente il momento culminante tra tutti quelli che annualmente scandiscono la vita ed i fasti dell’Istituzione. Si celebra la comune appartenenza, ci si riconosce nei simboli e nelle tradizioni custoditi per anni nella mente e nel cuore durante il percorso di una lunga carriera, o appena recepiti come propri per effetto di una scelta recente. I Carabinieri si ritrovano uniti nello stesso vincolo morale e sociale Continua a leggere

Caserta– (Franc. Silvestre)PER IL COMMISSARIAMENTO DEL COMUNE DI CASERTA. (Foto a sinistra: Comitato Emergenza rifiuti. Autore: Andrea Pioltini fotoreporter)- La politica ambientale a Caserta è un fallimento. Viviamo tuttora per periodi prolungati in mezzo a montagne di rifiuti, c’è sempre il rischio che il sistema si blocchi e che arriviamo a una nuova catastrofe. Questo dipende solo in parte dalla situazione regionale Continua a leggere

SAN NICOLA LA STRADA (Ce)- Mentre la Corte europea di giustizia del Lussemburgo ha condannato l’Italia per la tardiva, e quindi non corretta, applicazione della direttiva 1999/31, volta a prevenire le ripercussioni negative sull’ambiente derivanti dalle discariche di rifiuti, l’Avvocatura dello Stato, come se nulla fosse successo, chiede la riapertura della discarica de Lo Uttaro (foto 2 a dx). È forse questo uno dei primi sacrifici che il premier Silvio Berlusconi ha annunciato appena vinte le elezioni ? E’ un segnale assolutamente preoccupante che non tiene conto di due dispositivi (uno penale e l’altro civile) che hanno chiuso la discarica Lo Uttaro perché altamente inquinata, inquinante e velenosa Continua a leggere

Caserta– All’insegna delle Olimpiadi in programma a Pechino nell’agosto prossimo, con l’oro di Atlanta nel tiro a volo Ennio Falco ospite d’onore, la cerimonia per lo scambio delle consegne tra il presidente uscente del Panathlon Club ing. Nino Natale e il subentrante prof. Geppino Bonacci (nella foto, cliccare sopra per ingrandire). Un incontro particolarmente riuscito, nella sala convegni de Le Colonne, alla presenza di tantissimi ospiti tra cui il sindaco di Caserta Nicodemo Petteruti con l’assessore allo sport Ferdinando Piscitelli, il presidente del Coni Michele De Simone, il presidente della Federazione Pugilistica Italiana Franco Falcinelli accompagnato dall’olimpionico Angelo Musone, il consigliere della Federazione Italiana Tennistavolo Stefano Brignola, presidenti dei Panathlon Club della Campania e di numerosi club service di Caserta Continua a leggere

CASERTA -( di Nunzio De Pinto) Quando si parla dei dissidenti rispetto alla politica ambientale dell’amministrazione locale si deve fare i conti  a Caserta con un vero e proprio movimento popolare, svincolato da schematismi politici di sorta. “Su questo versante” – ha affermato Pasquale Costagliola ( nella foto a dx, insieme a Lorenzo Tessitore del ComEr), Presidente dell’associazione Terra Nostra – “a volte piovono accuse di integralismo e rivendicazionismo astratto ma la gente può oramai vedere dov’è l’avventurismo, l’improvvisazione, il nichilismo, il nullismo. Nelle stanze del potere non c’è trasparenza, non c’è serietà ma soprattutto non c’è logica. Si è alla frutta per quanto riguarda ogni questione” – aggiunge l’esponente ambientalista – “ma, soprattutto, per l’emergenza ambientale la catastrofe è incombente. Le soluzioni prospettate dalla classe politica assumono la caratteristica della farsa. La montagna ha partorito il classico topolino. Continua a leggere

CASERTA – L’Istituto Comprensivo Statale “A. Ruggiero” è stato scelto, per il Distretto di Caserta, quale sede di presentazione dell’Agenda della pace 2008.

Giovedì scorso 28 febbraio, la Dirigente Scolastica, Dott. Prof. Adele Vairo, i professori e soprattutto gli alunni hanno accolto il Vescovo e le autorità con calore ed entusiasmo. Le guerre dimenticate. I fili d’erba che soffrono è il tema dell’edizione del volume del 2008, su cui hanno discusso adulti e bambini nel dibattito presentato dal Dott. Elpidio di Caprio, Dirigente del Settore Tecnico Amministrativo Provinciale 09 di Caserta, che ha ringraziato la Dirigente per aver ospitato l’evento e tutte le autorità presenti: il Vescovo Mons. Nogaro, il Sindaco Dott. Ing. Nicodemo Petteruti, gli assessori Dott.ssa Adriana D’Amico, Dott. Giuseppe Casella e Dott. Arturo Gigliofiorito, il Provveditore Dott. Vincenzo Di Matteo e la Dott.ssa Angelica Romano, referente dell’Archivio Pace e Diritti Umani di Napoli, la cantautrice per la Pace Agnese Ginocchio. La Dirigente Scolastica, fortemente impegnata nella promozione delle tematiche della Legalità e della Cittadinanza attiva, Continua a leggere

NO alla ri-apertura de LO UTTARO. Riceviamo con urgenza e pubblichiamo immediatamente questa sconcertante ed allarmante notizia appena sopraggiunta da Lorenzo Tessitore del Comitato Emergenza Rifiuti casertano ( foto a dx autore Andrea Pioltini fotoreporter) , riguardante la probabile( sicura) apertura dlela megadiscarica Lo Uttaro, già dichiarata illegale, inquinante e pericolosa per la salute dei cittadini in quanto non presenta le norme di sicurezza in materia di discariche. Ciò é stato più volte dimostrato dalle  molteplici prove e relazioni presentate da autorevoli esperti( geologi, medici per l’ambiente, agrari) facenti parte dei comitati scientifici. Mobilitazione di protesta oggi a Caserta( 13 febbraio 2008)  ore 17.00 a piazza Dante

Il Commmissario De Gennaro ha ottenuto dalla procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere il dissequestro della discarica Lo Uttaro (nella foto a dx in alto i gabbiani che volano sull’immondizia accumulata..) al fine di verificarne la sua utilizzabilità per sversarvi altri rifiuti. Informazioni in corso di verifica parlano di altri 40.000 tonnellate di rifiuti da portare a Lo Uttaro. Urge una reazione immediata e forte della popolazione. Solo una mobilitazione consistente e decisa può far desistere il Commissario dal suo intento. Il rischio è che il Commissario voglia mettere le mani anche sull’attigua cava Mastroianni Continua a leggere

Caserta – L’emergenza rifiuti ha condotto il sindaco Petteruti ad ordinare la chiusura delle scuole. Si tratta di una misura straordinaria, che il Sindaco può assumere perchè ha il dovere di tutelare la salute pubblica. I cumuli di immondizia fanno temere il rischio di inquinamenti moderni, quale quello da diossina, ed anche epidemie dai nomi che credevamo dimenticati: sono di nuovo oggi possibili nella nostra città epidemie di tifo, colera, peste, epatite A. Il pericolo sanitario è stato paventato dall’ASL CE1, come espresso dallo stesso Sindaco Petteruti nel comunicato riguardante la chiusura. Si tratta di un rischio diffuso all’intero territorio, di fronte al quale la chiusura delle scuole potrebbe apparire, a giudizio di molti, un palliativo irrisorio se non dannoso: che senso ha chiudere le scuole se i ragazzi sono nell’immondizia comunque? Continua a leggere

Caserta( di Giuseppe Messina, nella foto. Autore foto: Andrea Pioltini)Questa volta a Lo Uttaro ci vada il sindaco con la fascia tricolore per far rispettare la legge e la sua ordinanza che dispone la chiusura della discarica illegale e pericolosa, fatta riaprire con un ennesimo atto di indecenza istituzionale dal prefetto- commissario Pansa. Noi lo seguiremo così come tutti i comitati, le associazioni e quanti, fra i cittadini onesti ed esasperati, chiedono semplicemente “normalità” Continua a leggere

In merito a grave allarme sanitario causato dall’apertura della discarica illegale, inquinante e pericolosa de Lo Uttaro, il COMITATO EMERGENZA RIFIUTI(nella foto 1. Cliccare sopra per ingrandire. Autore foto: Andrea Pioltini) invia lettera a: Alla c.a. del Sig. Sindaco di Caserta; Al Sig. Presidente dell’A. ProvincialeAl responsabile della ASL Caserta Ce1; Al responsabile ARPAC Caserta E, p.c. Assessore alla Sanità Regione Campania Angelo Montemarano; Assessore all’ambiente Regione Campania Luigi Nocera; Presidente Commissione Ambiente Regione Campania Michele Ragosta; Assessore all’Ambiente Provincia di Caserta Maria Carmela Caiola; Sindaci, consiglieri ed assessori dei Comuni di Caserta, San Nicola L. S., San Marco Ev., Maddaloni; Alla Stampa. Loro sedi.

Oggetto: Discarica illegale e pericolosa di Lo Uttaro. Richiesta atti e azioni cautelative per la salvaguardia della salute pubblica e dell’ambiente Continua a leggere