Il Sindaco chiede una Rosarno 2, e spara a zero sul volontariato: il CSV Asso.Vo.Ce. lancia un appello alle associazioni sul territorio

Castel Volturno(Ce)- Doveva essere il giusto compianto di una comunità per sei innocenti, vittime di una faida che dura ormai da troppo tempo nonché, forse, un’occasione per riflettere sulla condizioni per garantire una coabitazione serena tra cittadini italiani ed immigrati tesa ad un accrescimento comune. Il secondo anniversario della Strage di San Gennaro – quando sei ghanesi furono freddati dalla camorra davanti ad una sartoria di Castel Volturno – si è trasformato in una pericolosa cartina da tornasole dell’odio razziale sempre più diffuso e del pregiudizio che non riconosce al volontariato il suo giusto valore di “dono” di sé e di intervento sul sociale. Continua a leggere

Alife(Ce)-  In merito agli ultimi fatti scottanti avvenuti in questa città, perviene un forte messaggio di richiesta di aiuto rivolto al Vescovo della diocesi di Alife, mons.Valentino Di Cerbo. Continua a leggere

Napoli- Alle 9,22 di questa mattina 19 Settembre 2010  una folla di credenti stipati nel Duomo di Napoli ha salutato festante il nuovo “miracolo” di San Gennaro. Il sangue contenuto nelle ampolle si è infatti liquefatto, prefigurando prosperità e salute alla città e ai suoi abitanti. Un messaggio di speranza che però non è stato rimarcato dal cardinale Crescenzio Sepe. Nel corso della sua omelia, il porporato ha lasciato poco spazio alla fiducia in un futuro migliore, spegnedo l’entusiasmo di molti napoletani, atavicamente legati al prodigio del Santo patrono. Continua a leggere

CASTEL VOLTURNO(Ce) -(di Nunzio De Pinto)  Prende forma anche a Caserta il cinema africano. Pochi mezzi ma tante idee questo è lo slogan che lo caratterizza e che tiene in piedi il sogno di vedere anche nella nostra città film, documentari che trattano il tema degli immigrati delle loro storie, delle loro vite raccontate da loro stessi. Ragazzi e ragazzi che diventano attori, registi per raccontare la loro realtà dal di dentro. Salvatore Nappa autore e regista del film girato nel 2009 tra Napoli e Castelvolturno dal titolo “Non tutti i neri vengono per nuocere” sta profondendo un grande impegno per portare avanti questo progetto alla cui base c’è la necessità ed il piacere di raccontare un’altra Africa che non sia solo quella che ci fanno vedere. Continua a leggere

Castel Volturno(Ce)- (da segreteria Picierno) Pina Picierno, (nella foto) dopo la presenza al ventennale dell’ uccisione di Jerry Essan Masslo, l’africano innalzato a simbolo dello sfruttamento degli immigrati in territorio casertano, interviene sulla strage di Castelvolturno ad un anno dall’omicidio di sei cittadini dell’Africa uccisi dalla camorra. “ Si è detto che erano spacciatori, delinquenti, camorristi- commenta la deputata del Pd- invece erano solo immigrati nelle mani del caporalato, che si alzavano la mattina alle cinque per provare a trovare qualche ora di lavoro”. Un plauso per l’arresto degli autori della strage giunge dalla responsabile legalità del Pd. Continua a leggere

Castel Volturno(Ce)- (Da Tommaso Morlando) Cari amici, politici e stampa, invio questa nota sperando che giunga a quante più persone possibili visto il periodo feriale. Il fatto: su FB, si è avuta l’arroganza di creare un gruppo a favore della camorra e del camorrista Setola (arrestato per la strage di S.Gennaro avvenuta a Castel Volturno e che vide trucidati 6 ragazzi extracomunitari)  …dove si minacciano persone perbene e giovani politicamente impegnati …la cosa assurda,sembra, che a parteciparvi siano maggiormente giovani e studenti. Vi invito a denunciare in tutte le sedi e i modi che avete a disposizione quanto avviene perchè è una “sfida” alla legalità. Continua a leggere

DOMENICA 18 GENNAIO 2009: GIORNATA DEL MIGRANTE E RIFUGIATO: “Né stranieri né ospiti ma della famiglia di Dio”

Caserta- Anche quest’anno la Giornata mondiale del migrante e del rifugiato, che si celebrerà domenica 18 gennaio, verrà celebrata con la giusta attenzione nella nostra Diocesi, soprattutto quest’anno nel quale salutiamo il nostro Vescovo Padre Raffaele Nogaro (al centro della foto con il gruppo Azione cattolica e Caritas diocesi Caserta, gruppo famiglie,  Mov. per la Pace e Associaz. migranti & d. Sullo sfondo si può ammirare la maestosa “My Sweet Lord”(leggi), Croce Missionaria Internazionale della Pace. Autore foto: Andrea Pioltini)  che non ha mai mancato di essere presente laddove venivano negati e disattesi i diritti degli immigrati. Continua a leggere

Trentola Ducenta(Ce)- Il superlatitante Giuseppe Setola esponente di spicco del clan dei Casalesi, braccato dalle Forze dell’Ordine, è riuscito a dileguarsi, grazie all’avviso di una sentinella, calandosi attraverso un tombino collegato alla rete foglaria, dalla quale sarebbe “riemerso” in prossimità di un caseificio, dove pare abbia derubato un’auto dandosi quindi alla fuga, secondo un dispaccio d’agenzia insieme ad un complice, facendo perdere nuovamente le proprie tracce. Ma gli inquirenti non disperano, nella convenzione che intorno all’uomo, ritenuto il nuovo capo carismatico del “clan dei casalesi”, vi sia ormai terreno “bruciato” per cui, secondo i più ottimisti, la sua cattura sarebbe questione di ore. Continua a leggere

Castel Volturno(Ce)- (Da Missionari Comboniani)  27 – 29 Dicembre 2008:  Esercizi Spirituali Integrati  Un cammino spirituale e psicologico alla ricerca di se stessi, con la Parola di Dio. Questo corso di esercizi spirituali viene offerto a giovani che intendono intraprendere un cammino di consapevolezza maggiore nella propria vita e nel proprio rapporto con Dio. Il corso verrà predicato da Padre Giorgio Poletti, Missionario Comboniano da 13 anni a Castel Volturno. Saranno tre giorni di condivisione e comunione di vita con la comunità comboniana.  Continua a leggere

Venerdì 12 dicembre p.v. l’europarlamentare dei Verdi,  Monica Frassoni, a Caserta su “immigrazione e razzismo”

 Caserta- I Verdi di Caserta terranno venerdì 12 dicembre p.v., un convegno sul tema immigrazione e razzismo cui parteciperà la Presidente del Gruppo Verdi al Parlamento Europeo, on. Monica Frassoni, alle ore 18,00 al Jolly Hotel di Caserta.  Dopo la strage di Castel Volturno dove 6 onesti lavoratori immigrati hanno perso la vita senza aver commesso alcun crimine, bisogna ribadire con forza la necessità di una battaglia per i Diritti dei Migranti e Rifugiati. Continua a leggere

Castel Volturno(Ce)- (di Jean-René Bilongo, scrive da oltre due anni per Officina Volturno ultimamente viene invitato manifestazioni nazionali e dalla TV) In questi giorni c’è stata molta confusione su Castel Volturno e la sua gente. Io penso e dico che non possiamo essere eccessivamente ingenerosi con la terra che ci ha accolto. Castel Volturno e la sua gente non sono razzisti. Assolutamente no. Molti confondono il disagio, l’affanno del contesto, la mancanza di prospettive e il razzismo, quando si parla di Castel Volturno. A partire da noi, immigrati. Penso che ognuno debba fare una profonda introspezione, senza compiacimento, sul suo rapporto con questa striscia di terra. Per non parlare della stampa che, in queste settimane, ha fatto un ritratto terrificante della città, sotto il profilo umano. Ma questo è comprensibile in quanto fa parte della ricerca dello scoop, anche quando lo scoop non c’è.Io penso che il sentimento d’insofferenza, altrove più che a Castel Volturno, nei riguardi degli immigrati è dovuto alle difficoltà con le quali i cittadini devono quotidianamente fare i conti e che si chiamano depressione finanziaria e regressione economica. Continua a leggere

Il coordinamento del portale della provncia “Alto Casertano-Matesino & d” esprime vicinanza e solidarietà al giornalista  Roberto Saviano e invita i lettori tutti del portale ad aderire all’appello lanciato dall’Ass Jerry Masslo  di Casal di Principe e Libera (leggere di seguito)

Le sue parole sono state un autentico shock. “Lascio l’Italia, voglio vivere“. Roberto Saviano ha spiegato a Repubblica che il piano per uccidere lui e la sua scorta costituisce l‘atto finale di un assedio criminale che dura da molti mesi. Ecco quindi l’annuncio di volersi trasferire all’estero per riprendersi la vita: “Voglio una casa – dice – voglio innamorarmi, bere una birra in pubblico. Ho solo 28 anni“. Le prime reazioni nella società civile, sulla rete e nelle principali istituzioni, sono di doloroso stupore e di immediata solidarietà.

PERDETE OGNI SPERANZA A VOI CHE ENTRATE “. Se i giovani di Casale così parlano che futuro può esserci per questa terra? 

BASTA! ADESSO BASTA NOI RAPPRESENTIAMO IL NOSTRO TERRITORIO. NOI RACCOGLIAMO LE FIRME

Riportiamo DUE significative RIFLESSIONI di Renato e Franco Natale, inviate dal referente dell’Ass. Libera provinciale Valerio Taglione

Casal Di Principe(Ce)- (di Renato Natale) Cari amici vi scrivo da casalese ( purtroppo la lettera maiuscola se la sono aggiudicati i camorristi, a noi poveri e semplici cittadini dI questa Città spetta solo la minuscola) ; le scritte contro Saviano sui muri della nostra Città, le interviste ai ragazzi che frequentano le nostre scuole superiori, e a cittadini presi per strada, danno una immagine fortemente negativa di questo popolo. Saviano è in questo momento e in questa realtà la misura di una scelta; chi critica Saviano ( al di là anche di una  possibile fondatezza delle critiche ), nei fatti, qui ed ora, voglia o non voglia, è come se prendesse le parti della camorra, quasi vista come rappresentativa di tutti noi. Ritengo da casalese convinto che la maggioranza dei miei concittadini( voglio crederci ), dei giovani che frequentano le piazze, i bar e le scuole di Casale, non sono come quelli che ci fa vedere la TV , ma dobbiamo dimostrarlo in qualche modo; non dico di scendere in piazza, o gridare dalle finestre il nostro NO alla camorra,  non pretendo atti di eroismo inutile facendo nomi e cognomi di clan e criminali, vi chiedo solo una firma sotto un semplice documento con scritto solo una frase : “SONO CON E PER SAVIANO” ; di per se la firma diventa scelta di campo . Continua a leggere

CASTEL VOLTURNO (Ce)- E’ partito ieri mattina, poco prima delle 10.30, un corteo spontaneo dei commercianti di Castel Volturno, scortato da un forte contingente delle forze dell’ordine. Aperto da un cartello con la scritta «Dopo la strage degli africani lo Stato si vergogni», il corteo ha percorso la statale Domiziana, paralizzando il traffico in direzione Roma. Ha percorso cinque chilometri a piedi fino al Municipio di Castel Volturno. Dure le critiche all’amministrazione comunale, accusata di non fare abbastanza contro il degrado del territorio di Castel Volturno e la presenza di immigrati clandestini. Il 18 settembre furono giustiziati sei immigrati africani. Davanti al Municipio, protetto da un cordone delle forze dell’ordine, oltre 300 manifestanti hanno improvvisato un’assemblea con un megafono. Cori polemici contro i giornalisti ed una trasmissione televisiva della Rai, accusata di avere distorto la realtà dei fatti. «Non siamo razzisti, ma la legge è uguale per  tutti» è scritto su uno striscione. «Undici italiani morti, lo Stato dorme». «Sei africani morti, lo Stato si svergogna». La protesta. «Non siamo razzisti – ha detto uno degli organizzatori – chiediamo condizioni dignitose e rispetto delle leggi italiane per tutti». Tra i manifestanti anche due ragazzi di colore, uno dei quali di nazionalità italiana. «Il razzismo non c’entra niente – ha incalzato Daniele Patriarca, tecnico dell’Alitalia in pensione che vive a Castel Volturno Continua a leggere

Il Movimento per la PACE risponde alla camorra con l’arma disarmanrte della PACE. PACE e PACE a Castel Volturno e in tutto il territorio dominato dai clan dei casalesi & d. Un forte Messaggio di nonviolenza contro tutte le guerre di camorra é stato lanciato dal 1° Circolo didattico retto dalla dott.ssa Comune Patrizia, proprio nel giorno della Festa di S. Francesco d’Assisi, nella quale si celebra la Giornata nazionale della Pace. A lanciarlo proprio i giovani che rappresentano la vita ed il futuro della nostra terra come del mondo.

Castel Volturno(Ce)- (di Nunzio De Pinto) “In vista degli ultimi episodi di violenza accaduti nella città di Castel Volturno, fra cui la strage di camorra nel giorno S. Gennaro, abbiamo ritenuto opportuno  scegliere simbolicamente  questa città in provincia di Caserta per celebrare la “Giornata nazionale della Pace“, la cui ricorrenza annuale cade proprio il giorno 4 Ottobre, festa di S. Francesco d’Assisi patrono d’Italia, e lanciare così un forte messaggio di nonviolenza per dimostrare che é possibile unire le forze per il cambiamento ed il futuro di questa martoriata terra se facciamo emergere ed affermare in e fra noi la cultura del rispetto, della convivenza civile e della Legalità ad ogni logica di sopraffazione e di violenza”. Continua a leggere

Castel Volturno(Ce)- Solo chi vive in queste zone può comprendere appieno ciò che si stava vivendo e si vive quotidianamente dopo la strage di “S.Gennaro”. Il grande risultato ottenuto dallo Stato e dai Suoi massimi rappresentanti, è la risultanza di una presenza attiva e costante che gli uomini delle Forze dell’ordine hanno sul territorio e non da oggi. Adesso bisogna continuare e sostenere con fondi, personale e mezzi altamente specializzati il lavoro intrapreso. Con vivo e sentito compiacimento portiamo il plauso della nostra comunità, fatta di cittadini onesti, che credono fermamente nelle Istituzioni e sperano di poter vivere in un paese normale. Grazie! Continua a leggere