Casagiove(Ce)- Contrasto alla povertà, il sindaco Russo versa 8.783 euroCasagiove(CE) – Un appello accorato giunge al Sindaco Elpidio Russo, durante il Triduo pasquale e anche per questo risulta ancor più significativo – dalla testimonial per la Pace (altro…)

raniero-cantalamessa-478x318Quella di venerdi santo 18 Aprile 2014 è stata un’omelia molto intensa quella pronunciata oggi dal predicatore della Casa Pontificia, il cappuccino Raniero Cantalamessa, davanti a Papa Francesco durante la celebrazione della Passione del Signore. Il frate ha preso a pretesto il tradimento di Giuda Iscariota, che vende Gesù per “trenta sicli d’argento”, per sottolineare come sia il denato “nei fatti, l’altro padrone, l’anti-Dio”. A dirlo, spiega padre Cantalamessa, è Gesù quando dice “Nessuno può servire a due padroni: non potete servire a Dio e a Mammona”. (altro…)

chiesa grembiuleLa chiesa del grembiule (servizio). La Lavanda dei piedi “GLI UNI I PIEDI DEGLI ALTRI” (di don Tonino Bello Vescovo)
Il rito della lavanda dei piedi, celebrato il giovedì santo, ci metta nell’ animo una voglia struggente di servizio, di accoglienza, di ascolto e di Pace. Verso tutti. A partire dai più vicini. E ci mandi in crisi, più che mandarci in estasi. Perché, visto che siamo così lenti a convertirci, quella brocca è esposta al sacrilegio non meno della stessa eucaristia“.
Prima dei poveri che stazionano fuori del cenacolo ci sono coloro che condividono la casa e la Parola
Carissimi, ve lo confesso: è stata una sorpresa anche per me. Non avevo mai dato troppo peso a quella espressione pronunciata da Gesù dopo che ebbe finito di lavare i piedi ai discepoli:”Anche voi dovete lavarvi i piedi gli uni gli altri”.

(altro…)

giovedi santo lavanda piediLa chiesa del grembiule(servizio). La Lavanda dei piedi “GLI UNI I PIEDI DEGLI ALTRI”(di don Tonino Bello Vescovo)
Prima dei poveri che stazionano fuori del cenacolo ci sono coloro che condividono la casa e la Parola (altro…)

Roma- Per la quinta volta dall’ inizio del suo Pontificato, Benedetto XVI presiederà questa sera, alle 21.15, il rito della Via Crucis al Colosseo. L’evento, con le meditazioni scritte dal cardinale Camillo Ruini (si riportano di seiguito), che vedrà fra gli altri due iracheni portare la croce, sarà trasmesso in radiocronaca diretta dalla nostra emittente a partire dalle 21.05. Ma il 2 aprile è anche il quinto anniversario della morte di Giovanni Paolo II. In questa particolare coincidenza, la memoria non può non tornare alla sera di quel 25 marzo 2005, quando il Papa polacco, ormai costretto all’ immobilità, partecipava seduto nella sua cappella privata all’ultima Via Crucis della sua vita, ascoltando dalla televisione le riflessioni di colui che, meno di un mese dopo, sarebbe diventato il suo successore sul Soglio di Pietro. Nel suo servizio, Alessandro De Carolis ripropone le meditazioni che l’allora cardinale Joseph Ratzinger scrisse per la Via Crucis di quell’anno:

La croce di legno sarà forse ferma alla quarta stazione, forse in transito verso la quinta, sullo sfondo delle fiaccole e delle penombre del Colosseo, quando alle 21.37 di stasera scoccheranno l’ora e il minuto in cui cinque anni fa la folla ammutolita in Piazza San Pietro apprendeva della morte di Giovanni Paolo II. O forse la rievocazione del tragitto al Golgota avrà già toccato la settima stazione, quella della seconda caduta di Gesù e quella in cui il cardinale Ruini ricorderà la scomparsa di Papa Wojtyla. E probabilmente in tanti, tra la folla di stasera, ne rammenteranno il profilo curvo, ripreso di spalle e aggrappato alla Croce, in quel Venerdì Santo di cinque anni fa. Continua a leggere

Alife(Ce)- Il Triduo Pasquale  iniziato la sera del  Giovedi santo (Cena Domini) che culmimerà domenica di Pasqua 4 Aprile, quest’  anno per volontà di don  Domenico La Cerra,  parroco dell’ antica Cattedrale S. Maria Assunta di Alife,  é stato affidato ad un  sacerdote gesuita originario di  Ravenna, laureato in filosofia e  impegnato nell’ importantissimo compito dell’ ecumenismo e del Dialogo interreligioso, si tratta di: “Padre Paolo Gamberini” (nella foto 2 a dx). Attualmente padre Gamberini insegna a Napoli presso la Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale. Dinamico prete, già durante la cerimonia della “Cena Domini ” di Giovedi santo celebrata nel duomo di Alife, il sacerdote gesuita ha saputo tenere ben alta l’attenzione dell’  assemblea e creare da subito un clima di familiarità e di amicizia, scuotendo così dal torpore il popolo alifano poco o per nulla abituato a reagire. Di grande  interesse é stato il messaggio sviluppato durante l’omelia, sul significato dell’ Amore trasmessoci da nostro Signore, che proprio nella  giornata del Giovedi santo,  istituì il sacramento dell’ Eucarestia, massima espressione  dell’ Amore di Dio per l’umanità. Infatti Egli disse: “Ecco io sono con voi tutti i giorni sino alla fine di questo tempo..”. E sulle orme di Cristo, ogni cristiano é chiamato a testimoniare concretamente  nella vita d’ ogni giorno questo messaggio d’ Amore con tutti i fratelli che incontra sul suo cammino: in famiglia e nel mondo intorno. ” Continua a leggere

NELLA SUGGESTIVA VISIONE DEL CROCIFISSO SULL’ALTARE DELL’ANNUNZIATA. (Cliccare su ogni singola foto per ingrandire immagine)Piedimonte Matese(Ce)- (di Nicola Iannitti) Lunedì 17 Marzo, la corale “Regesta cantorum” onlus, nel decennale della sua fondazione, ha voluto partecipare alla Settimana Santa che culmina nel solenne Triduo pasquale della passione, morte e risurrezione di Cristo e che ha rappresentato per artisti e compositori, nel millennio trascorso, una profonda fonte di ispirazione per le loro creazioni.  Il concerto si è svolto nella  penombra  della chiesa dell’Annunziata, nella suggestiva visione del crocifisso illuminato sulla sommità dell’altare maggiore Continua a leggere